Poletti annuncia il piano anti-povertà

GENOVA ore 12:20:00 del 08/04/2016 - Categoria: Denunce, Economia, Politica, Sociale - Poveri

Poletti annuncia il piano anti-povertà

Un sostegno al reddito pari a circa 320 euro al mese per un milione di “poveri”. Questo il piano illustrato dalministro del Lavoro Giuliano Poletti

Insieme al sostegno al reddito il governo sta pensando anche a un piano per l’inclusione sociale dei poveri, per costruire la via italiana al reddito minimo, come spiega il ministro nella sua itnervista a “Repubblica”. Già approvato a Palazzo Chigi il disegno di legge delega in merito: entro sei mesi dal via libera del Parlamento arriveranno dunque i decreti attuativi.

Poletti annuncia il piano anti-povertà “Subito 320 euro al mese per loro”

I criteri per assegnare il sussidio contro la povertà – Il nuovo sussidio contro la povertà dovrebbe essere pari a circa 80 euro a testa al mese con una media per una famiglia di 4 persone (con minori) di 320 euro, ma con un tetto massimo di 400 euro al mese per le famiglie con cinque componenti e oltre. Lo si apprende da tecnici del ministero del Lavoro. I criteri prefeRenziali per ottenere il sussidio in prima battuta potrebbero essere, oltre alla presenza di figli minori, l’essere madre single, la presenza di disabili in famiglia, l’assenza di occupati e l’Isee a zero.

“Chi riceverà l’assegno – precisa poi il ministro – avrà alcuni obblighi, come mandare i figli a scuola o accettare un’occupazione”.

Un sostegno al reddito pari a circa 320 euro al mese per un milione di “poveri”. Questo il piano illustrato dalministro del Lavoro Giuliano Poletti. La riforma dovrebbe partire nel 2017, ma già da quest’anno potranno essere utilizzati i 600 milioni stanziati nella legge di Stabilità. Si comincerà dalle famiglie con minori. L’obiettivo, ha spiegato il ministro, è quello di fare crescere nel tempo sia l’indennità sia la platea di beneficiari.

Alla domanda se saranno anche introdotti sgravi fiscali per incentivare il lavoro da casa, il ministro replica: “Non ora, anche se gli sgravi per il welfare aziendale previsti nella legge di Stabilità si muovono in quella direzione”.

Nel 2017 dovrebbe dunque scattare la riforma che coinvolgerà gradualmente tutti i quattro milioni di italiani in condizione di povertà assoluta. “E’ un cambiamento radicale – dice Poletti – perché nel nostro Paese non c’è mai stato un istituto unico nazionale a carattere universale per sostenere le persone in condizione di povertà. Vogliamo dare a tutti la possibilità di vivere dignitosamente. E’ una riforma che vale almeno quanto il Jobs act”.

Il ministro lancia la “via italiana al reddito minimo” illustrando le tappe in unʼintervista a “Repubblica”. Subito lʼassegno a un milione di persone. Ma la platea di beneficiari sarà gradualmente allargata

Sulle pensioni, Poletti aggiunge: “Il governo si è impegnato sulla flessibilità in uscita. Entreremo nel merito solo con proposte precise”. Sul cosiddetto “lavoro agile”, Poletti fa sapere che “non abbiamo stime e non so se ce ne siano. So che i cambiamenti tecnologici sono molto più veloci dei cambiamenti sociali. E penso anche che le innovazioni tecnologiche possono da una parte bruciare posti di lavoro, ma dall’altra renderci più liberi nel lavoro. E’ un mix che il legislatore non può ignorare”.

Autore: Luca

Notizie di oggi
FMI avverte: Italia deve aumentare TASSE su case e consumi
FMI avverte: Italia deve aumentare TASSE su case e consumi

-

Per il Fondo Monetario Internazionale, l’Italia dovrebbe prioritariamente porre in essere azioni per risanare i conti pubblici
Per il Fondo Monetario Internazionale, la priorità per l'Italia deve essere il...

Italia: una Repubblica fondata sulla STRAGE sul lavoro (grazie al JOBS ACT)
Italia: una Repubblica fondata sulla STRAGE sul lavoro (grazie al JOBS ACT)

-

Uno stillicidio di omicidi bianchi difficile da raccontare. Giuseppe Greco, un 51enne di Isola Capo Rizzuto, e Kiriac Dragos Petru, un romeno di 35 anni, residente a Rocca di Neto, sono rimasti uccisi dal crollo di un vecchio muro di contenimento in un ca
Uno stillicidio di omicidi bianchi difficile da raccontare. Giuseppe Greco, un...

Il VERO motivo per cui tutti vogliono la testa di Assad
Il VERO motivo per cui tutti vogliono la testa di Assad

-

Assad è un pericolosissimo dittatore, come lo erano Saddam Hussein e Gheddafi, e su questo non c’è alcun dubbio. Ma la sua destituzione nasconde interessi che vanno molto oltre a ciò che vuole farci credere l’informazione occidentale.
Assad è un pericolosissimo dittatore, come lo erano Saddam Hussein e Gheddafi, e...

Cosenza: 'la mia casa pignorata? Finita in mano ai PM!'
Cosenza: 'la mia casa pignorata? Finita in mano ai PM!'

-

La sua casa finisce all’asta e ad acquistarla è un magistrato onorario che opera nello stesso circondario, quello di Cosenza.
La sua casa finisce all’asta e ad acquistarla è un magistrato onorario che opera...

Ex moglie ostacola rapporto padre e figlio? DEVE PAGARE RISARCIMENTO!
Ex moglie ostacola rapporto padre e figlio? DEVE PAGARE RISARCIMENTO!

-

I figli devono poter mantenere un rapporto pieno e soddisfacente, in termini di qualità e quantità, con entrambi i genitori, quando questi decidono di interrompere la loro relazione
AVVISO ALLE EX MOGLI STRONZETTE: SE OSTACOLANO IL RAPPORTO TRA PADRE E FIGLIO,...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati