Prey, recensione

(Firenze)ore 18:37:00 del 16/04/2017 - Categoria: , Videogames

Prey, recensione

Che cosa sia andato storto nel processo produttivo non ci è dato saperlo, ma il Prey 2 che avevamo visto nel 2011 non esiste più.

Quando presentarono Prey 2, tanti anni fa durante un evento a Salt Lake City, il gioco non sembrava neppure troppo male. Lontanissimo dal concept dell'originale (ancora oggi una di quelle perle perdute che vale la pena recuperare per il loro valore storico), il titolo sviluppato da Human Head aveva dalla sua qualche buona idea, ed un'ambientazione sci-fi discretamente affascinante.
Che cosa sia andato storto nel processo produttivo non ci è dato saperlo, ma il Prey 2 che avevamo visto nel 2011 non esiste più. Al suo posto c'è invece un Prey tutto nuovo, una prodotto che del brand conserva solamente il nome, affidato alle sapienti mani di Arkane Studios (che se lo è guadagnato grazie al lavoro svolto con Dishonored).
Dopo l'annuncio avvenuto all'E3 -con un teaser che è bastato a stuzzicare la curiosità dei giocatori- il gioco si è mostrato al Quakecon di Dallas e poi ai Game Awards, confermando le ottime impressioni avute durante la kermesse losangelina. Prey è un progetto a suo modo sorprendente: sembra il punto d'incontro tra le avventure di Corvo Attano e la struttura ludica di Bioshock; un'avventura in prima persona che riesce già a distinguersi per stile, inventiva e libertà concessa al giocatore.

Nessun loop temporale, questa volta: procediamo spediti verso una porzione di gioco che vede il nostro protagonista, Morgan Yu, già dotato e potenziato di alcune abilità che gli permetteranno di affrontare gli scontri e le situazioni in modo più agile e meno complicato. Come al solito il Gloo Cannon (di cui parleremo anche in seguito) e la pistola si rivelano preziosi alleati per eliminare i Typhon nemici che, se presi sotto gamba, non esiteranno a uccidervi senza troppi problemi.

In questo senso la prima piacevole novità: Prey è difficile, la gestione degli scontri non è cosi immediata e richiederà un po' di studio delle meccaniche. La difficoltà risiede principalmente nell'assorbire e utilizzare al meglio la struttura di gioco: capire quale arma usare, quando usarla e quando cambiarla per infliggere il colpo decisivo al nemico sarà decisivo. Se sarete troppo ingenui o svampiti poi, ci lascerete le penne, garantito. Anche questa build prevedeva una certa libertà d'esplorazione, che abbiamo capito essere parte fondamentale di Prey. Quando parliamo di libertà, lo facciamo suggerendovi il significato letterale del termine: non sarete troppo guidati in Prey, e potrete decidere di affrontare le situazioni come meglio credete, quando volete, magari perdendovi prima un po' nella stazione di Talos-1, che si conferma essere interessante e ben articolata. Morgan ci aveva abituato poi a tre rami di abilità, che qua però diventano sei (wow!): sarà possibile sviluppare anche skill di tipo energetico, telepatico ed elusivo, come per esempio utilizzare le proprietà meta-fisiche dei Typhon per tramutarsi in oggetto e passare attraverso una serratura, oppure scagliare un'onda energetica capace di creare un'esplosione e infliggere danni ad area.

Per fare ciò, sarà ovviamente necessario investire i Neuromods che troveremo nel corso del gioco (più sarete curiosi ed esplorerete, più ne troverete) e nonostante le quantità da utilizzare per i potenziamenti non saranno troppo esose, sarete comunque chiamati a fare un'oculata scelta su che ramo riporre la vostra fiducia. In aggiunta ai nuovi campi di specializzazione, arriva anche lo Psicoscopio: oggetto che una volta indossato permetterà a Morgan di esaminare la tecnologia e gli esseri viventi che lo circondano; scannerizzare più cose sbloccherà nuovi slot per i chip tuta e -appunto- Psicoscopio, utili a migliorare alcuni parametri di Morgan. Detto questo, Prey ha saputo stupirci per soluzioni di gameplay quasi inusuali oggigiorno: oltre alla già citata metamorfosi in piccoli (o grandi oggetti) per mimetizzarsi o sorpassare un ostacolo, si aggiunge anche l'utilizzo intelligente delle armi, ad esempio il Gloo Cannon: la schiuma che crea l'arma può essere usata per creare dei percorsi artificiali da scalare, utili a raggiungere aree nascoste o segrete. Non essendo più abituati a vedere dinamiche simili in FPS recenti, siamo rimasti un po' spaesati, senza riuscire a capire come poter raggiungere l'area sopraelevata che vedevamo sopra la nostra testa. Scoprire questa felice scelta di gameplay ci ha entusiasmato, perchè nonostante Prey sia un FPS story driven non rinuncia mai a sorprendere il giocatore con meccaniche di gioco interessanti e stimolanti. Per il resto, la produzione di Arkhane Studios si conferma ispirata dal punto di vista della narrativa (della quale abbiamo capito ancora poco) e delle atmosfere che talvolta vi ricorderanno inevitabilmente Half Life e la struttura di ricerca di Black Mesa. Tecnicamente il gioco risulta pulito, efficace e immersivo (versione pc), per la prova su console toccherà aspettare qualche settimana.

Autore: Luca

Notizie di oggi
Anteprima Elex
Anteprima Elex
(Firenze)
-

Un rischio non da poco, specialmente se si considera la parabola discendente disegnata dalla qualità generale degli ultimi giochi di Piranha.
Presentato per la prima volta nel corso della Gamescom del 2015, location più...

Anteprima Raid: World War II
Anteprima Raid: World War II
(Firenze)
-

Il medium videoludico, in particolare, ha permesso ai giocatori di "entrare" nel vivo del conflitto, ripercorrerlo, cambiarne le sorti e addirittura immaginare come sarebbe potuto essere il mondo con l'eventuale vittoria del totalitarismo germanico, in pi
Il setting bellico relativo al periodo 1939-1945 può essere considerato...

PlayerUnknowns Battlegrounds vs Fortnite Battle Royale
PlayerUnknowns Battlegrounds vs Fortnite Battle Royale
(Firenze)
-

È giunto il momento di parlare dell’elefante nella stanza che, da svariate settimane, non ha intenzione di andarsene; precisamente dal 26 settembre scorso, quando Epic Games ha lanciato la modalità Battle Royale gratuita per Fornite.
È giunto il momento di parlare dell’elefante nella stanza che, da svariate...

Anteprima Hob
Anteprima Hob
(Firenze)
-

Il punto forte della produzione Runic Games è rappresentato sicuramente dagli enigmi, presenti in gran numero e decisamente stimolanti: la natura meccanica del mondo che si dispiega dinanzi al protagonista rende moltissime parti di esso interconnesse, per
La fonte d'ispirazione principale di Hob è evidente: The Legend of Zelda. Non il...

Cuphead, provato
Cuphead, provato
(Firenze)
-

"Negli ultimi anni abbiamo lavorato instancabilmente per realizzare un gioco che rimanesse fedele alla nostra visione originale, per questo siamo molto eccitati che un così grande numero di persone attorno al mondo lo stia giocando." ha dichiarato Studio
Con un messaggio pubblicato sul proprio account Twitter, lo sviluppatore Studio...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati