Primarie del PD: la guida

NAPOLI ore 15:30:00 del 16/03/2016 - Categoria: Denunce, Editoria, Politica - Primarie

Primarie del PD: la guida

Per questo chi mette in discussione le primarie, secondo Renzi, “offende la democrazia"

Tra le riforme istituzionali c’è anche quella elettorale criticata ancora oggi dall’ex segretario Pierluigi Bersani (“Penso il peggio possibile”). E Renzi ancora una volta difende l’Italicum, legandolo anche alla questione del partito della nazione: “Dov’è il punto chiave per capire se il Pd si trasforma in qualcos’altro? Nel premio alla lista. Se il premio è alla lista c’è il Pd, punto; se il premio è alla coalizione allora c’è la coalizione. Il premio alla lista l’ho proposto io e alcuni di quelli che oggi mi accusano di voler fare lacoalizione con il centrodestra, anche con Verdini considerato un mostro di Lochness, sono gli stessi che non hanno votato l’Italicum perché non c’era il premio alla coalizione”.

Di sicuro le amministrative – ribadisce Renzi – non saranno un test per il governo: “Non interpreto le amministrative come l’occasione in cui il governo si deve mettere in gioco. Si votano i candidati sindaco non il candidato premier”. Il leader democratico, tuttavia, assicura che il Pd a Roma “farà una grande campagna per Giachetti”. Al contrario “chi cerca di utilizzare strumentalmente il risultato delle amministrative in chiave interna sta sbagliando campo di gioco. Il campo di gioco c’è, chi vuole mandarmi a casa la battaglia la farà al congresso del 2017. L’elemento di confronto interno è nel congresso, è questa la novità del Pd”.

Ecco, se c’è un test per l’esecutivo e per la stessa leadership del Pd è quello del referendum costituzionale di ottobre. “Se perdiamo il referendum è doveroso trarne conseguenze, è sacrosanto non solo che il governo vada a casa ma che io consideri terminata la mia esperienza politica”. Un concetto, anche questo, già espresso più volte dal premier-segretario.

Il venditore di fumo conosce bene il suo mestiere e così dice tutto e il contrario di tutto. Ma siccome lo sa dire, la gente lo ascolta a bocca aperta per poi, quando apre il pacco che lui gli vende, rimanere a bocca asciutta.

Da una parte Renzi si dice “disponibile a ragionare di tutto sulle regole delle primarie. Vogliamo togliere il contributo di un euro? Perché no? Ma non concedo mezzo centimetro è lo strumento delle primarie, l’alternativa sono i 100 capibastone come in passato”. Dall’altra però avverte la minoranza del partito, accusata di mettere in piedi “un disegno per screditare le primarie come strumento, è accaduto a Genova e per colpa di Sergio Cofferatiabbiamo perso la Regione. C’è qualcuno che parla di personalizzazione del partito, non c’è antidoto più grande alla personalizzazione del rispetto delle regole”. Il capo del governo ricorda di parlare per esperienza visto che “quando ho perso le primarie sono rimasto a sostenere chi le aveva vinte, e non pensate che è stato facile dopo che ti venivano a dire, qui qualcosa non torna… Dissi se si poteva avere il verbale di una Regione, non dico quale ma lo immaginate… Mi dissero di no, i verbali sono stati bruciati”.

Prima dice che le discussioni interne al Pd sono una realtà parallela ai fatti importanti del Paese. Ma poi Matteo Renzi, dopo quasi una settimana di polemiche sulle primarie del Partito democratico, interrompe il silenzio. Alla scuola di formazione del partito dice di aver visto i video di Fanpage in cui si vedevano comportamenti anomali vicino ai seggi delle primarie di Napoli e che sia un bene che i giornalisti si siano interessati: “Ci sono state delle irregolarità, è evidente. La soluzione è che si valutino i ricorsi, senza dare per scontato che chi ha perso vinca e viceversa”. Sembra con altre parole la linea espressa in settimana dal suo vice Lorenzo Guerini: “Gli ulteriori ricorsi saranno verificati, aspetteremo l’esito e se il risultato delle primarie sarà confermato, tutti insieme a Valeria Valente andremo a restituire una speranza di cambiamento ad una città che va rilanciata e non passa il tempo a discutere delle regole interne al Pd”.

 Sono costretti a fare uscire fuori dal covo perfino Bassolino e D' Alema..Fantocci e burattinai. Il peggio del peggio della palude.Giusto per deviare l' attenzione di tutte quelle porcherie con cui quotidianamente hanno a che fare. Eppoi finiranno per menarla con il mantra delle "diversitá di opinione e/o scontro democratico interno al partito".. Hanno fatto le primarie a Napoli con i voti di Cosentino.. e tirano in ballo Casaleggio...

Le primarie saranno uno strumento di democrazia quando ci sara' una legge dello Stato a definirne regole e svolgimento. Fino a quel momento sono solo uno strumento del partito democratico per incamerare un po' di grana. Che almeno alla festa dell'Unita' il panino con la salsiccia e il bicchiere di vino te lo davano in cambio dei due euro.

E l’alternativa offerta dagli altri partiti, dice Renzi, non sembra fare da esempio. “Nel M5S c’è il che principio uno vale uno poi arrivaCasaleggio e vale per tutti: è impressionate quanto accaduto a Milano. Se c’è una procedura per la selezione del candidato e poi cambi idea è imbarazzante, è una visione da lunapark“. Mentre nel centrodestra esiste “un eccelso modello di democrazia in cui si è liberi di votare sì o sì al candidato”, cioè Guido Bertolaso che oggi e doMani celebra le gazebarie inaugurate da Silvio Berlusconi. “Di fronte a questi due eccelsi modelli di democrazia – dice il segretario – le primarie sono un presidio di democrazia per tutti. Il fatto che ci siano consente alla politica di avere un rapporto della gente”.

Per questo chi mette in discussione le primarie, secondo Renzi, “offende la democrazia”. “Chi perde resta nel partito e fa una battaglia nel partito, come ha detto bene Gianni Cuperlo. Il principio del ‘chi perde va via’ e scappa con il pallone mette in discussione il partito”.

Autore: Sasha

Notizie di oggi
La BELLA VITA Dei Leader Europei a Roma Tra Shopping e Menu' Regale.. INDOVINA CHI PAGA?
La BELLA VITA Dei Leader Europei a Roma Tra Shopping e Menu' Regale.. INDOVINA CHI PAGA?

-

PER ORA, L’IMPRESSIONE È CHE LA RIUNIONE DEI 27 LEADER EUROPEI A ROMA PER CELEBRARE I 60 ANNI DELL’UNIONE EUROPEA E RILANCIARNE IL FUTURO SIA STATA SOPRATTUTTO UN’ALLEGRA SCAMPAGNATA, UN WEEKEND IN GITA (DI LUSSO) TRA MUSEI, SELFIE, BELLEZZE ALL’ARIA APER
Se sarà una giornata storica, lo scopriremo tra qualche mese. PER ORA,...

Banche, la nuova truffa
Banche, la nuova truffa

-

Per rendersi conto di quanto siano radicali le nuove posizioni della Banca d’Inghilterra, considerate il punto di vista convenzionalmente accettato, che continua ad essere alla base di tutti i rispettabili dibattiti della politica.
QUELLA DOSE DI ONESTÀ DELLA BANCA D’INGHILTERRA CHE BUTTA DALLA FINESTRA LE BASI...

L'UE approva il glifosato della Monsanto: CANCEROGENO
L'UE approva il glifosato della Monsanto: CANCEROGENO

-

L’UNIONE EUROPEA AIUTERÀ LA MONSANTO AD AVVELENARCI PER ALTRI 15 ANNI CON UN MICIDIALE DISERBANTE COME IL GLIFOSATO.
L’UNIONE EUROPEA AIUTERÀ LA MONSANTO AD AVVELENARCI PER ALTRI 15 ANNI CON UN...

Virginia Raggi, cosa sapere
Virginia Raggi, cosa sapere

-

E non stiamo dicendo che questa notizia sulla Raggi non andava pubblicata,i giornali fanno bene a pubblicarla,ma vorremmo,a maggior ragione,che pubblicassero anche le notizie dove lo Stato perde ogni anno miliardi di euro che con qualche semplice Raccoman
Quello che A noi fa inc.nnevosire sono i GIORNALAI che con questa vicenda...

La tesi della Madia? UN CLAMOROSO COPIA E INCOLLA! DIFFONDI
La tesi della Madia? UN CLAMOROSO COPIA E INCOLLA! DIFFONDI

-

LA TESI DI DOTTORATO DI MARIANNA MADIA, MINISTRO PER LA SEMPLIFICAZIONE E PUBBLICA AMMINISTRAZIONE NEI GOVERNI GENTILONI E RENZI, NON PARE ESSERE TUTTA FRUTTO DELLA SUA CREATIVITÀ.
LA TESI DI DOTTORATO DI MARIANNA MADIA, MINISTRO PER LA SEMPLIFICAZIONE E...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati