Recensione Impact Winter

(Firenze)ore 17:48:00 del 06/05/2017 - Categoria: , Videogames

Recensione Impact Winter

Gli effetti si sono subito fatti sentire, i raggi solari sono stati schermati da una spessa coltre di fumi e questo ha portato ad un abbassamento improvviso delle temperature, causando così la quasi immediata estinzione di piante e animali e una successiv

La salute del gruppo dipende dalla nostra abilità di soddisfare le richieste specifiche dei singoli, a loro volta legate alle skill (capacità di creare pasti nutrienti, costruzione di item tecnologici, e così via), e allo stesso tempo di tenere in equilibrio i parametri principali che li sostengono (energia, temperatura corporea, sazietà, sete e morale, quest’ultimo influenzato da tutti gli altri), ben attenti all’aiuto che possono dare al gruppo a seconda della situazione. Per lo stesso motivo possiamo accuratamente razionare le risorse, in modo che i compagni se ne servano automaticamente sia all’interno del rifugio, in termini di puro sostentamento, che nelle missioni all’esterno (svolte per gli NPC solo in background), con coerenti boost delle loro statistiche.

L’incipit di Impact Winter non è certo una sorpresa, ma il solo fatto che si parli di un abbozzo narrativo differenzia il titolo di Mojo Bones dal restante 99% dei survivor game. La terra come la conosciamo noi non è che uno sbiadito ricordo ed è oramai ridotta ad una immensa landa desolata di ghiaccio e neve dopo che un meteorite largo 5 chilometri ne ha colpito la superficie. Gli effetti si sono subito fatti sentire, i raggi solari sono stati schermati da una spessa coltre di fumi e questo ha portato ad un abbassamento improvviso delle temperature, causando così la quasi immediata estinzione di piante e animali e una successiva strage anche tra gli esseri umani. In queste condizioni estreme è impossibile parlare di società o comunità, con i pochi sopravvissuti organizzati in piccoli gruppi che occupano ciò che rimane delle città sepolte dopo le tempeste del lungo inverno, come la chiesa dove troviamo il nostro protagonista. Jacob Solomon è un uomo qualunque, non ha superpoteri e non è un soldato geneticamente modificato, ma grazie alla sua leadership assume esattamente quello che è il ruolo dei vari Rick o Jack in The Walking Dead o Lost. Jacob diventa così la guida di uno sparuto gruppo di superstiti, le cui speranze di sopravvivenza sono tenute in vita da un misterioso messaggio recapitatogli da Ako-Light, un simpatico droide creato da Christophe, l’ingegnere nerd del gruppo. La registrazione, seppur distorta e mezza cancellata, appare chiara: tra trenta giorni arriveranno i soccorsi. Da questa flebile speranza prende a tutti gli effetti il via Impact Winterun peculiare suvivor game dove il tempo assume un ruolo fondamentale, a differenza dei suoi simili dove l’agonia non ha un limite fissato, mancanza che priva l'esperienza di gioco di un vero obiettivo. Al contrario, Impact Winter gioca tutto sul fattore tempo, non solo per via dei trenta giorni di scadenza, ma anche perché molte delle azioni compiute da Jacob hanno il potere di accorciare questo lasso fatale e così costruire una trappola per conigli non ha solo il vantaggio di procurarsi con più facilità del cibo, ma anche di far scorrere le lancette dell’orologio più velocemente.

Dream team chi?

Dover sopravvivere per un mese, all’apparenza, non dovrebbe nemmeno essere troppo complicato, se mi trovassi in una situazione simile azzererei le mie funzioni vitali standomene tranquillo sul divano girandomi solo le mutande all’occorrenza per evitare inutili sprechi di energie ma, vuoi perché un simulatore di biancheria intima non avrebbe molta presa sul pubblico, vuoi per le temperature costantemente sotto zero e per i frequenti raid di scavenger - avete presente gli umani in The Walking Dead? Esattamente quelli - Impact Winter costringe il giocatore a una continua collaborazione con lo sparuto gruppetto di forzati fedeli della chiesa abbandonata. Le dinamiche di relazione, contrasti e compiti che si innestano fra i compagni di disavventura sono di certo una fra le più piacevoli varianti in tema di sopravvivenza introdotte da Mojo Bones, novità che però nascondono non poche insidie, volute e non volute: nulla vieta di ignorare il resto della squadra, il bello di Impact Winter è che l’unico vero obiettivo finale è tenere in vita il solo Jacob per tutti e trenta i giorni, ma far perire poco alla volta i rifugiati significa privarsi delle loro abilità e delle loro storie, riducendo così le probabilità di campare oltre l’ora X. Nella fase iniziale del tutorial vengono presentati il già citato Christophe, la cuoca Wendy, la meccanica Maggie e il reduce nonché esperto in tecniche di sopravvivenza Blane, ognuno dei quali con le proprie abilità particolari: ad esempio Wendy è in grado di preparare pietanze più sostanziose e nutrienti, Christophe è l’addetto agli upgrade del drone Ako-Light, mentre Maggie si occupa di tutte ciò che rende più sicuro ed ermetico il rifugio improvvisato. In tutto questo Jacob gioca il ruolo del direttore d’orchestra, ma di un’orchestra che non muoverebbe nemmeno un muscolo se non guidata passo dopo passo dal loro leader. Jacob deve decidere per loro la distribuzione delle razioni e cosa craftare, ma soprattutto è costretto a ravvivare ogni due per tre il fuoco al centro della chiesa, perché all’apparenza nessuno vuole sporcarsi le mani con la legna e col carbone, preferendo così morire di freddo. Almeno in questa versione di prova, l’intelligenza degli NPC non è parsa in grande spolvero: ogni personaggio ha vari parametri vitali, legati all’energia, alla fame, alla sete e alla felicità, ma ogni tanto questi valori scendevano pericolosamente vicini allo zero, semplicemente perché il Christophe di turno decideva di farsi una passeggiata in mezzo alle rovine della chiesa al posto che andare a dormire.

Lavoro di squadra

I compagni di viaggio non sono per fortuna solo delle palle al piede, ma interagendo con essi si viene a conoscenza del loro passato e del loro ruolo in questa labile società, dando così il via a delle vere e proprie storie, una serie di missioni capaci di dare maggior senso all'immancabile recupero delle risorse sparse nei vari ruderi, elemento imprescindibile di ogni survivor game che si rispetti. Mojo Bones ha saputo giocare abilmente con questi vari obiettivi, perché seguire e portare a termine tutto ciò che viene chiesto dal resto della squadra appare pressoché impossibile, e dunque sta al giocatore decidere se avere magari un rifugio più sicuro a discapito di trappole più efficaci per catturare la poca selvaggina rimasta in vita. I sopravvissuti nella chiesa non si limitano inoltre a dare compiti sempre nuovi a Jacob, ma sottopongono al loro leader varie questioni, come la scelta se aiutare o meno qualche sopravvissuto al di fuori della loro comunità, regalandogli ad esempio una razione di cibo. In base alle decisioni prese, ciascuno risponderà secondo il suo carattere, con ripercussioni sulla felicità e sulle relazioni di gruppo. Non è inoltre raro imbattersi in sparuti gruppetti di sopravvissuti che vagano per le distese innevate, gente menomata, un altro che è alla ricerca delle sue razioni o un disperato che vuole recuperare da un mercante un prezioso ricordo di un suo caro parente. Anche queste interazioni si traducono in un’altra serie di missioni utili per conquistare nuovi punti esperienza e per accorciare l’attesa per l’arrivo dei soccorsi. Al di là delle motivazioni che spingono Jacob a spingersi oltre le quattro mura sicure del suo rifugio, come in tutti i survivor game, l’esperienza di gioco ruota alla raccolta e al recupero delle risorse, sparse fra cassetti, armadi, macchine in panne, frigoriferi, specchi e chi più ne ha più ne metta. Dovendo utilizzare Jacob come una specie di corriere, è stato piuttosto fastidioso trovarsi davanti una gestione dello zaino del tutto simile a quanto presentato nei Resident Evil classici, una specie di tetris dove incastrare letteralmente ogni singola bottiglia, il pasto, quello che si stava recuperando e magari un fucile, che da solo porta via metà dello spazio. Avanzando nell’avventura gli slot saranno ampliati, ma questo sistema di gestione rende fin troppo macchinosa la ricerca dei materiali e delle risorse.

Autore: Sasha

Notizie di oggi
Anteprima SuperHot VR
Anteprima SuperHot VR
(Firenze)
-

In Superhot VR comunque non ci si muove nell’ambiente di gioco; il nostro alter ego, di cui vediamo solo le mani, rimane infatti fermo in un punto del livello e deve respingere le ondate di nemici fino al passaggio al livello successivo.
Per questo suo esordio nella realtà virtuale Superhot Team ha scelto di offrire...

Anteprima God Wars Future Past
Anteprima God Wars Future Past
(Firenze)
-

Kintaro, con l’aiuto di Kuma, libera la principessa solo per scoprire che la genitrice è in realtà scomparsa da molti anni.
Il setting di God Wars : Future Past si stabilisce abbastanza in fretta. Nei...

Anteprima Splatoon 2
Anteprima Splatoon 2
(Firenze)
-

C'era una volta e c'è ancora, perché Splatoon 2 muove i primi passi capitalizzando sul succeso del precedente capitolo e arriva su Switch con un pacchetto completo e che riesce in quel trucchetto che sembra non diventare mai vecchio: dopo tanti mesi in co
La Grande N ci tiene su di giri con un flusso continuo di giochi di alta qualità...

Anteprima Minecraft Story Mode Season Two Episode I
Anteprima Minecraft Story Mode Season Two Episode I
(Firenze)
-

Stessa formula di sempre, anche questa  nuova serie è disponibile sia acquistando singolarmente ogni episodio, sia tramite Season Pass (28,99 €) e assicurandosi tutti e cinque gli episodi.
Una nuova minaccia, nuove avventure, nuovi compagni di viaggio, la seconda...

Last Day of June, guida
Last Day of June, guida
(Firenze)
-

Ripensandoci tutto ciò che sappiamo, che abbiamo imparato, che abbiamo scoperto e perfino fatto a livello di gameplay, lo abbiamo fatto nel silenzio.
Si tratta di uno di quei titoli che riescono a catturare semplicemente...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati