Politica svenduta: ecco perche’ il Parlamento non conta piu’ nulla ormai

FROSINONE ore 15:25:00 del 27/02/2015 - Categoria: Politica

Politica svenduta: ecco perche’ il Parlamento non conta piu’ nulla ormai

Politica svenduta: ecco perche’ il Parlamento non conta piu’ nulla ormai. Governo questo sconosciuto.

Il Parlamento questo sconosciuto. Gli ultimi quattro esecutivi (Berlusconi, Monti, Letta, Renzi) hanno visto di fatto un riassetto istituzionale informale per cui ilgoverno ha pian piano scalzato la centralità del Parlamento.Il che non sarebbe un male in sé, se questo significasse una crescita della dimensione decisionista della Politica anziché un commissariamento delle istituzioni da parte di potentati sovranazionali che impongono delle scelte da prendere subito e senza fiatare.

Secondo il minidossier Openpolis “Il governo al tempo della crisi”, infatti, il periodo preso in esame ha visto 80% delle leggi di iniziativa governativa e solo il 20% di iniziativa parlamentare. Interessante è anche la percentuale di successo rispetto l’iniziativa, da cui si evince che oltre il 30% di tutte le proposte del governo diventa legge mentre le proposte del Parlamento che vanno a buon fine non raggiungono neanche un misero 1%. Anche rispetto alla lunghezza del procedimento legislativo dobbiamo distinguere se l’iniziativa è del governo (media 112 giorni) o del Parlamento (media 337 giorni).

Per ottenere questi risultati senza che ci sia stata una formale attribuzione di nuove prerogative il governo ha utilizzato sempre maggiormente lo strumento del voto di fiducia. Non solo sui provvedimenti particolarmente dibattuti – 8 voti di fiducia per approvare la riforma Fornero sul lavoro – ma anche come metodo consolidato per compattare la maggioranza e restringere il dibattito d’Aula. Il rapporto fra leggi approvate e fiducie richieste ha raggiunto nuove vette con gli esecutivi Monti e Renzi, entrambi intorno al 45%. Compito del Parlamento sarebbe anche quello di vigilare sull’attività del governo, operazione che svolge perlopiù attraverso la presentazione di interrogazioni e interpellanze alla Presidenza del Consiglio oppure ai singoli ministri. Le risposte che riceve però sono bassissime, in totale viene data attenzione solo al 35% dei quesiti, con la percentuale che tocca il punto più basso con il governo Renzi, sotto il 25%.

Autore: Gerardo

Notizie di oggi
NUOVO GOVERNO LEGA-MS5: SI PREVEDE IL CROLLO NEL MEDIO TERMINE
NUOVO GOVERNO LEGA-MS5: SI PREVEDE IL CROLLO NEL MEDIO TERMINE

-

Si rende noto quanto emerso dalla riunione della Segreteria Nazionale del Nuovo Cdu, avvenuta giovedì scorso.
MILANO, 19 giugno 2018 - Si rende noto quanto emerso dalla riunione della...

La Mussolini al Parlamento UE: SCIACQUATEVI LA BOCCA QUANDO PARLATE DELL'ITALIA! VIDEO
La Mussolini al Parlamento UE: SCIACQUATEVI LA BOCCA QUANDO PARLATE DELL'ITALIA! VIDEO

-

E’ una Alessandra Mussolini in grande spolvero quella che durante la seduta plenaria a Strasburgo del Parlamento Europeo ha risposto per le rime a chi ha accusato l’Italia in questi giorni.
E’ una Alessandra Mussolini in grande spolvero quella che durante la seduta...

Gli Italiani si sentono RAPPRESENTANTI dalla politica di SALVINI
Gli Italiani si sentono RAPPRESENTANTI dalla politica di SALVINI

-

La linea dura ha evidenziato una serie di aspetti, sia in relazione all' Europa, sia in relazione agli equilibri interni.
SOGNO O SONDAGGIO? LA POLITICA DEI PORTI CHIUSI CONVINCE IL 59% DEGLI ITALIANI...



-


CURZIO MALTESE: IL SUICIDIO DEL M5S IN TRE MOSSE - ''IL MOVIMENTO STA FACENDO...

Italia a rischio attentati per colpire Salvini e il Governo?
Italia a rischio attentati per colpire Salvini e il Governo?

-

Salvini deve fare estrema attenzione in quanto il suo governo temo verrà presto messo in discussione, probabilmente anche mettendo sotto attacco l’Italia ed il suo governo con accuse al ministero degli Interni, ossia quello che lo stesso Salvini dirige
Salvini deve fare estrema attenzione in quanto il suo governo temo verrà presto...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati