Putin difende la sua popolazione

(Genova)ore 13:18:00 del 15/10/2016 - Categoria: Denunce, Esteri

Putin difende la sua popolazione

A quel punto il Presidente della Russia affronta la situazione di petto e arriva a minacciare gli oligarchi

Il crollo dell’Urss non l’aveva scalfita. Anzi. Era diventata preda dei business di tre oligarchi. Che si spartirono la fabbrica “madre”, spezzandola in tre pezzi: la Pikaliovo Glinoziom leader della produzione di allumina (ossido di alluminio), la BazelCemente l’azienda chimica Metakhim.

La scena si svolge a Pikalëvo, nella Russia nord occidentale, dove ha sede la fabbricaAllumina, vero e proprio fiore all’occhiello dell’industria sovietica.

Stanno per essere licenziati e la fabbrica rischia la chiusura da parte di quegli stessidirigenti che ne avevano tratto profitti milionari.

Poche ma efficaci parole. Perché non si scherza con lo Zar del Terzo Millennio.

PUTIN CENSURATO – GUARDA IL VIDEO

A quel punto obbliga Deripaska ad alzarsi e a firmare l’accordo, davanti ai suoi occhi.

La replica di Putin non si fa attendere e chiarisce definitivamente il loro futuro e quello delle loro famiglie:

“Avrete di nuovo il lavoro.”

Giubbottino chiaro, blue jeans, camicia sportiva. Ha il viso dei giorni cattivi. Ha convocato i padroni delle tre società. Li ha obbligati a pagare gli stipendi arretrati entro la giornata, spendendo il prestito della Sberbank da lui autorizzato a questa sola condizione.

In questo video censurato dalla stragrande maggioranza dei media internazionali, compresi quelli italiani, Vladimir Putin compie un gesto di incredibile umanità verso il suo popolo. Ecco le immagini di un grande Presidente.

Le parole di Putin risuonano nella sala come una vera e propria minaccia nei confronti degli oligarchi presenti.

“Correvate intorno come scarafaggi quando ho detto che stavo arrivando.”

Gli operai sono in attesa, fremono, confidano nel loro leader:

“Per fortuna, è arrivato.”

“Avete preso in ostaggio gli operai di questa fabbrica con la vostra ambizione, incompetenza e pura avidità. Ci sono migliaia di vite, è assolutamente inaccettabile.”

Vladimir Putin viene messo a conoscenza del fatto che migliaia di operai non ricevono lo stipendio da mesi.

È furioso con Oleg Deripaska, l’oligarca padrone della Pikalevo Glinoziom, che secondo gli operai avrebbe avuto un comportamento da “Opa ostile” nei confronti della BazelCement.

Poi, hanno cominciato a litigare fra di loro. Uno voleva mangiare l’altro.

PUTIN, UN GRANDE PRESIDENTE

A quel punto il Presidente della Russia affronta la situazione di petto e arriva a minacciare gli oligarchi:

“Con voi o senza di voi risolveremo questa situazione.”

Infine, è arrivato lui.

Autore: Sasha

Notizie di oggi
Il lavoro e' un male sociale: godetevi la vita
Il lavoro e' un male sociale: godetevi la vita
(Genova)
-

Contrariamente ad una idea diffusa ad arte dai centri di condizionamento dello spettacolo moderno, il lavoro non è una catastrofe naturale.
Contrariamente ad una idea diffusa ad arte dai centri di condizionamento dello...

I 5 sniper piu' famosi e letali al mondo!
I 5 sniper piu' famosi e letali al mondo!
(Genova)
-

Nel corso del tempo la figura dello sniper, il cecchino, ha assunto una sempre maggiore importanza strategica per il successo militare di una fazione o dell’altra.
Nel corso del tempo la figura dello sniper, il cecchino, ha assunto una sempre...

L'uomo e' ormai un lavoratore scemo, povero e che non si ribella
L'uomo e' ormai un lavoratore scemo, povero e che non si ribella
(Genova)
-

L’uomo è un animale adattabile: si adatta anche alle cose che dovrebbe ripudiare. Ci adattiamo a mangiare cibo spazzatura, a respirare veleni, a stare in coda un’ora al mattino in tangenziale per andare al lavoro e un’altra ora la sera per tornare a casa.
L’uomo è un animale adattabile: si adatta anche alle cose che dovrebbe...

Yemen, bombe italiane massacrano IN SILENZIO civili e bambini
Yemen, bombe italiane massacrano IN SILENZIO civili e bambini
(Genova)
-

Bombe italiane fabbricate in Sardegna e assemblate negli Emirati Arabi Uniti uccidono civili, tra cui bambini, in Yemen. Questo è quello che avviene in una guerra per procura, un massacro sotto silenzio.
Bombe italiane fabbricate in Sardegna e assemblate negli Emirati Arabi Uniti...

Sarabanda TRUCCATO: la nostalgia PALESEMENTE costruita a tavolino
Sarabanda TRUCCATO: la nostalgia PALESEMENTE costruita a tavolino
(Genova)
-

Operazione nostalgia di una lentezza disarmante e palesemente costruita a tavolino. Il problema è che tutti, Papi per primo, recitano peggio che a una festa dell'oratorio. Tre ore che potrebbero stare tranquillamente in 45 minuti e una noia insostenibile.
Operazione nostalgia di una lentezza disarmante e palesemente costruita a...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati