Recensione Dragon Ball Xenoverse

BOLZANO ore 23:42:00 del 09/03/2015 - Categoria: Videogames

Recensione Dragon Ball Xenoverse

Recensione Dragon Ball Xenoverse. Bandai Namco rivoluziona la saga del gioco alterando addirittura la storia. Leggi la recensione

Per quanti anni, Bandai Namco, ha invitato i fan di Dragon Ball a rivivere le avventure di Goku e dei Guerrieri Z, spingendoli a rigiocare ancora e ancora sempre gli stessi scontri? D'altra parte, quando si ha fra le Mani un marchio del calibro del gioiello di Akira Toriyama, è davvero difficile accettare i rischi legati a un suo eventuale stravolgimento. Eppure, per la prima volta, il publisher ha deciso di invertire la rotta e di provare ad osare, creando un'esperienza narrativa inedita legata alle saghe più famose di Dragon Ball Z. Con Dragon Ball Xenoverse, infatti, viene data al giocatore l'opportunità di creare un personaggio inedito attraverso un editor particolarmente ricco e corposo, per poi partecipare personalmente ad alcune delle scene iconiche della celebre serie animata, opportunamente modificate per l'occasione.

A causa di alcuni eventi misteriosi, infatti, il normale scorrere del tempo è stato alterato, e i principali antagonisti di Goku e compagni hanno ottenuto la forza per ribaltare gli Incontri che normalmente li avrebbero visti soccombere, tutto grazie a un bizzarro potere oscuro. Per impedire il completo stravolgimento della storia, Trunks chiede al drago Shenron di evocare un guerriero capace di aiutare la Time Patrol a tenere sotto controllo la situazione. Il guerriero misterioso, naturalmente, è quello creato e controllato dal giocatore, che dopo aver scambiato quattro chiacchiere con Trunks e aver avuto modo di esplorare la città di Tokitoki City, può affrontare le varie sfide che gli vengono proposte. Nel corso dell'avventura principale, il personaggio controllato dal giocatore viene chiamato a intrufolarsi nelle scene storiche della saga di Dragon Ball e, una volta lì, di aiutare i personaggi iconici della serie a superare le nuove difficoltà presentatesi.

Tutto questo permette di rivivere sequenze ormai note, in modi completamente diversi, apprezzando anche nuove scene animate realizzate con l'ottimo motore del gioco. Vedere Radish liberarsi dalla presa di Goku (conseguentemente abbattuto da Piccolo), e vincere lo scontro è decisamente esaltante, come lo è ritrovarsi a vestire i panni di Ginew, dopo lo scambio di corpo che avrebbe dovuto coinvolgere qualcun altro. Grazie a questo stratagemma, per la prima volta dopo tanto tempo, la Campagna principale di un gioco di Dragon Ball risulta divertente, godibile, e mai scontata, dettaglio che aiuta a catturare l'attenzione dei giocatori fino alla fine.

A questo si affianca una struttura di gioco interessante, che permette di modificare, personalizzare e potenziare continuamente il proprio eroe virtuale, capitolo dopo capitolo, spendendo i punti accumulati dopo ogni vittoria. A seconda delle sfide portate a termine e degli approcci utilizzati, si sbloccano abilità differenti, che possono essere ulteriormente approfondite passando del tempo insieme ai personaggi storici della serie, in una sorta di apprendistato virtuale. Questo garantisce ai giocatori un controllo quasi totale sulla crescita del personaggio da essi creato, permettendo di realizzare con grande semplicità il proprio eroe ideale.

Modalità avventura a parte, la maggioranza dei più recenti titoli di Dragon Ball non ha saputo rivelarsi all'altezza delle aspettative anche per via di un gameplay spesso troppo caotico e difficile da gestire, che in un modo o nell'altro andava a rovinare l'esperienza finale. I ragazzi di Dimps, responsabili della mai troppo lodata saga Budokai, hanno apportato alcune modifiche a quanto visto in Battle of Z, bilanciando l'esperienza e, soprattutto, eliminando completamente gli improbabili QTE che rendevano ogni scontro un vero inferno. Potrà sembrare strano, ma già la semplice eliminazione dei QTE ha giovato moltissimo al sistema di combattimento di Battle of Z. L'azione resta ancora troppo caotica, ma con un po' di impegno (e studiando le combo dei vari personaggi) è possibile dare vita a battaglie appassionanti a base di sequenze di colpi lunghe e spettacolari. Ogni personaggio può contare su una serie di attacchi deboli, sui colpi potenti (che possono anche essere caricati per aprire la guardia avversaria), e sull'immancabile ventaglio di tecniche basate sull'aura, marchio di fabbrica della serie.

Usando le giuste combinazioni di tasti è possibile bloccare la visuale su un bersaglio specifico (Tasto R1), muoversi con scatti repentini e, naturalmente, teletrasportarsi alle spalle del rivale, sia in fase offensiva (nel bel mezzo delle combo), che in quella difensiva, a patto di avere abbastanza aura per poter sfruttare tale tecnica.Sfortunatamente siamo ancora lontani dai fasti ludici apprezzati con i tre capitoli della serie Budokai, ma è anche vero che una simile profondità e precisione non può essere raggiunta mantenendo la meccanica full 3D su cui si sono basati i giochi di Dragon Ball degli ultimi anni. Finché sarà possibile muoversi liberamente per le ambientazioni, i giocatori dovranno fare i conti con una telecamera ubriacante e con un sistema di controllo inutilmente complesso.In questo, Xenoverse non fa passi avanti particolari, ma l'esperienza globale rimane comunque piuttosto gratificante. Oltre alle missioni legate alla storia principale, è possibile affrontare una vasta gamma di Missioni Parallele, durante le quali si vivono combattimenti di ogni tipo, da soli o in compagnia di altri due personaggi.

I compagni di squadra possono essere composti da guerrieri controllati dalla CPU, o da giocatori umani, dettaglio che permette di godere di una intrigante modalità cooperativa fino a un massimo di tre giocatori.La modalità multiplayer, ovviamente, non è limitata alla coop, ma permette anche di organizzare battaglie (offline e online) 1 contro 1, 2 contro 2 o 3 contro 3, garantendo un buon numero di approcci differenti a seconda della soluzione scelta.Se siete fan, possiamo tranquillamente consigliarvi l'acquisto di Dragon Ball Xenoverse, a prescindere dalle prestazioni dell'online. Il roster non è vastissimo, è vero, ma l'approccio fresco rispetto agli altri titoli dedicati alla celebre saga di Akira Toriyama, merita tutta la vostra attenzione.

Autore: Gerardo

Notizie di oggi
Anteprima Star Ocean The Last Hope
Anteprima Star Ocean The Last Hope

-

Naturalmente alla fine Star Ocean: The Last Hope é arrivato anche su PlayStation 3, altrimenti questo articolo non avrebbe senso di esistere.
La storia di Star Ocean é sempre stata un po' convulsa: il primo episodio uscì...

Anteprima Demon's Souls
Anteprima Demon's Souls

-

Si muore da soli, nelle lande di Demon's Souls: tra il silenzio delle roccaforti del Palazzo del Re, tra i lamenti della Torre di Latria, gli spiriti si allontanano dal corpo lasciando solo una pozza di sangue, un miserabile residuo della loro essenza.
No one wishes to go on..." - Re Allant Strisciando come un verme, infimo e...

Anteprima World of Final Fantasy
Anteprima World of Final Fantasy

-

Il titolo si rivelò una piccola sorpresa, ideale per ingannare il tempo, da oggi anche su PC, in vista dell’uscita di Final Fantasy XV, grazie al porting uscito da poco su Steam.
Un anno fa uscì su PS4 e PS Vita World of Final Fantasy, uno spin-off della...

Anteprima ufficiale Monster Hunter World
Anteprima ufficiale Monster Hunter World

-

Come se i 14 set di armi differenti, le pozioni, le trappole o il crafting non bastassero, infatti, in Monster Hunter World anche l'ecosistema nel quale andremo a caccia prenderà vita e sarà in grado di vivere di vita propria.
Los Angeles - Zitta zitta Sony è riuscita a piazzare un altro grande colpo....

Anteprima My Tamagotchi Forever
Anteprima My Tamagotchi Forever

-

Nel tentativo di rendere di nuovo il marchio Tamagotchi appetibile agli occhi del grande pubblico, Bandai-Namco ha deciso di distribuire gratuitamente su iOS e Android My Tamagotchi Forever, sorta di rivisitazione in chiave moderna del giocattolo munito d
Fenomeno di costume e successo globale nella seconda metà degli anni...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati