Quando il vecchio SOCIAL era il MURETTO: che fine faranno le nuove generazioni?

(Cagliari)ore 21:25:00 del 18/03/2017 - Categoria: , Curiosità, Salute, Scienze, Sociale

Quando il vecchio SOCIAL era il MURETTO: che fine faranno le nuove generazioni?

DA ADOLESCENTI CI SI INCONTRAVA SU UN MURETTO, IN UNA PIAZZA, QUALSIASI POSTO ANDAVA BENE PUR DI SOCIALIZZARE DAL VIVO, CONFRONTARSI, STARE INSIEME.

DA ADOLESCENTI CI SI INCONTRAVA SU UN MURETTO, IN UNA PIAZZA, QUALSIASI POSTO ANDAVA BENE PUR DI SOCIALIZZARE DAL VIVO, CONFRONTARSI, STARE INSIEME.

Quando decidevamo di incontrarci riuscivamo a farlo sapere a tutti, non avevamo la rete ma il passaparola, che correva più veloce di un social network.

Era sufficiente arrivare al “nostro” muretto per sentirci bene, che fosse quello di una scuola, di un bar, di un parco o di un patronato per sentirci “connessi” con noi stessi e con gli altri.

Era il “nostro” punto di ritrovo per staccare la spina, per confrontarci con il nostro mondo, per parlare la stessa lingua, per sentirci parte di un gruppo dove ridere fino a crepapelle per gli scherzi agli amici o, piangere e disperarci per la fine di una storia d’amore. Era il nostro “micro-sistema”: completo, funzionante ed appagante.

Oggi invece i social sembrano essere, al di fuori della scuola, il solo mezzo di relazione tra i ragazzi, e tale situazione è diventata  ingestibile per via dello sviluppo di queste tecnologie atte ad isolare l’uomo dalla realtà.

Noi, crescendo sul muretto sappiamo di essere cresciuti con certi valori che abbiamo iniziato a toccare con mano già dalla nostra infanzia, ma loro, i nostri ragazzi di oggi sempre iperconnessi , come saranno in futuro?

Per l’adolescente urge la necessità improrogabile di confrontarsi con gli altri, con un mondo di persone che non abitano in casa e di cui non può fare a meno, per crescere.
Senza la socializzazione, infatti, rischierebbe di rimanere per sempre il cucciolo di mamma e papà, pronti a proteggerlo per evitargli fallimenti e pericoli.

I social network rischiano di lasciare i ragazzi sprovvisti di competenze pro-sociali, necessarie per vivere legami e affetti nel mondo reale.

Per come stanno andando le cose oggi, gli adolescenti crescono sui social, sono forti con le tastiere ma molli nella vita reale, dalla quale cercano sempre di sfuggire per rinchiudersi nel loro mondo ideale, quello virtuale, senza rischi ne pericoli, dove si può sbagliare senza il rischio di ricevere un pugno, dove si può ottenere facilmente approvazione pubblicando un selfie “eroico”.

Alcuni ricercatori hanno evidenziato come, nella socializzazione online, gli studi più recenti dimostrano che le aree del cervello responsabili del comportamento sociale non si sviluppano in maniera normale. Il risultato è che i giovani sanno sempre meno come comportarsi nella vita reale di tutti i giorni.

Come possiamo risolvere il problema?

Noi genitori dovremmo dare delle valide ed allettanti alternative al Web per fare in modo che i nostri figli si isolino il meno possibile. Potremmo ad esempio creare occasioni dove possano stare insieme e passare giornate o serate in compagnia, come ad esempio invitare ragazzi a casa, organizzare cene, intimarli ad uscire senza paura, farli vivere il più possibile tra la gente e il rischio, in modo che possano assaporare l’agrodolce della vita,  imparare a cadere senza farsi troppo male e a ricercare sempre la loro “connessione” con se stessi e il mondo.

Da: QUI

Autore: Luca

Notizie di oggi
Tumore al cervello per uso del cellulare: prima sentenza
Tumore al cervello per uso del cellulare: prima sentenza
(Cagliari)
-

Gli era venuto un cancro perché usava il telefonino per lavoro, per più di tre ore al giorno per 15 anni e adesso l'Inail è stata condannata a pagare la rendita perpetua per il danno sul lavoro subito da un dipendente Telecom.  
Gli era venuto un cancro perché usava il telefonino per lavoro, per più di tre...

Siem Pilot: la nave che porta i migranti in Italia. VIDEO SHOCK
Siem Pilot: la nave che porta i migranti in Italia. VIDEO SHOCK
(Cagliari)
-

QUESTA L’INCREDIBILE ATTIVITÀ DELLA NAVE SIEM PILOT, CHE PORTA I MIGRANTI DALLE COSTE LIBICHE ALLE COSTE ITALIANE, CAMPANE, SICILIANE E SOPRATTUTTO SARDE.
QUESTA L’INCREDIBILE ATTIVITÀ DELLA NAVE SIEM PILOT, CHE PORTA I MIGRANTI DALLE...

PER TUTTI QUELLI NATI DAL 1950 AL 1980 DOVETE LEGGERLA ASSOLUTAMENTE: CONDIVIDETE!
PER TUTTI QUELLI NATI DAL 1950 AL 1980 DOVETE LEGGERLA ASSOLUTAMENTE: CONDIVIDETE!
(Cagliari)
-

Alcuni studenti non erano brillanti come altri e quando perdevano un anno lo ripetevano. Nessuno andava dallo psicologo, dallo psicopedagogo, nessuno soffriva di dislessia né di problemi di attenzione né d’iperattività; semplicemente prendeva qualche scap
1.- Da bambini andavamo in auto che non avevano cinture di sicurezza né...

Cellulare alla Guida, da Maggio 2017 RITIRO DELLA PATENTE
Cellulare alla Guida, da Maggio 2017 RITIRO DELLA PATENTE
(Cagliari)
-

Troppa gente guida utilizzando il cellulare e mettendo così a rischio la propria incolumità oltre che quella degli altri.
Troppa gente guida utilizzando il cellulare e mettendo così a rischio la propria...

Immigrazione, ecco cosa non ti dicono
Immigrazione, ecco cosa non ti dicono
(Cagliari)
-

Se escludiamo la parte di territorio non abitabile, come deserti per l’Africa e le montagne per la nostra penisola, il rapporto cresce: l’Italia ha, in proporzione, più montagne di quanto deserto ci sia nel continente africano.
L’Africa conta circa 1,1 miliardi di abitanti con una densità di 33 abitanti per...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati