Polizia ferroviaria senza vergogna a Brescia!

BRESCIA ore 13:26:00 del 09/03/2016 - Categoria: Cronaca, Denunce - Brescia

Polizia ferroviaria senza vergogna a Brescia!

Come nel celebre romanzo di George Orwell, il tema “sicurezza” giustifica ogni cosa, compreso quello di lasciare in balia del freddo di gennaio quattro senzatetto, o meglio quattro ESSERI UMANI, che, evidentemente, non vengono considerati tali dalla socie

Resta infine il fatto che, se per disgrazia provocata, quei quattro barboni dovessero improvvisamente morire di freddo, qualcuno dovrà assumersi la responsabilità dell’accaduto, sia i mandanti sia gli esecutori, allora non basterà un “ho fatto solo il mio lavoro” per lavarsi la coscienza

Dopo il sequestro delle temutissime coperte “terroriste“, a quanto pare è stato richiesto ai senzatetto in questione di allontanarsi dalla stazione, perché pensate, rovinano il decoro della città.

Quattro senzatetto, si sono visti sequestrare le loro coperte, lasciate incustodite in un sacchetto nei pressi di un’uscita secondaria della stazione ferroviaria di Brescia da alcuni agenti della polizia ferroviaria. Ovviamente le ff.oo. si sono limitate ad eseguire gli ordini ricevuti dall’alto, ma che coloro che ‘decidono’ non tengano in considerazione la presenza dei senzatetto appare ingiustificabile, specialmente in giorni freddi come questi. La notizia è emersa grazie alla denuncia di un’associazione sui social network che è diventata virale, attirando l’attenzione di testate nazionali come il Corriere.  Il motivo? Questioni di sicurezza… Come nel celebre romanzo di George Orwell, il tema “sicurezza” giustifica ogni cosa, compreso quello di lasciare in balia del freddo di gennaio quattro senzatetto, o meglio quattro ESSERI UMani, che, evidentemente, non vengono considerati tali dalla società per il sol fatto di non possedere nulla.

Bisogna salvaguardare l’immagine della città, e per fare questo si punisce chi non possiede nulla, perché è così che funziona in Italia e in tutte le parti del mondo, cosiddette “civilizzate“. Chi non ha un lavoro, una casa e una famiglia, automaticamente diventa un rifiuto da smaltire.

L’episodio è stato denunciato dai volontari dell’associazione «Good Guys» su Facebook ed ha subito scatenato numerosa indignazione.

Gli agenti in seguito si sono giustificati affermando di aver solo eseguito gli ordini… Uno dei 4 senzatetto ha sessantanni, di certo un’età tutt’altro che felice per dormire sotto le stelle senza coperta, ma si sa, questo è ciò che vuole l’Europa paranoica che con la scusa del terrorismo diventa ogni giorno più disumana, andando a colpire proprio colore che promette di difendere.

Autore: Gregorio

Notizie di oggi
Il lavoro e' un male sociale: godetevi la vita
Il lavoro e' un male sociale: godetevi la vita

-

Contrariamente ad una idea diffusa ad arte dai centri di condizionamento dello spettacolo moderno, il lavoro non è una catastrofe naturale.
Contrariamente ad una idea diffusa ad arte dai centri di condizionamento dello...

L'uomo e' ormai un lavoratore scemo, povero e che non si ribella
L'uomo e' ormai un lavoratore scemo, povero e che non si ribella

-

L’uomo è un animale adattabile: si adatta anche alle cose che dovrebbe ripudiare. Ci adattiamo a mangiare cibo spazzatura, a respirare veleni, a stare in coda un’ora al mattino in tangenziale per andare al lavoro e un’altra ora la sera per tornare a casa.
L’uomo è un animale adattabile: si adatta anche alle cose che dovrebbe...

Yemen, bombe italiane massacrano IN SILENZIO civili e bambini
Yemen, bombe italiane massacrano IN SILENZIO civili e bambini

-

Bombe italiane fabbricate in Sardegna e assemblate negli Emirati Arabi Uniti uccidono civili, tra cui bambini, in Yemen. Questo è quello che avviene in una guerra per procura, un massacro sotto silenzio.
Bombe italiane fabbricate in Sardegna e assemblate negli Emirati Arabi Uniti...

Sarabanda TRUCCATO: la nostalgia PALESEMENTE costruita a tavolino
Sarabanda TRUCCATO: la nostalgia PALESEMENTE costruita a tavolino

-

Operazione nostalgia di una lentezza disarmante e palesemente costruita a tavolino. Il problema è che tutti, Papi per primo, recitano peggio che a una festa dell'oratorio. Tre ore che potrebbero stare tranquillamente in 45 minuti e una noia insostenibile.
Operazione nostalgia di una lentezza disarmante e palesemente costruita a...

20 milioni di soldi pubblici solo per CONTARE gli immigrati
20 milioni di soldi pubblici solo per CONTARE gli immigrati

-

Anche se ieri si è celebrata la giornata mondiale del rifugiato costoro, in Italia, sfiorano semplicemente il 5%.
Anche se ieri si è celebrata la giornata mondiale del rifugiato costoro, in...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati