Redditi dei ministri: PRIMA VALERIA FEDELI, SENZA LAUREA NE' DIPLOMA!

(Milano)ore 08:24:00 del 07/03/2017 - Categoria: , Denunce, Economia, Politica

Redditi dei ministri: PRIMA VALERIA FEDELI, SENZA LAUREA NE' DIPLOMA!

E' LA MINISTRA DELL'ISTRUZIONE, VALERIA FEDELI, LA PIÙ RICCA DEL GOVERNO GENTILONI. LA TITOLARE DEL MINISTERO DI VIALE TRASTEVERE NELLA DICHIARAZIONE PER L'ANNO 2016 HA UN REDDITO IMPONIBILE DI 180.921 EURO.

E' LA MINISTRA DELL'ISTRUZIONE, VALERIA FEDELI, LA PIÙ RICCA DEL GOVERNO GENTILONI. LA TITOLARE DEL MINISTERO DI VIALE TRASTEVERE NELLA DICHIARAZIONE PER L'ANNO 2016 HA UN REDDITO IMPONIBILE DI 180.921 EURO. In coda, il ministro per le Politiche Agricole, Maurizio Martina, con 46.750 euro. E' quanto emerge dalla pubblicazione sul sito parlamento.it delle dichiarazioni patrimoniali dei senatori e dei deputati della XVII Legislatura, dei ministri, viceministri e sottosegretari non parlamentari dei governi Renzi e Gentiloni, dei tesorieri e dei dirigenti non parlamentari di associazioni, movimenti o partiti politici.

Il presidente del Senato, Pietro Grasso, nel 2016 ha dichiarato un reddito di  340.563 euro. Oltre il doppio di Laura Boldrini, presidente della Camera, imponibile da 144.883 euro.

Il ministro della Coesione territoriale, Claudio De Vincenti, ha un reddito imponibile di 97.728 euro, dietro di lui Gian Luca Galletti - l'anno scorso il più ricco del governo Renzi - con 97.631 euro, la ministra della Salute, Beatrice Lorenzin, con 97.576 euro, la ministra della difesa, Roberta Pinotti, con 96.663 euro, la sottosegretaria alla presidenza del consiglio Maria Elena Boschi con 96.571 euro, il ministro dell'interno, Marco Minniti, con 92.237.

In coda, a sosrpresa, c'è anche il ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan, passato dai 216 mila euro dell'esordio con il governo Renzi ai 49.958 euro dichiarati nel 2016, e il ministro dell'Agricoltura, Maurizio Martina, che come detto ha un imponibile di 46.750 euro.

Una curiosità: nel 2016 scende in modo clamoroso il reddito imponibile di Beppe Grillo, passato dai 355.247 euro per il 2015 (quando vendette, fra l'altro, l'appartamento di Lugano in Svizzera) ai 71.957 euro nel 2016. Reddito quasi senza variazioni da un anno all'altro invece per l'ex premier ed ex segretario Pd Matteo Renzi: nel 2015 dichiarava 107.960 euro mentre nel 2016 il reddito imponibile è stato di 103.283 Euro.

Autore: Gregorio

Notizie di oggi
Contratto GOVERNO: sgravi per gli asili nido solo alle famiglie italiane
Contratto GOVERNO: sgravi per gli asili nido solo alle famiglie italiane
(Milano)
-

Nell’intesa siglata da Matteo Salvini e Luigi di Maio sono stati inseriti gli sgravi per gli asili nido, ma solo per le famiglie italiane. Nel contratto Salvini aggiunge la “ruspa”: verranno smantellati anche i campi rom autorizzati e regolari.
Luigi Di Maio e Matteo Salvini stanno limando gli ultimi punti prima di...

JUVENTUS DIFFIDATA! 36 scudetti? PUBBLICITA' INGANNEVOLE!
JUVENTUS DIFFIDATA! 36 scudetti? PUBBLICITA' INGANNEVOLE!
(Milano)
-

La Juventus sostiene di aver vinto 36 scudetti ma secondo l’avvocato napoletano Angelo Pisani si tratta di “pubblicità ingannevole”.
La Juventus sostiene di aver vinto 36 scudetti ma secondo l’avvocato napoletano...

L'Aquila: scuole ricostruite dopo il terremoto? ZERO!
L'Aquila: scuole ricostruite dopo il terremoto? ZERO!
(Milano)
-

A quasi 9 anni la situazione è invariata, nessun edificio scolastico è stato ricostruito
I bambini nati dopo il 2007, a L’Aquila, potrebbero essere definiti la...

Non tagliateci i vitalizi. Gli ex Parlamentari scrivono a Fico e Casellati!
Non tagliateci i vitalizi. Gli ex Parlamentari scrivono a Fico e Casellati!
(Milano)
-

Gli ex parlamentari scrivono ai presidenti di Camera e Senato, Roberto Fico ed Elisabetta Casellati, per avviare un confronto sul tema dell’abolizione dei vitalizi, mettendo tuttavia in guardia i vertici delle istituzioni sul rischio incostituzionalità di
Gli ex parlamentari scrivono ai presidenti di Camera e Senato, Roberto Fico ed...

Rifiuti, la raccolta differenziata non basta piu'
Rifiuti, la raccolta differenziata non basta piu'
(Milano)
-

Arriva in questi giorni la notizia del deferimento dell’Italia alla Corte europea per una serie di infrazioni di tipo ambientale: la questione degli olivi e della Xylella, l’inquinamento da pm10 e la gestione dei rifiuti radioattivi.
Arriva in questi giorni la notizia del deferimento dell’Italia alla Corte...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati