Pensioni: dite addio ai vostri soldi!

(Roma)ore 23:31:00 del 02/12/2016 - Categoria: , Denunce, Lavoro

Pensioni: dite addio ai vostri soldi!

Intervenendo al convegno Pensioni e povertà oggi e domani, il presidente dell’Inps Tito Boeri ha minacciato che nel 2050, “nell’ipotesi di un tasso di crescita del pil dell’1%, molti dovranno lavorare anche fino a 75 anni”.

DA OGGI E’ UFFICIALE: GIOVANI, SCORDATEVI LA PENSIONE! LE VERGOGNOSE DICHIARAZIONI DEL PRESIDENTE INPS. LA DOMANDA: PERCHE’ CONTINUARE A PAGARE I CONTRIBUTI?

Ma i problemi dei pensionati non sono solo proiettati solo nel futuro. “Con le regole del contributivo le persone che non raggiungono un certo ammontare di prestazione prima dell’età pensionabile rischiano di non avere alcun reddito – spiega Boeri – si apre perciò il tema di una assistenza di base che protegga queste persone contro il rischio povertà. Èun problema molto serio che riguarda i giovani. Parliamo della generazione 1980, persone che avranno 70 anni nel 2050″. “Col sistema contributivo – aggiunge il numero uno dell’Inps – i buchi contributivi incidono pensantemente, soprattutto quelli che avvengono nelle fasi precoci della carriera”. Perciò, fa poi notare, “se l’economia italiana non cresce almeno dell’1% all’anno e non c’è non un processo di maggiore stabilizzazione del lavoro iniziando con prospettive di carriera più lunghe, senza tutte le interruzioni che contraddistinguono spesso con i contratti termporanei o precari, ci potrebbero essere problemi molto seri in futuro”.

Questo boeri, ma non solo lui anche i precedenti amministratori dell'Inps, dovrebbe andare in galera. L'inps amministra le somme versate dai lavoratori mensilmente per avere una giusta pensione, non sono soldi dello Stato, sono soldi degli italiani che hanno lavorato. Il deficit dell'Inps si crea in due modi: l'incapacità di gestire bene i soldi degli italiani e l'elargizione di una incredibile quantità di pensioni d'invalidità non dovute. La cosa giusta sarebbe separare le due cose. Le pensioni d'invalidità sono a carico dello Stato. Quelle di vecchiaia o anzianità sono state versate mensilmente da chi lavora e pertanto sono soldi acquisiti e , se ben gestiti, non possono in alcun modo intaccare il bilancio dello Stato.

Non è la prima volta che Boeri getta bombe del genere contro il governo. Che, poi, deve correre ai ripari per assicurare lavoratori e pensionati. Ma il presidente dell’Inps continua a dipingere il futuro previdenziale degli italiani con tinte a dir poco fosche.

La bomba è stata lanciata. E getterà sicuramente il panico tra tutti i trentenni di oggi.

“Avremo problemi seri di adeguatezza, che non potrebbero che aumentare nel caso di una crescita economica minore – spiega – questo aprirà anche un problema molto serio di povertà per chi perderà il lavoro prima dei 70 anni. Occorre perciò affrontare molto seriamente il problema di introdurre strumenti forti di contrasto alla povertà”. Secondo le simulazioni dell’Inps, chi è nato nel 1980 riscuoterà mediamente una pensione nel 2050 pari a 1.593 euro, contro l’importo medio di 1.703 euro percepito mediamente oggi da chi è nato nel 1945. “Occorre tuttavia tenere conto – ha spiegato Boeri – del fatto che chi è in pensione attualmente sta ricevendo la pensione per un periodo molto più lungo rispetto a chi la riceverà in futuro”. Perciò l’istituto ha calcolato “un importo medio comparabile” che è pari a 2.106 euro.

Ora Boeri terrorizza i giovani: “Andate in pensione a 75 anni”
Nell’ipotesi di un tasso di crescita del pil dell’1%, i 30enni di oggi dovranno lavorare fino a 75 anni. Con prestazioni del 25% più basse

Intervenendo al convegno Pensioni e povertà oggi e domani, il presidente dell’Inps Tito Boeri ha minacciato che nel 2050, “nell’ipotesi di un tasso di crescita del pil dell’1%, molti dovranno lavorare anche fino a 75 anni”. Non solo. Quando poi andranno in pensione, avranno prestazioni mediamente del 25% più basse.

Autore: Carmine

Notizie di oggi
RIP sovranita' alimentare: Juncker autorizza gli Ogm nella UE
RIP sovranita' alimentare: Juncker autorizza gli Ogm nella UE
(Roma)
-

Il grosso vantaggio dell’Ue per le lobby finanziarie e industriali è che è molto più facile influenzare un potere centrale che i singoli governi dei 28 paesi membri.
JUNCKER (PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE EUROPEA) AUTORIZZA BEN 19 TIPOLOGIE DI ...

Insegnanti TRUFFATI da Renzi: devono RESTITUIRE gli 80 Euro!
Insegnanti TRUFFATI da Renzi: devono RESTITUIRE gli 80 Euro!
(Roma)
-

È il testo ironico, ma amarissimo, di una lettera aperta del professor Fabio Macchi pubblicata sul sito Orizzonte scuola
«A poche settimane dal voto voglio ringraziare pubblicamente Renzi e il Pd per...

Bollette della luce: ecco la cifra che dovremo PAGARE PER GLI UTENTI MOROSI
Bollette della luce: ecco la cifra che dovremo PAGARE PER GLI UTENTI MOROSI
(Roma)
-

L’AEGSI HA EMESSO UNA DELIBERA CHE PREVEDE IL RECUPERO DELLE MOROSITÀ DERIVATE DALLE BOLLETTE DELLA LUCE NONO PAGATE, A CARICO DI TUTTA LA COLLETTIVITÀ.
L’AEGSI HA EMESSO UNA DELIBERA CHE PREVEDE IL RECUPERO DELLE MOROSITÀ DERIVATE...

Italia in declino da 25 anni: le PRIVATIZZAZIONI hanno ucciso il Paese
Italia in declino da 25 anni: le PRIVATIZZAZIONI hanno ucciso il Paese
(Roma)
-

E’ opinione diffusa tra gli accoliti della sinistra italiana che i mali economici del Belpaese siano stati in larga misura acuiti e creati dai governi presieduti da Silvio Berlusconi.
E’ opinione diffusa tra gli accoliti della sinistra italiana che i mali...

In pensione con soli 5 anni di contributi? TUTTO PERMESSO...MA AGLI IMMIGRATI!
In pensione con soli 5 anni di contributi? TUTTO PERMESSO...MA AGLI IMMIGRATI!
(Roma)
-

Se non versano contributi per almeno 20 anni, i lavoratori italiani perdono tutto il tesoretto versato. “Gli immigrati (invece) prendono la pensione anche con cinque anni di contributi”.
Se non versano contributi per almeno 20 anni, i lavoratori italiani perdono...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati