POLITICA VERGOGNOSA!

(Venezia)ore 15:11:00 del 03/05/2016 - Categoria: Cronaca, Denunce - Sfratti

POLITICA VERGOGNOSA!

Così le storie di effettivo disagio sociale sono all’ordine del giorno. Ultima in ordine di tempo, segnalata da Il Gazzettino è quella di una madre e una figlia, costrette a vivere in macchina, dopo essere state sfrattate. Si sono stabilizzate in via Mira

Lì dentro due donne, madre e figlia, accampate da quasi un mese in un posto che, se di giorno è polvere, sporcizia e rumore, di notte fa anche paura. Patrizia Heinz, 54 anni, e Micol Pannella, 24, sono veneziane. Fino al 20 marzo scorso vivevano in affitto, con un “contratto transitorio”, in un appartamento nella vicina via Lissa. Poi lo sfratto, e la decisione di “non fare resistenza”.

E dopo 25 giorni trascorsi bivaccando in auto, Micol sarebbe stata colpita da un’infezione che si è Manifestata con gonfiore e rossore alle gambe, oltre a una febbre quasi a 40. La giovane è stata portata in pronto soccorso dove, dopo un’attesa durata diverse ore (le avevano dato un “codice bianco”), è stata trattenuta in osservazione per una sospetta infezione. “Mia figlia soffre di anemia mediterranea e diasma allergica – racconta il padre, Mauro Marco Pannella (nella foto a destra) -. Queste settimane trascorse in auto sotto la tangenziale hanno messo a dura prova la sua salute, e sono emersi anche dei problemi di circolazione alle gambe. Mia moglie e mia figlia non possono continuare a vivere in queste condizioni”.

ORRIBILE, SCHIFOSO, DISUMANO. Ci si inorridisce per i CLANDESTINI e NULLA si fa per gli ITALIANI!!! Politici TUTTI......VERGOGNA!!!

Sono sempre di più gli italiani che devono fare i conti con la povertà: la mancanza di lavoro, l’emergenza abitativa e l’assenza di una prospettiva fanno da sfondo alle vite precarie di milioni di persone.

Così le storie di effettivo disagio sociale sono all’ordine del giorno. Ultima in ordine di tempo, segnalata da Il Gazzettino è quella di una madre e una figlia, costrette a vivere in macchina, dopo essere state sfrattate. Si sono stabilizzate in via Miranese, parcheggio sotto alla tangenziale. Il rombo continuo di auto e camion che ti passano sopra alla testa. Qualche decina di macchine parcheggiate nelle prime file e, in fondo, qualche furgone con targa straniera. In mezzo, vicino alla recinzione verso Villa Ceresa, unamercedes E200 station wagon un po’ acciaccata.

L’Italia del 2016? Madre e figlia sfrattate: ora vivono in macchina nell’indifferenza della nostra politica

Autore: Carla

Notizie di oggi
Italia DISCARICA D'EUROPA: sul Lago Maggiore secondo deposito SCORIE NUCLEARI UE
Italia DISCARICA D'EUROPA: sul Lago Maggiore secondo deposito SCORIE NUCLEARI UE
(Venezia)
-

Mentre l’Italia in anni di tentativi non riesce a decidersi sul deposito per i rifiuti nucleari ora dispersi in una ventina di stoccaggi atomici dal Piemonte alla Sicilia, la Commissione Ue ha costruito — ed è pronto, vuoto, tirato a lucido e profumato di
Mentre l’Italia in anni di tentativi non riesce a decidersi sul deposito per i...

Ma gli italiani che votano a fare?
Ma gli italiani che votano a fare?
(Venezia)
-

Bankitalia: “Non smontate la Fornero”. Salvini secco: “Non ci ferma nessuno”
In principio fu il Fondo Monetario Internazionale, che sempre attento a mettere...

Milano: il PD introduce la BEBE' CARD: contributi a mamme immigrate
Milano: il PD introduce la BEBE' CARD: contributi a mamme immigrate
(Venezia)
-

Milano, la “bebè card” del Pd: soldi agli immigrati e sostituzione di popolo 
Milano, la “bebè card” del Pd: soldi agli immigrati e sostituzione di...

Come Coca Cola, Pepsi e Nestle' inquinano il pianeta: ecco come
Come Coca Cola, Pepsi e Nestle' inquinano il pianeta: ecco come
(Venezia)
-

Appartengono a Coca-Cola, Pepsi e Nestlé la maggior parte dei contenitori e imballaggi usa e getta identificati nel corso di 239 attività di pulizia e catalogazione dei rifiuti – brand audit – condotti in 42 Paesi e sei continenti da Break Free From Plast
Appartengono a Coca-Cola, Pepsi e Nestlé la maggior parte dei contenitori e...

L'Italia nell'Ue finira' all'inferno: cosi' CRAXI 20 ANNI FA
L'Italia nell'Ue finira' all'inferno: cosi' CRAXI 20 ANNI FA
(Venezia)
-

Unione Europea uguale: declino, per l’Italia, la prima vittima dell’euro, grazie a un certo Romano Prodi.
Unione Europea uguale: declino, per l’Italia, la prima vittima dell’euro, grazie...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati