Prato, guida

(Prato)ore 20:06:00 del 09/02/2017 - Categoria: , Luoghi da visitare

Prato, guida

Monumenti, musei, alcune delle ville medicee più famose (e recentemente insignite dello status di Patrimonio Unesco).

COSA VEDERE A PRATO - La città toscana, penalizzata da una vicina a dir poco scomoda, è tutt'altro che priva di attrattive culturali e turistiche. Monumenti, musei, alcune delle ville medicee più famose (e recentemente insignite dello status di Patrimonio Unesco).

COSA VEDERE A PRATO -Ora cerca di rilanciarsi e magari di attingere una piccola parte dello sterminato bacino di utenza turistica che affolla il suo ex capoluogo. Con una mostra, intitolata Da Donatello a Lippi, Officina Pratese, nella quale viene ripercorsa la splendida epopea artistica del '400 pratese.

COSA VEDERE A PRATO -Che a buon diritto può essere considerata una delle basi del Rinascimento

Ecco i luoghi piu’ importanti della città.

Museo del Tessuto 

Chi vuole davvero conoscere la storia di Prato non può perdersi questo museo, che riassume uno degli aspetti che da sempre ha caratterizzato la vita dei pratesi, ovvero l'amore per la tessitura. Il museo si articola nei magazzini restaurati dell'ex cimatoria Compolmi, nel XIX secolo leader per quanto riguarda l'archeologia industriale, ripercorre la storia del legame tra il territorio e la produzione tessile (in particolar modo quella laniera) dal medioevo fino a oggi. Si trova in via Santa Chiara al civico 24. 

Cattedrale di Santo Stefano 

E' conosciuta anche come Duomo di Prato, la cattedrale romanico-gotica di Santo Stefano è la costruzione religiosa più importante della città, che risale al XII secolo. Tante le opere religiose e gli affreschi che meritano di essere menzionati come la "Madonna dell'Olivo" di Benedetto da Maiano o l'altare della Cappella del Sacro Cingolo sormontato dalla Madonna con Bambino di Giovanni Pisano.

Piazza del Duomo 

Oltre alla bellissima cattedrale sono tanti i luoghi di interesse storico nella Piazza del Duomo. Si va dal cinquecentesco Palazzo Vestri al Palazzo Vescovile, dal Museo dell'Opera del Duomo al Palazzo Dragoni famoso per le 30 finestre sulla facciata principale dell'edificio. Bella anche la struttura dell'antico Hotel Stella d'Italia, descritta da Curzio Malaparte nel romanzo "Maledetti toscani". Una statua e una fontana adorano questa bella piazza: la statua è quella di Giuseppe Mazzoni eretta da Alessandro Lazzerini. La fontana è chiamata "del Pescatorello", un progetto di Mariano Falcini costruito da Emanuele Caroni e Ulisse Cambi. 

Castello dell'Imperatore 

In piazza Santa Maria delle Carceri si trova un castello che merita di essere visitato: si tratta del Castello dell'Imperatore, il più settentrionale dei castelli svevi, realizzato per volere dell'imperatore Federico II. Si tratta dell'unico esempio di arte sveva in tutta l'Italia centro settentrionale.

Chiesa di Santa Maria delle Carceri 

La rinascimentale Chiesa di Santa Maria delle Carceri è stata realizzata alla fine del 1400 per volere di Lorenzo Magnifico. Si trova nell'omonima piazza vicino al Castello dell'Imperatore. 

Piazza San Marco 

Gli amanti dell'arte contemporanea non potranno perdersi Piazza San Marco, il luogo in cui convoglia l'arte contemporanea, merito dell'opera delle scultore Henry Moore chiamata Forma squadrata con taglio. 

Centro di scienze naturali 

Nella zona di Galceti si trova questo centro naturale: si tratta di una fondazione che vanta un numero incredibile di animali rari e protetti come uccelli, mammiferi, pesci, rettili, insetti, conigli, a cui si aggiungono reperti archeologici e paleontologici. Una pineta di Pino marittimo e un parco in cui gli animali corrono liberamente, completano questo grande centro di 750 metri quadri. 

Case-torre 

Le case torre sono stati costruite in concomitanza alle mura della città, intorno al XII secolo. Sono torri usate durante gli scontri tra le famiglie della nobiltà feudale. Molte di queste costruzioni sono state distrutte nel corso degli anni, altre sono state modificate con il tempo: tra le torri più antiche quelle che rimangono sono in via Mazzoni, in via dell'Accademia e nel vicolo Nardi

Autore: Gerardo

Notizie di oggi
Luoghi da vedere Buenos Aires
Luoghi da vedere Buenos Aires
(Prato)
-

L’origine di Buenos Aires affonda le sue radici a metà del Cinquecento quando ben due esploratori spagnoli fondarono un nuovo centro urbano a circa 40 anni di distanza, nel 1538 nel 1580, e gli diedero il nome della Madonna di Bonaria di Cagliari come buo
  Buenos Aires è la capitale dell’Argentina ed è una metropoli da oltre due...

Cordoba, guida
Cordoba, guida
(Prato)
-

Il festival del folklore di Cosquin in gennaio celebra il «cuarteto», un genere musicale tipico del paese.
  Cordoba è una graziosa città dell'Argentina centrale caratterizzata da...

Belo Horizonte, guida turistica
Belo Horizonte, guida turistica
(Prato)
-

Pur non essendo una località prettamente turistica, Belo Horizonte è una città particolarmente tranquilla, ideale per passeggiate e per trascorrere piacevoli momenti di relax e offre diversi spunti, a livello architettonico e naturalistico, per una vacanz
  Grandi viali, edifici moderni ubicati in quartieri simmetrici e un grande...

Cosa visitare Fortaleza
Cosa visitare Fortaleza
(Prato)
-

Da segnalare anche il Ponte dos Ingleses, postazione ideale per contemplare il tramonto e avvistare i delfini.
  COSA VEDERE FORTALEZA - Con i suoi 25 km di spiagge urbane, Fortaleza sprizza...

Cosa visitare Salvador
Cosa visitare Salvador
(Prato)
-

Su quasi tutte le spiagge ci sono ristoranti tipici, i beach bar, dove vengono solitamente preparati piatti di pesce assieme a varie bevande, in particolare birra servita molto fredda.
  Fondata dai portoghesi come São Salvador da Bahia de Todos os Santos e oggi...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati