Pensioni: la vergogna non ha più limite!

MILANO ore 11:34:00 del 19/03/2016 - Categoria: Denunce, Economia, Politica - Clero

Pensioni: la vergogna non ha più limite!

La vicenda era stata già denunciata dall’Inps nei mesi scorsi. Ma ora il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti,ha confermato l’esistenza del buco nel bilancio, senza però parlare di cambiamenti: non c’è alcuna intenzione di intervenire, perché secondo la

Quasi otto milioni di euro all’anno. A carico dei contribuenti italiani. Per salvare il sistema previdenziale di 14 mila ministri di culto. Ma il governo non vuole cambiare le norme. E lo ha ribadito in Parlamento con il ministro del Lavoro Poletti

Battesimi matrimoni funerali (tutto in nero) mai nemmeno una ricevuta fiscale.1 proprieta' su 3 a Roma. 1 su 4 in Italia . Ici Imu non hanno mai pagato 1 lira .Agevolazioni di ogni genere in materia fiscale. In materia finanziaria usufruiscono di ogni genere di agevolazione pure dei paradisi fiscali e sono inseriti a pieno titolo nelle black list con rogatorie internazionali occultate nei cassetti vaticani mai chiarite .Attraverso i sacerdoti e la radio Maria ricevono finanziamenti ed eredita' anche attraverso la Svizzera non pagando ma piangono in continuazione miseria. L’8x1000 il 5x1000 .Pensioni d'oro ai Cardinali ultima in ordine di tempo al cardinal Bargnasco 8000 euro al mese per 3 anni di lavoro svolto come cappellano militare .Distrazione di centinaia di migliaia di euro dall'ospedale Bambin Gesu' a cura del cardinal Bertone per suoi scopi e fini personali e poi Mercedes cocaina e lusso sfrenato vedi vescovo di Montecassino e soci. LA CHIESA CATTOLICA IL PIU' RICCO STATO AL MONDO. Potrebbero con le risorse che hanno risolvere per sempre la Fame nel mondo MA CONTINUANO A PIANGERE MISERIA. ACCATTONI!

NESSUNA MODIFICA – Il fondo clero è stato istituito per i sacerdoti secolari, quelli che vivono normalmente in società (anche parroci a tutti gli effetti senza appartenere a un ordine) e i ministri di culto di altre confessioni. Tuttavia, di fronte alla richiesta di rivedere le norme vigenti, il governo ha ribadito il proprio ‘no’. Qual è il motivo? “Un’eventuale abrogazione del contributo a carico dello Stato risulterebbe del tutto asistematica rispetto all’assetto normativo complessivo che è caratterizzato, come già detto, da una particolare specificità”, ha spiegato il sottosegretario Luigi Bobba. E qualsiasi riforma deve tener presente di questi aspetti. Una risposta che non convince il M5S: “Perché dobbiamo rimetterci questi soldi?”. Cominardi non è intenzionato ad arrendersi. E, insieme ai suoi colleghi, sta già predisponendo un’altra interrogazione da depositare alla Camera. “Vogliamo capire quali sono le pensioni più alte. Non vorrei che a carico dello Stato ci fossero pensioni d’oro di prelati”, dice. E conclude: “Sia chiaro che non vogliamo ingaggiare nessuna battaglia contro le persone più bisognose. Il nostro obiettivo è di evitare possibili storture, con lo Stato italiano che paga migliaia di euro”.

TANTI SOLDI – Ma come funziona il meccanismo? Il fondo è alimentato per gran parte dal contributo annuale versato da ogni iscritto. Sin qui tutto secondo logica. Ma da oltre 40 anni lo Stato provvede ad alimentare ulteriormente le casse di questo fondo. E il governo ha anche deciso, dal gennaio 2013, di aumentare la cifra stanziata di oltre 200 mila euro all’anno: ora è di 7 milioni 924mila euro. Eppure tutto questo non basta a tenere il bilancio in pari. “L’attuale disciplina normativa regolatrice del fondo di previdenza del clero non può ritenersi sostenibile all’interno del sistema previdenziale italiano”, incalzano comunque i 5 Stelle. Che hanno perciò chiesto chiarimenti al ministro Poletti sulle cause della situazione di dissesto. La risposta all’interrogazione ha spiegato che il problema risiede nello “squilibrio tra contributi versati e prestazioni erogate (nel 2015 il rapporto contributi/prestazioni è stato di 1 a 3)”.

Il governo lo ha ammesso. Nel bilancio del fondo clero c’è un buco da 2 miliardi. Nonostante lo Stato italiano versi ogni anno 7 milioni 924mila euro per alimentarlo. Con lo scopo di pagare le pensioni a 14 mila sacerdoti. E questo dal lontano 1973, con tanto di aumento stabilito nel 2013.  La vicenda era stata già denunciata dall’Inps nei mesi scorsi. Ma ora il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti,ha confermato l’esistenza del buco nel bilancio, senza però parlare di cambiamenti: non c’è alcuna intenzione di intervenire, perché secondo la versione ufficiale sarebbe difficile legiferare solo su questo aspetto. La questione è stata sollevata da un’interrogazione parlamentare del Movimento 5 Stelle, firmata dal deputato Claudio Cominardi. “Non vogliamo accanirci contro i fedeli, ma mi sembra un’esagerazione che lo Stato debba versare ogni anno dei milioni di euro”, afferma a Il Fatto Quotidiano il parlamentare penstellato.

Riportato da Il Fatto Quotidiano

Autore: Carmine

Notizie di oggi
I PESTICIDI FANNO PARTE DI TE! ECCO QUANTI NE INGERISCI OGNI GIORNO
I PESTICIDI FANNO PARTE DI TE! ECCO QUANTI NE INGERISCI OGNI GIORNO

-

Quanti pesticidi ci sono nel cibo che mangiamo? La famiglia D. ha deciso di scoprirlo.
Inizia così il video della seconda puntata de I pesticidi dentro di noi, una...

Quello che le TV non ti hanno detto sul PRINCIPE HARRY E LA FIDANZATA
Quello che le TV non ti hanno detto sul PRINCIPE HARRY E LA FIDANZATA

-

Il principe inglese Harry Windsor si sposa. Sì, l'altro figlio di Carlo principe di Galles e Diana, quello rosso di capelli.....
Il principe inglese Harry Windsor si sposa. Sì, l'altro figlio di Carlo principe...



-


E' curioso lo slancio umanitario che ha colto d'improvviso la Sinistra italiana...



-


La nuova rete 5G (5a generazione) è da poco diventata realtà, l'azienda di...

GOVERNO: NUOVA STANGATA SULLE PMI
GOVERNO: NUOVA STANGATA SULLE PMI

-

In arrivo un balzello da mezzo miliardo di euro sulle Pmi. Gli imprenditori: “Il governo ha dimenticato le aziende”
Un’altra stangata sulle piccole e medie imprese. Il governo si accanisce ancora...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati