Pastiera napoletana, come fare

(Palermo)ore 13:33:00 del 16/04/2017 - Categoria: , Cucina

Pastiera napoletana, come fare

Preparazioni che necessitano di una lievitazione lenta e dolce... nel frattempo quindi ci si concentra su un'altra ricetta tradizionale che non può proprio mancare sulla tavola della domenica di Pasqua: la Pastiera napoletana!

La pastiera napoletana è uno dei dolci tipici della tradizione, che si prepara abitualmente in occasione della Santa Pasqua.La ricetta è originaria della Campania, ma è ormai abbastanza comune trovarla in tutta Italia, nei pranzi e nelle colazioni pasquali affiancata alla tradizionale colomba pasquale o al casatiello dolce rustico sempre di origine partenopea.

Il giovedì Santo nelle cucine napoletane le donne di casa si mettono ai fornelli per preparare tortano e casatiello. Preparazioni che necessitano di una lievitazione lenta e dolce... nel frattempo quindi ci si concentra su un'altra ricetta tradizionale che non può proprio mancare sulla tavola della domenica di Pasqua: la Pastiera napoletana! Come ogni dolce regionale che si rispetti, anche la pastiera, immancabile nei menu di Pasqua, conosce diverse varianti e accorgimenti di famiglia in famiglia. Noi abbiamo voluto seguire la versione più classica e realizzare la frolla con l'aggiunta dello strutto che non appesantirà la base, ma donerà un gusto più deciso ed una friabilità maggiore. Preparate anche voi la Pastiera napoletana, da regalare ai vostri amici o da gustare insieme ai vostri parenti, noi vi consigliamo di farlo con qualche giorno d'anticipo... riposando sarà ancora più buona!

Ingredienti per la frolla (per uno stampo da 20 cm)

Farina 00 315 g Strutto freddo 180 g Zucchero 135 g Tuorli 3

PER CUOCERE IL GRANO

Latte intero 250 g Grano cotto 350 g Strutto 30 g Scorza di limone 1

PER LA CREMA

Ricotta vaccina 200 g Ricotta di pecora 200 g Zucchero 350 g Uova 3 Cedro candito 50 g Arancia candita 50 g Acqua di fiori d'arancio 15 g Cannella in polvere 1 pizzico Baccello di vaniglia 1

PER UNGERE E INFARINARE LO STAMPO

Strutto q.b. Farina 00 q.b.

Come preparare la Pastiera napoletana

Pastiera napoletana

Per preparare la pastiera napoletana iniziate dalla pasta frolla. In una ciotola versate la farina e lo zucchero (1), poi unite lo strutto (2) e iniziate ad impastare a mano (3).

Pastiera napoletana

Non appena avrete ottenuto un composto sabbioso (4) unite anche i tuorli (5). Lavorate ancora con le mani (6)

Pastiera napoletana

e non appena avrete ottenuto un composto uniforme trasferitelo su un piano di lavoro (7). Continuate a lavorare l'impasto, giusto il tempo di compattare gli ingredienti, fino a che avrete ottenuto un panetto liscio ed uniforme (8). Avvolgete nella pellicola per alimenti (9) e lasciate riposare per un'oretta in frigorifero.

Pastiera napoletana

Nel frattempo versate il latte in un pentolino, aggiungete il grano precotto (10), lo strutto (11) e la scorza del limone grattugiata (12).

Pastiera napoletana

Accendete il fuoco e mescolando spesso (13), lasciate cuocere per circa 20 minuti a fuoco medio fino ad ottenere un composto cremoso (14) e lasciate raffreddare. Solo quando sarà ben freddo iniziate a preparare la crema. In una ciotola setacciate sia la ricotta vaccina che quella di pecora (15);

Pastiera napoletana

Unite lo zucchero (16) e mescolate con una frusta o con una spatola (17). Aggiungete poi le uova (18)

Pastiera napoletana

e il grano ormai freddo (19). Aggiungete anche i semi della bacca di vaniglia (20); poi tagliate a cubetti sia l'arancia che il cedro candito (21)

Pastiera napoletana

e inseriteli nel composto (22), insieme ad un pizzico di cannella (23) e all'acqua di fiori d'arancio (24).

Pastiera napoletana

A questo punto mescolate il tutto per amalgamare tutti gli ingredienti (25) e passate alla composizione della pastiera. Ungete uno stampo in alluminio da pastiera da 20 cm lo strutto e infarinatelo (26). Poi riprendete la pasta frolla e iniziate a stenderla con il mattarello (27)

Pastiera napoletana

fino ad ottenere uno spessore di circa mezzo cm (28). A questo punto trasferitelo nello stampo (29) e con le mani fate in modo che aderisca bene su tutta la superficie (30).

Pastiera napoletana

Eliminate poi l'eccesso di pasta con un coltellino (31) e impastatelo nuovamente, servirà per realizzare le losanghe. Versate poi la crema all'interno del guscio di frolla (32) e livellatela. Quindi stendete il resto della pasta, sempre fino ad ottenere uno spessore di mezzo cm e realizzate le losanghe, larghe circa 1 cm e mezzo con una rotella taglia pasta (33).

Pastiera napoletana

Poi posizionatele sulla pastiera prima in un verso (34) e poi nell'altro (35), avendo cura di far coincidere le estremità con i bordi dello stampo. A questo punto cuocete in forno statico preriscaldato a 180° per circa 80 minuti, avendo cura di spostare la pastiera sul ripiano più basso negli ultimi 20 minuti di cottura. Se le losanghe dovessero scurirsi troppo coprite la pastiera con un foglio di alluminio. Poi sfornate la pastiera napoletana (36) e lasciatela raffreddare completamente. Prima di servirla potete spolverizzare la superficie con dello zucchero a velo a piacere.

Conservazione

La pastiera napoletana cotta si conserva tranquillamente per una settimana in frigorifero sotto con una campana di vetro, o in un luogo fresco e asciutto.

Sia la crema che la pasta frolla si possono preparare con qualche ora d'anticipo, ma una volta preparata la pastiera consigliamo di cuocerla subito.

La pastiera può anche essere congelata, per comodità tagliatela a fette così potrete scongelare la vostra porzione al bisogno!

Consiglio

Se preferite al posto dello strutto per preparare la frolla potete utilizzare 155 gr di burro, mentre per la crema mantenete le stesse dosi.

Se la ricotta dovesse essere troppo umida potete lasciarla scolare in un colino per qualche ora.

Se volete optare per una versione meno rustica potete frullare una parte del grano cotto, o tutto!

Non amate i canditi? Potete frullare anche questi!

Curiosità

Il nome Pastiera sembrerebbe derivare dall’abitudine, consolidata per un certo periodo di tempo, che vedeva utilizzare al posto del grano cotto la pasta cotta; tutt’oggi ci sono ancora massaie che preparano la pastiera utilizzando paste del tipo spaghetti o capellini.

Se preferite una crema senza canditi potete ometterli, risulterà ugualmente golosa.

Per rendere il ripieno più fine e dalla consistenza meno rustica, potreste macinare tutto o metà del grano cotto prima di aggiungerlo alla restante crema.

Autore: Carla

Notizie di oggi
Petto di pollo al forno con scamorza, preparazione
Petto di pollo al forno con scamorza, preparazione
(Palermo)
-

Conservate il pollo in frigorifero per un paio di giorni al massimo. Si sconsiglia la congelazione.
Petti di pollo al forno con pomodorini e scamorza, un secondo piatto facilissimo...

Insalata di cavolo cappuccio, preparazione
Insalata di cavolo cappuccio, preparazione
(Palermo)
-

A noi piacciono talmente tanto che preferiamo gustarle tutto l’anno.
Solitamente siamo abituati a gustare le insalate durante la stagione calda: sono...

Mostaccioli napoletani, come fare
Mostaccioli napoletani, come fare
(Palermo)
-

Si tratta di una delle più emblematiche ricette della tradizione grazie alla caratteristica forma di rombo e la copertura di cioccolato fondente.
L'aria natalizia che si respira nella città di Napoli ha un profumo...

Sorbetto alle nocciole, preparazione
Sorbetto alle nocciole, preparazione
(Palermo)
-

I più tradizionalisti penseranno subito al sorbetto al limone, che con le sue note asprigne rinfresca il palato e aiuta la digestione… i più innovativi magari oseranno con un sorbetto di ananas e menta, mentre gli amanti dell’espresso sceglieranno sicuram
Cosa c’è di meglio di un bel sorbetto per concludere un lauto pasto? I più...

Pasta al forno, preparazione
Pasta al forno, preparazione
(Palermo)
-

Quando si prepara la pasta al forno è molto importante fare attenzione alla cottura della pasta, che va scolata a metà ancora al dente, per evitare che scuocia a causa del passaggio prolungato in forno che le donerà una crosticina in superificie davvero i
Teglia fumante mi ci ficco. Vabbè, non fa rima, ma è esattamente il pensiero che...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati