Prato: non è cambiato nulle ancora schiavi cinesi

PRATO ore 11:11:00 del 07/12/2013 - Categoria: Cronaca

Prato: non è cambiato nulle ancora schiavi cinesi

Sembra di rivivere, quanto narrato nel libro Gomorra di Roberto Saviano, in cui aggiudicatosi all'asta lavori di fornitura di abiti di lusso, questi venivano realizzati in laboratori lager da schiavi del lavoro a prezzi stracciati

In alcuni controlli eseguiti a Prato dopo la tragedia di domenica scorsa, i vigili urbani hanno trovato delle collezioni di abiti a firma italiana, per la precisione a marchio 'Rinascimento' del gruppo Teddy il colosso riminese del pronto moda.

Sembra di rivivere, quanto narrato nel libro Gomorra di Roberto Saviano, in cui aggiudicatosi all'asta lavori di fornitura di abiti di lusso, questi venivano realizzati in laboratori lager da schiavi del lavoro a prezzi stracciati per poi ritrovare i capi nelle migliori boutique in vendita a somme di molto più alte e con un realizzo economico esagerato, a scapito di chi aveva realizzato il capo.

Durante i controlli dei vigili urbani a Prato è emersa una situazione simile, schiavi cinesi che realizzano dei capi firmati che poi verranno regolarmente venduti nei negozi del centro città. Nello stabilimento perquisito , anch'esso illegale, sono stati trovati una quindicina di lavoratori cinesi senza documenti che vivono e lavorano tra le macchine di sartoria. Nello stesso locale fatiscente, letti , una rudimentale cucina e bambini che lì ci vivono, tutti in condizioni veramente disumane.

Sono loro i sub fornitori, che sfruttati e senza diritti producono questi capi d'alta moda. Interrogati i presenti, di cui molti non parlano una parola di italiano, la manfrina è sempre la stessa, dicono di non sapere niente e che il titolare è in Cina. In questo caso non si tratta di semplice contraffazione del marchio, infatti i vigili hanno reperito prodotti di gran qualità rispetto a quello che di solito si producono in questi luoghi e in queste condizioni.

Il comandante della Polizia Municipale di Prato, Andrea Pasquinelli, spiega : 'abbiamo trovato gli appendiabiti di Rinascimento e gli ologrammi per il marchio. Difficile immaginare che si trattasse di contraffazione'.
Sono in corso indagini della magistratura, perchè probabilmente la ditta 'Rinascimento' non ha alcuna responsabilità nell'accaduto, del resto, come spiegano in Procura della Repubblica a Prato, il committente dei lavori non ha l'obbligo di controllare le condizioni di lavoro imposte dal fornitore o dal subfornitore.

Certo che la vicenda non aiuta molto il noto marchio Bolognese , soprattutto in questo periodo di feste, quando c'è sempre un incremento di vendite. In ogni caso, dall'azienda fanno sapere che ' abbiamo da anni contratti di fornitura con operatori del made in Italy a Prato. Non siamo a conoscenza dei rapporti di subfornitori', ed è in quella direzione che si dirigeranno le indagini, per cercare di stroncare questo preoccupante e dilagante fenomeno.

Autore: Luca

Notizie di oggi
Nuovo missile della Corea? Gli USA non interverranno mai. NON C'E' PETROLIO - NON CONVIENE!!!!
Nuovo missile della Corea? Gli USA non interverranno mai. NON C'E' PETROLIO - NON CONVIENE!!!!

-

Se davvero la Cina volesse potrebbe mettere in ginocchio il regime di Kim Jong Un in poche settimane bloccando le forniture di petrolio e i commerci con quel paese.
Se davvero la Cina volesse potrebbe mettere in ginocchio il regime di Kim Jong...

Boldrini INDAGATA per Attentato alla Costituzione!
Boldrini INDAGATA per Attentato alla Costituzione!

-

«Attentato alla Costituzione Italiana» e «Istigazione a delinquere»: per questi reati il presidente della Camera dei deputati, Laura Boldrini, risulta essere iscritta nel registro degli indagati della Procura della Repubblica di Cassino.
«Attentato alla Costituzione Italiana» e «Istigazione a delinquere»: per questi...

Stiamo vivendo i sintomi del declino di un Impero (EURO)
Stiamo vivendo i sintomi del declino di un Impero (EURO)

-

Riuscire a trovare i segnali che rivelano la decadenza ed il declino di un Impero è una specie di gioco da salotto.
Riuscire a trovare i segnali che rivelano la decadenza ed il declino di un...

300 neonati morti in Italia ogni anno: 1 su 1000. La verita' sul SIDS
300 neonati morti in Italia ogni anno: 1 su 1000. La verita' sul SIDS

-

Morti bianche: 300 neonati ogni anno, in Italia, muoiono “in culla”. Uno su mille. Si chiama Sids, sindrome da morte infantile improvvisa (Sudden Infant Death Syndrome).
Morti bianche: 300 neonati ogni anno, in Italia, muoiono “in culla”. Uno su...

ALLARME VIRUS CHIKUNGUNYA in Italia: BLOCCATE LE DONAZIONI
ALLARME VIRUS CHIKUNGUNYA in Italia: BLOCCATE LE DONAZIONI

-

ALLARME VIRUS CHIKUNGUNYA - Ricordiamo che storicamente, si sono avute epidemie proprio dovute a immigrazioni, come avvenne ad esempio nel nuovo mondo, quando oltre a soldati, preti e quant'altro, si portarono anche malattie che gli autoctoni non conoscev
ALLARME VIRUS CHIKUNGUNYA - Ricordiamo che storicamente, si sono avute epidemie...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati