Pensioni italiane: cosa non ti dicono

ROMA ore 11:35:00 del 21/03/2016 - Categoria: Denunce, Economia, Politica, Sociale - Pensioni

Pensioni italiane: cosa non ti dicono

I dati provengono da un campione di 5.000 lavoratori classe ‘80: i 35enni di oggi prenderanno nell’intera vita pensionistica un importo complessivo circa il 25% inferiore a quello della generazione precedente, pur lavorando fino a 70 anni.

E’ ufficiale: I pensionati italiani del futuro moriranno di fame!

– Oltre che dai privilegiati della Prima e Seconda Repubblica, le nuove generazioni da cosa saranno maggiormente penalizzate?

— Si tratta di una contraddizione. Da più parti si invitano i ragazzi a risparmiare per integrare la propria pensione nella previsione che sarà troppo bassa, ma poi non si agevola tale tipo di risparmio. Lo Stato deve considerare che un giovane che accede al sistema pensionistico integrativo peserà di meno in futuro e andrebbe adeguatamente incentivato.

— L’elenco è noto: baby pensioni, pensioni d’oro, pensioni privilegiate. Ma dovremmo pure riflettere sulle pensioni minime, anche se sarebbe altamente impopolare: come si può chiedere un sacrificio elevato ai nostri giovani che lavorano e pagano i contributi, mentre viene concessa una pensione — pur minima — a coloro che non hanno versato nulla? È una palese ingiustizia. A onor del vero, molteplici possono essere state le cause dei mancati versamenti; quella più odiosa è il lavoro in nero, pratica diffusa in Italia. E se è vero che lo Stato dovrebbe sanzionare maggiormente le imprese che lucrano su di esso, è vero anche che la Pubblica Amministrazione non può farsi carico di sostenere tutti i cittadini che, per paura o scarso senso civico, non denunciano chi delinque sulla loro pelle.

– Quale tasso di disoccupazione permetterebbe l’equilibrio del sistema pensionistico senza aggravare la situazione economica per i futuri pensionati?

— Sarebbe desiderabile un 7%, livello fisiologico per l’Italia. Attualmente, fino a 35 anni, i lavori per i giovani non sono veri lavori e spesso sono precari. Di questa situazione non si vede soluzione a breve. In un sistema contributivo più equo occorre però che i lavori siano stabili e con stipendi adeguati, altrimenti il montante contributivo crolla drammaticamente.

— Da due variabili: l’assenza di lavoro per i giovani e la stagnazione economica. Disoccupazione di lungo corso per i ragazzi tra i 18 e i 35 anni, con punte del 40%, significa abbassare drasticamente il montante pensionistico sul quale verrà calcolato il futuro assegno, per assenza di contributi. Se alla scarsità di questi ultimi si aggiungono un Pil che cresce poco e un’inflazione pari a zero, variabili sulla base delle quali si calcolano gli interessi sui contributi versati, si ha pure un montante che non si incrementa e che quindi rimane prossimo alla somma dei versamenti effettuati negli anni. In queste condizioni parlare di una futura riduzione degli assegni del 25% rispetto alle pensioni attualmente erogate potrebbe risultare addirittura ottimistico. Non resta che sperare nella ripresa economica, sia per creare maggiori occasioni di lavoro e conseguenti maggiori contributi pensionistici, sia per avere un più elevato tasso di interesse ai fini del calcolo del montante contributivo.

– In questo situazione come giudica la scelta del Governo di tassare i fondi pensione, effettuata nella precedente Legge di Stabilità?

Lo si evince dallo studio presentato da Tito Boeri, presidente Inps, in cui si legge: L’assegno previdenziale di una persona della classe 1980 sarà del 25% inferiore a quelle di oggi (classe 1945), tenendo conto degli anni di percezione e utilizzando lo scenario di crescita del Pil dell’1%.

– Quali sono le zavorre che hanno portato al collasso il sistema pensionistico?

I dati provengono da un campione di 5.000 lavoratori classe ‘80: i 35enni di oggi prenderanno nell’intera vita pensionistica un importo complessivo circa il 25% inferiore a quello della generazione precedente, pur lavorando fino a 70 anni. Aggiunge Boeri: Se si guarda alla distribuzione per età alla decorrenza delle pensioni dirette del Fondo lavoratori dipendenti tre quarti sono state percepite prima dei 60 anni. Secondo le proiezioni Inps per i lavoratori classe 1980 solo il 38,67% la prenderà prima dell’età di vecchiaia, che per gli attuali 35enni significa nel 2050 a 70 anni di età. Sarà più basso quindi il trasferimento pensionistico complessivo (perché percepito per meno anni), ma anche il tasso di sostituzione medio rispetto alla retribuzione che sarà intorno al 62%.

— No, non poteva reggere comunque, per una questione di inconsistenza finanziaria e attuariale. È inaccettabile e iniquo che l’importo della pensione potesse dipendere dal solo numero di anni di anzianità, indipendentemente dall’età del pensionato, dalla dinamica retributiva e dall’Aspettativa di vita: quest’ultima dipende non solo dall’età, ma anche dalle condizioni ambientali e di lavoro, e in tale direzione è stato introdotto nella normativa l’istituto dei lavori usuranti, con la nascita di numerosi contenziosi sollevati da diverse categorie professionali per vedersi riconosciuta tale qualificazione — fino al caso paradossale delle maestre d’asilo. Introdurre equità nel sistema richiederebbe attenta analisi caso per caso, ma sarebbe impraticabile per l’insorgenza di un’infinità di contenziosi. Citiamo a tal proposito le polemiche sorte quando nel sistema di calcolo retributivo si tentò di aumentare il numero di anni su cui calcolare l’importo medio delle ultime retribuzioni per determinare la prima pensione. Come succede spesso quando un sistema è vicino al tracollo, si passò bruscamente al metodo contributivo, che ora i diversi attori pretendono di modificare ed edulcorare, senza dire però con quali risorse.

– Senza baby pensioni e pensioni d’oro il sistema pensionistico retributivo italiano avrebbe retto?

 Si aggira minaccioso lo spettro della semi povertà tra i giovani che andranno in pensione nei prossimi anni.

Abbiamo posto la questione al professor Giulio Diale, associato di Metodi Matematici dell’economia e delle scienze attuariali e finanziarie presso il Dipartimento di Scienze Economico-Sociali e Matematico-Statistiche dell’Università di Torino e Presidente del Corso di Laurea Magistrale in Quantitative Finance and Insurance.

Autore: Carmine

Notizie di oggi


-


I mainstream media (TheGuardian e BBC in testa) , sebbene in maniera sottile...

David Rockefeller muore a 101 anni: DETENEVA IL MONDO
David Rockefeller muore a 101 anni: DETENEVA IL MONDO

-

Avrebbe compiuto 102 anni tra meno di tre mesi. Il banchiere americano David Rockefeller, considerato tra gli uomini più ricchi del mondo, è morto lunedì 20 marzo mentre dormiva nella sua casa di Pocantico Hills, a New York.
Avrebbe compiuto 102 anni tra meno di tre mesi. Il banchiere americano David...

Il Debito Pubblico? E' ILLEGITTIMO! DIFFONDI
Il Debito Pubblico? E' ILLEGITTIMO! DIFFONDI

-

“DETESTARE” IL DEBITO E RIFIUTARSI DI SOTTOSTARE AL CAPPIO DEL SUO PAGAMENTO È COSA FATTIBILE E DEL TUTTO LECITA,UNA VOLTA DIMOSTRATA LA SUA ILLEGITTIMITÀ.
“DETESTARE” IL DEBITO E RIFIUTARSI DI SOTTOSTARE AL CAPPIO DEL SUO PAGAMENTO È...

Potresti avere fino a 300€ in piu' sulla pensione senza saperlo! ECCO IL VIDEO
Potresti avere fino a 300€ in piu' sulla pensione senza saperlo! ECCO IL VIDEO

-

SI CHIAMANO “DIRITTI INESPRESSI” E SONO SOLDI DA AGGIUNGERE ALLA PROPRIA PENSIONE CHE, PREVIO CONTROLLO, SI POSSONO RICHIEDERE ALL’ INPS.
SI CHIAMANO “DIRITTI INESPRESSI” E SONO SOLDI DA AGGIUNGERE ALLA PROPRIA...

Terapia del dolore, la verità
Terapia del dolore, la verità

-

Esiste, quindi, un ramo della medicina capace di alleviare le sofferenze dei malati ancora poco sfruttato in Italia, perché si scontra con diversi aspetti tipici di una cultura radicata.
È una legge dello Stato che garantisce l’accesso alla terapia del dolore e il...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati