Reddito di cittadinanza: un diritto previsto dalla Costituzione

(Roma)ore 17:14:00 del 27/07/2016 - Categoria: Politica

Reddito di cittadinanza: un diritto previsto dalla Costituzione

Il secondo ha invece un respiro più ampio, collegato ai margini del piano di rientro graduale dal debito del Comune: stesso quantitativo di euro mese/anno, 300, ma base quintuplicata, cioè le 250 mila famiglie romane con i requisiti per ottenere l’assegno

Compatibilmente con questo si può ipotizzare. Alcuni comuni lo hanno adottato, come Pomezia e Livorno. Presumo che non sia una cosa che possa essere fatta in tempi molto rapidi, man mano che si rimettono a posto i conti del comune si può pensare al reddito comunale di cittadinanza». Su modello già adottato in varie parti d’Europa, in accompagno all’assegno il Campidoglio potrebbe pure creare due supporti da fornire a chi ha bisogno: una social card comunale, per situazioni di indigenza difficilmente recuperabile, e una social card disoccupati destinata a chi vive una difficoltà temporanea collegata alla mancanza di lavoro.

Il piano del governo Raggi è su base biennale e dipenderà dalle casse del Campidoglio. De Vito: 300 euro al mese per cinquantamila romani oppure la stessa cifra ma estesa a 250.000 persone di famiglie in difficoltà. Parte il progetto per il reddito comunale di cittadinanza. Il piano del governo Raggi è su base biennale e ovviamente è legato allo stato delle casse del Campidoglio. Già oggi l’incontro con il ex-commissario Francesco Paolo Tronca darà un quadro della situazione economica generale. Ma l’idea è quella di portare a regime il reddito di cittadinanza in due anni di amministrazione virtuosa.

CLAMOROSO A ROMA, ECCO LA PRIMA COSA DA FARE: VIRGINIA RAGGI VUOL ISTITUIRE IL REDDITO DI CITTADINANZA NELLA CAPITALE

Ma a cifre dieci volte inferiori rispetto a Roma, sia nel particolare che nel quadro generale: 300 euro al mese nella Capitale, 30 al mese nelle altre due città che hanno già messo in pratica il reddito di cittadinanza. «È una cosa prevista nel programma del Movimento 5 stelle, è chiaro deve essere poi valutata alla luce della situazione finanziati del comune, tenendo conto dei risparmi di spesa che si faranno via via, dell’aumento di alcune entrate che dovranno essere fatto – ha detto ieri il presidente dell’Assemblea capitolina Marcello De Vito -.

Già in Campidoglio gli assessorati competenti stanno facendo i primi calcoli, sono stati elaborati addirittura due piani di intervento per un doppio bacino di fruitori. Il primo è quello più stretto, forse con più garanzie di attuazione a medio termine: riguarda i 50mila romani che, per motivi di particolare indigenza o difficoltà economica, a fine 2018 avranno diritto all’assegno in base alle graduatorie, e prevede 300 euro al mese per dodici mesi, cioè 3600 euro all’anno per un totale di 180 milioni di intervento. Il secondo ha invece un respiro più ampio, collegato ai margini del piano di rientro graduale dal debito del Comune: stesso quantitativo di euro mese/anno, 300, ma base quintuplicata, cioè le 250 mila famiglie romane con i requisiti per ottenere l’assegno dal Campidoglio, per un totale di 900 milioni di euro di intervento. Ovviamente si tratterebbe di una svolta, annunciata sì nel format di programma elettorale del Movimento 5 Stelle e già portata avanti in città cinquestelle come Livorno e Pomezia.

CLICCA MI PIACE PER SEGUIRCI SU FACEBOOK!

Autore: Luca

Notizie di oggi
Saviano, Volo, Litizzetto, Hunziker: come i VIP manipolano il POPOLINO
Saviano, Volo, Litizzetto, Hunziker: come i VIP manipolano il POPOLINO
(Roma)
-

Silenzio, retorica e complicità: i VIP italiani e la guerra in Siria
Da settimane, sui social è diventata virale la campagna di...

M5S nuovo grande partito di CENTROSINISTRA?
M5S nuovo grande partito di CENTROSINISTRA?
(Roma)
-

Dalle battaglie sociali alla partecipazione. Il Movimento Cinque Stelle, con tutti i suoi difetti e le sue contraddizioni interne, si è impadronito di un'eredità. Per adesso o per sempre?
Essere di sinistra può assumere tante connotazioni: estetiche, industriali,...

Elettori BEFFATI: Di Maio cambia programma su Euro, Russia e Nato
Elettori BEFFATI: Di Maio cambia programma su Euro, Russia e Nato
(Roma)
-

Due cattivoni assoluti – la guerra e l’euro – sono letteralmente spariti dalla fiaba “flessibile” dei 5 Stelle: prima delle elezioni funzionavano per ottenere voti, ma ora sono stati “sbianchettati” in funzione governativa. Della serie: perché nulla cambi
Due cattivoni assoluti – la guerra e l’euro – sono letteralmente spariti dalla...

Politici non mantengono promesse? Sono LICENZIABILI PER LEGGE, ma nessuno lo sa
Politici non mantengono promesse? Sono LICENZIABILI PER LEGGE, ma nessuno lo sa
(Roma)
-

Il 4 marzo 1999 il Partito Umanista presentò alla Camera dei Deputati una proposta di Legge di Iniziativa Popolare, corredata da oltre 50.000 firme di elettori, intitolata “Norme sulla Responsabilità Politica”.
Il 4 marzo 1999 il Partito Umanista presentò alla Camera dei Deputati una...

I Pacifisti? I PEGGIORI GUERRAFONDAI (quando gli fa comodo!)
I Pacifisti? I PEGGIORI GUERRAFONDAI (quando gli fa comodo!)
(Roma)
-

Ma com’è diventata smart la guerra. Davvero nice. E non è solo Donald Trump a dirlo, elogiando i suoi missiloni nuovi di pacca, ultimo modello superaccessoriato di serie
Ma com’è diventata smart la guerra. Davvero nice. E non è solo Donald Trump a...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati