Proteste furiose contro la Boschi!

(Brescia)ore 09:04:00 del 25/06/2016 - Categoria: Cronaca, Denunce, Politica

Proteste furiose contro la Boschi!

"Al lago d'Iseo, percorrendo The #FloatingPiers con l'artista Christo. Un'opera da vivere", ha "cinguettato" lei pubblicando su Twitter una foto della giornata.

"Al lago d'Iseo, percorrendo The #FloatingPiers con l'artista Christo. Un'opera da vivere", ha "cinguettato" lei pubblicando su Twitter una foto della giornata.

Ma, oltre ai cinquemila arrivati in treno, nelle prime ore del mattino c'erano già quelli arrivati in auto e anche i tanti turisti arrivati sul Lago d'Iseo da giorni, ospiti delle strutture turistiche della zona, prenotatissime da mesi. Sono già tanti gli stranieri arrivati sulle sponde del lago: segnalati già gruppi arrivati dall'Australia e dal Giappone in un moltiplicarsi di lingue del mondo che ha reso davvero internazionale l'atmosfera di questi boghi poco abituati a un assalto di turisti così massiccio.

LA BOSCHI CAMMINA SULL’ACQUA MA VIENE AFFONDATA DAI CONTESTATORI: URLA E FISCHI HANNO ACCOMPAGNATO LA “SFILATA” DELLA MADONNONA ALL'INAUGURAZIONE DEL "THE FLOATING PIERS", LA PASSERELLA SUL LAGO D'ISEO REALIZZATA DALL’ARTISTA CHRISTO “UN’OPERA DA VIVERE”, HA CINGUETTATO SU TWITTER LA BOSCHI ARRIVATA CON 90 MINUTI DI RITARDO E ACCOLTA DA BERCI E SLOGAN CONTRO IL GOVERNO - GRANDE SUCCESSO PER L’OPERA: IL LAGO E' STATO PRESO D'ASSALTO DA OTTOMILA PERSONE, CODE DI DUE ORE

La giornata si era aperta con un imprevisto, un gesto dimostrativo contro i Beretta, proprietaria dell'omonima fabbrica di armi e dell'isola di San Pietro, una delle tre 'stazioni' collegate dalle passerelle dell'artista bulgaro. Il sabotaggio lungo la Brescia-Iseo ha comportato ritardi di un'ora circa, tempo che èstato necessario ai tecnici per rimuovere i rami e gli striscioni buttati sulle rotaie. Alle 7.30, comunque, Trenord comunicava su Twitter "che tutto era risolto". E alle 10.30 già 5mila visitatori erano arrivati a Sulzano utilizzando i convogli di Trenord.

Ma quello che il ministro per le Riforme non ha twittato è che al successo dell'opera d'arte - "The Floating Piers", si intitola - è contrapposta l'accoglienza che i tanti arrivati per l'inaugurazione le hanno riservata. Urla, fischi, slogan hanno accompagnato la "sfilata" della Boschi - che non ha parlato con i giornalisti presenti - attraverso la passerella.

http://www.italiainmovimento.it/2016/06/19/la-boschi-passerella-al-lago-massacrata-dalla-folla-basta-casa-video/

Alla stessa ora sulla passerella c'erano ottomila persone - la capienza massima - motivo per cui l'afflusso è stato bloccato. I visitatori, quindi, sono stati costretti a mettersi in coda a Sulzano - i tempi di attesa in fila erano di circa due ore - e, vista la temperatura (circa trenta gradi), c'è stato chi ha avuto malori e mancamenti. Ma non solo sul lago c'è stata ressa. Problemi si sono registrati anche nelle stazioni e sulle strade di tutto il comprensorio.

Più che un successo un assalto. "Il territorio è saturo, in questo momento, e per alcune ore, è sconsigliato intraprendere viaggi verso l'opera": alle 15 circa la cabina di regia del progetto dirama questo comunicato sperando di rallentare gli arrivi, ininterrotti, da ieri notte.

GUARDA IL VIDEO

A Sulzano d'Iseo c'era anche Maria Elena Boschi all'evento dell'anno, la passerella di Christo che permette di camminare sull'acqua del lago di Iseo.

"La ministra Maria Elena Boschi arriva all'inaugurazione di The Floating Piers (il ponte di Christo sul lago d'Iseo) con 90 minuti di ritardo, accolta da una bordata di fischi e da inviti come vai a lavorare e stai a casa", denuncia su Facebook l'assessore alla Sicurezza della Regione Lombardia, Simona Bordonali, che conclude il suo post con una ormai classica battuta: "Maria Elena, stai serena".

Le previsioni parlano di 500mila persone che in 16 giorni arriveranno a Iseo per camminare su The Floating Piers. I numeri dicono che la stima non è impossibile da raggiungere: alle 10.30 del mattino, Trenord aveva già portato 5mila visitatori su lago, ma in centinaia si erano messi in fila già dalla notte, perché le prime voci dicevano che l'opera sarebbe stata accessibile già a mezzanotte.


Autore: Samuele

Notizie di oggi
Renzi sulla via del tramonto: avra' ancora la voglia di fare il PAGLIACCIO?
Renzi sulla via del tramonto: avra' ancora la voglia di fare il PAGLIACCIO?
(Brescia)
-

QUESTI I SONDAGGI. LA REALTA’ SARA’ CHE BISOGNERA’ ANDARE AL SEGGIO, PIUTTOSTO TURANDOSI IL NASO. MA IL PRIMO NEMICO, OGGI, E’ IL PD RENZIANO. RICORDATEVELO!
IL CODARDO SENTE PUZZA DI BATOSTA E SI NASCONDE. GIRANO SONDAGGI PESSIMI PER IL...

Il lavoro e' un male sociale: godetevi la vita
Il lavoro e' un male sociale: godetevi la vita
(Brescia)
-

Contrariamente ad una idea diffusa ad arte dai centri di condizionamento dello spettacolo moderno, il lavoro non è una catastrofe naturale.
Contrariamente ad una idea diffusa ad arte dai centri di condizionamento dello...

L'uomo e' ormai un lavoratore scemo, povero e che non si ribella
L'uomo e' ormai un lavoratore scemo, povero e che non si ribella
(Brescia)
-

L’uomo è un animale adattabile: si adatta anche alle cose che dovrebbe ripudiare. Ci adattiamo a mangiare cibo spazzatura, a respirare veleni, a stare in coda un’ora al mattino in tangenziale per andare al lavoro e un’altra ora la sera per tornare a casa.
L’uomo è un animale adattabile: si adatta anche alle cose che dovrebbe...

Yemen, bombe italiane massacrano IN SILENZIO civili e bambini
Yemen, bombe italiane massacrano IN SILENZIO civili e bambini
(Brescia)
-

Bombe italiane fabbricate in Sardegna e assemblate negli Emirati Arabi Uniti uccidono civili, tra cui bambini, in Yemen. Questo è quello che avviene in una guerra per procura, un massacro sotto silenzio.
Bombe italiane fabbricate in Sardegna e assemblate negli Emirati Arabi Uniti...

Sarabanda TRUCCATO: la nostalgia PALESEMENTE costruita a tavolino
Sarabanda TRUCCATO: la nostalgia PALESEMENTE costruita a tavolino
(Brescia)
-

Operazione nostalgia di una lentezza disarmante e palesemente costruita a tavolino. Il problema è che tutti, Papi per primo, recitano peggio che a una festa dell'oratorio. Tre ore che potrebbero stare tranquillamente in 45 minuti e una noia insostenibile.
Operazione nostalgia di una lentezza disarmante e palesemente costruita a...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati