Pubblica Amministrazione, cosa conoscere

(Roma)ore 20:09:00 del 02/12/2016 - Categoria: , Economia, Lavoro, Politica

Pubblica Amministrazione, cosa conoscere

E alla fine ha prevalso questa posizione. In compenso, si è deciso di trovare una soluzione per evitare che i soldi in più incidano sul diritto albonus di 80...

Di particolare valore “la garanzia assunta dal governo di rinnovare i contratti dei lavoratori precari assunti dalle pubbliche amministrazioni in scadenza e l’impegno a superare con apposite norme il precariato all’interno della Legge quadro che dovrà essere prossimamente varata. Importante è anche l’introduzione nel settore pubblico di welfare contrattuale con misure che integrano le prestazioni pubbliche”.

Per quanto riguarda i premi di produttività e di presenza, stando all’accordo le parti “si impegnano ad individuare, con cadenza annuale, criteri e indicatori al fine di misurare l’efficacia delle prestazioni delle amministrazioni e la loro produttività collettiva con misure contrattuali che incentivino più elevati tassi medi di presenza”.

“L’aumento è di 85 euro medi, abbiamo insistito sul fatto che siano medi” anche per dare “una maggiore attenzione e un maggiore sostegno ai redditi bassi, a chi ha sofferto di più la crisi e il blocco contrattuale”, ha detto la Madia.

L’intesa, che sblocca i rinnovi dopo sette anni di congelamentodichiarato incostituzionale dalla Consulta, è stata raggiunta al termine di circa otto ore di riunione. Ma gli incontri erano iniziati già la settimana scorsa: l’obiettivo del governo era chiudere prima del referendum sulla riforma costituzionale.

Alla fine però la quadra si è trovata, scongiurando lo slittamento a dopo il voto. L’impegno finanziario per rinnovare i contratti in tutti i comparti della pa, hanno fatto sapere i sindacati, sarà di 5 miliardi nel triennio.

“Siamo soddisfatti e contenti”, ha affermato la segretaria generale della Cisl, Annamaria Furlan. L’aumento di 85 euro rappresenta una cifra “dignitosa” e “abbiamo stabilito che il contratto prevale sulla legge, la legge Brunetta è stata così superata”. “Un accordo così un anno fa ce lo potevamo sognare”, si è unito al coro il segretario generale della Uil, Carmelo Barbagallo.

E alla fine ha prevalso questa posizione. In compenso, si è deciso di trovare una soluzione per evitare che i soldi in più incidano sul diritto albonus di 80 euro, di cui godono circa 800mila statali di cui 250mila solo nella scuola.

“Dopo anni di blocco della contrattazione, di promesse mancate, di sacrifici dei lavoratori, si intravvede una concreta possibilità di rinnovare i contratti.

Autore: Gerardo

Notizie di oggi
ITALIA MAGLIA NERA: LA SPESA COSTA TANTISSIMO RISPETTO AGLI ALTRI PAESI
ITALIA MAGLIA NERA: LA SPESA COSTA TANTISSIMO RISPETTO AGLI ALTRI PAESI
(Roma)
-

Non solo per le tasse: l'Italia è quasi maglia nera in Europa pure quando si tratta di fare la spesa.
Perché meravigliarci tanto se da noi tutto è più caro? Noi abbiamo i politici...

USURA: IL SACRO IMPERO UE DELLA FINANZA
USURA: IL SACRO IMPERO UE DELLA FINANZA
(Roma)
-

Siamo entrati in un Sacro Romano impero della finanza in cui il sistema bancario detta legge, e noi sventurate plebi europee dobbiamo fare i sacrifici – “sacrum facere”, appunto: qualcosa di religioso in nome del sistema bancario, una divinità demiurgica
Siamo entrati in un Sacro Romano impero della finanza in cui il sistema bancario...

Conto WeBank 2017: cos'e', costi, opinioni
Conto WeBank 2017: cos'e', costi, opinioni
(Roma)
-

Il Conto WeBank viene presentato dall’istituto come “un mondo di servizi a zero spese e zero canone”.
CONTO WEBANK 2017: COME FUNZIONA - Chi è Webank, banca online del gruppo...

BUFERA SU VISCO, SUPERMASSONE AL SERVIZIO DEL POTERE
BUFERA SU VISCO, SUPERMASSONE AL SERVIZIO DEL POTERE
(Roma)
-

Si può anche chiamarla massoneria, ma la definizione è imprecisa: perché non tutti gli affiliati alle superlogge internazionali sono stati iniziati all’obbedienza massonica
Si può anche chiamarla massoneria, ma la definizione è imprecisa: perché non...

Cittadini pensano che l'UE sia un DISASTRO: MA PARLARE DI REFERENDUM SEMBRA BESTEMMIARE!
Cittadini pensano che l'UE sia un DISASTRO: MA PARLARE DI REFERENDUM SEMBRA BESTEMMIARE!
(Roma)
-

Cresce stentatamente la fiducia dei cittadini europei nell'Ue, ma l'Italia e' diventata lo Stato membro dove il minor numero di persone ritiene che l'appartenenza al progetto comunitario sia un bene per il paese.
Cresce stentatamente la fiducia dei cittadini europei nell'Ue, ma l'Italia e'...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati