PASSIAMO ALLE COSE FORMALI? DISASTRO MILAN

(Milano)ore 12:07:00 del 26/09/2017 - Categoria: , Calcio

PASSIAMO ALLE COSE FORMALI? DISASTRO MILAN

Il Milan ci è ricascato. E il tonfo, questa volta, fa ancora più rumore. Il dubbio della vigilia prende ormai consistenza: quando si alza l'asticella, la squadra di Montella finisce gambe all'aria

Finché non ci sarà una scelta chiara di modulo e dei suoi interpreti, non ci sarà molto da sperare! Anche a costo di tenere gente come Suso in panchina! Inutile farlo giocare dove non sa e non vuole giocare! Poi gente come Silva ha bisogno di giocare se vuoi che entri in condizione e capisca il nostro calcio. Il troppo turnover non sta portando a nulla, solo a della confusione e ad una mancanza di continuità che implica mancanza di identità. Poi non si capisce perché Musacchio debba stare in panchina per far giocare quello svampito di Zapata! Anche qui...perché non scegliere i tre centrali e farli giocare sempre perché imparino a giocare insieme!?!

L'errore più grave è stato commesso dalla società che ha passato una campagna acquisti ottima x superba...
Il livello di partenza prima del mercato di Luglio era imbarazzante, il lavoro fatto è stato ottimo ma non si è certo raggiunto Juve o Napoli.

Va poi considerato che si è acquistato tanti ottimi calciatori ma nessun fenomeno, senza dimenticare che Bonucci senza un bagno di umiltà è imbarazzante

Otto gol subiti in sei partite, affidandoci ancora alla fredda statistica, non possono essere un caso. E difatti anche oggi il terzetto di centrali non ha retto l'urto dell'attacco avversario, arginando a fatica le folate offensive e cadendo rovinosamente nei momenti topici della gara. L'intervento a vuoto di Bonucci con successivo assist di Zapata per l'omonimo della Samp in occasione dell'1-0 è specchio fedele del momentaccio. In particolare il colombiano, preferito per la seconda gara consecutiva a Musacchio, è stato in assoluto il meno affidabile del pacchetto arretrato, preso sempre d'infilata dal connazionale con il numero 91 sulle spalle.

A PICCO — Il 2-0 di Marassi non rende fino in fondo l'idea del totale dominio blucerchiato e dell'assoluta inconsistenza della banda Montella all'interno dei 90'. Per i rossoneri nessun tiro nello specchio come non accadeva da agosto 2015 contro la Fiorentina e soltanto tre palloni giocati in area avversaria nei primi 45 minuti, record negativo nelle ultime due stagioni di Serie A: numeri che meglio fotografano il match di Genova. Tra scelte di formazione discutibili, uno stato di forma appannato e un approccio alla gara totalmente da dimenticare, Montella avrà parecchio da lavorare per ritrovare il bandolo della matassa.

Autore: Gregorio

Notizie di oggi
L'esercito finanziario del Milan? Bilancio in rosso di 126 milioni di euro
L'esercito finanziario del Milan? Bilancio in rosso di 126 milioni di euro
(Milano)
-

L’esercizio finanziario riferito alla stagione 2017/2018 risente della campagna acquisti dello scorso anno, anche se i ricavi sono in aumento.
Deficit in crescita rispetto allo scorso anno Il Milan ha pubblicato il...

Cosa rischia Cristiano Ronaldo
Cosa rischia Cristiano Ronaldo
(Milano)
-

Cristiano Ronaldo e il presunto stupro: le differenze giudiziarie fra Italia e Usa.
 Cristiano Ronaldo e il presunto stupro: le differenze giudiziarie fra Italia e...

Cristiano Ronaldo: il caso stupro si affaccia sui giornali italiani
Cristiano Ronaldo: il caso stupro si affaccia sui giornali italiani
(Milano)
-

Repubblica, Corsera e Stampa puntano sulla fuga degli sponsor. La Gazzetta mette due righe in fondo all’articolo. In prima pagina sul Times e l’Independent
Niente in prima pagina, ma qualcosa si muove Con un po’ di fatica l’inchiesta...

Elogio ad Ancelotti: dal 2006 Liverpool per la prima volta senza TIRI IN PORTA
Elogio ad Ancelotti: dal 2006 Liverpool per la prima volta senza TIRI IN PORTA
(Milano)
-

Dopo quella del Guardian, ecco un’altra lettura di Napoli-Liverpool da parte dei giornali inglesi.
Dopo quella del Guardian, ecco un’altra lettura di Napoli-Liverpool da parte dei...

CASO NDRANGHETA nella rottura tra AGNELLI e MAROTTA
CASO NDRANGHETA nella rottura tra AGNELLI e MAROTTA
(Milano)
-

La Verità ricorda che Marotta non fu mai sfiorato dall’inchiesta. Report svelerà che fu lui a far avere al figlio di un boss i biglietti di Juventus-Real Madrid
Report ha cominciato a pubblicizzare la puntata sui rapporti tra la Juventus e...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati