Partito Democratico: Voti della mafia in cambio di favori!

CATANZARO ore 10:08:00 del 27/03/2016 - Categoria: Cronaca, Denunce, Politica - Mafia

Partito Democratico: Voti della mafia in cambio di favori!

I carabinieri del Comando Provinciale di Cosenza hanno tratto in arresto dieci persone su ordine della Dda di Catanzaro

I reati contestati a vario titolo sono concorso esterno in associazione mafiosa, voto di scambio, corruzione. A svolgere le indagini, condotte dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Catanzaro, è stato il Nucleo Investigativo del Comando provinciale di Cosenza che ha svelato un "intreccio" politico/mafioso che ha consentito a candidati alle varie tornate elettorali comunali, provinciali e regionali, di ottenere il prezioso sostegno elettorale da parte di personaggi di rilievo della cosca di ‘ndrangheta "Lanzino-Rua'" di Cosenza, già tutti definitivamente condannati per "associazione mafiosa", in cambio di favori.

A condurre l'inchiesta sono stati i pubblici ministeri di Catanzaro Vincenzo Luberto e Pierpaolo Bruni. Oltre a Principe, l'operazione ha visto il coinvolgimento di altri politici come Umberto Bernaudo, anch'egli ex sindaco di Rende, l’ex consigliere regionale Rosario Mirabelli, l’ex consigliere provinciale Pietro Ruffolo e un ex consigliere comunale di cui al momento non è stata resa nota l’identità. Per tutti sono stati disposti gli arresti domiciliari.

Sandro Principe, ex sindaco di Rende e sottosegretario ai lavori pubblici, avrebbe accettato voti della 'ndrangheta in cambio di favori. In manette anche ex consiglieri provinciali e regionali.

I carabinieri del Comando Provinciale di Cosenza hanno tratto in arresto dieci persone su ordine della Dda di Catanzaro. In manette anche Sandro Principe, esponente del Partito Democratico, ex sottosegretario al Lavoro ed ex sindaco di Rende, oltre ad ex assessore e consigliere regionale. Arrestati anche ex assessori e consiglieri, quattro esponenti di vertice della cosca di ‘ndrangheta "Lanzino-Rua'", egemone in provincia di Cosenza, per cui è stata disposta la custodia in carcere mentre per gli altri si è fatto ricorso ai domiciliari.

In particolare tra le attività illegali scoperte – tutte frutto di accordi elettorali – ci sono, come riporta Il Quotidiano del Sud "quelle relative all'affidamento in gestione di locali pubblici comunali a beneficio di personaggi appartenenti alla ‘ndrangheta, all'assunzione presso la società "municipalizzata" preposta alla gestione dei servizi comunali, di soggetti vicini al gruppo criminale, al mancato licenziamento di alcuni di questi nonostante alcune condanne, la promessa dell'erogazione di fondi pubblici per finanziare una cooperativa creata ad hoc, da un personaggio di vertice della cosca, per la gestione dell'area mercatale di Rende. Le assunzioni presso la "municipalizzata", in particolare, hanno riguardato vari esponenti della cosca, tra cui il capo del sodalizio di ‘ndrangheta, Ettore Lanzino".

Autore: Gregorio

Notizie di oggi
Toronto: furgone killer uccide 10 persone. Video
Toronto: furgone killer uccide 10 persone. Video

-

Il bilancio ufficiale parla anche di 15 feriti. Arrestato il guidatore: sarebbe uno studente 25enne di origini armene
Panico a Toronto, dove un van di colore bianco è piombato su una piccola...

Meglio dottori criminali che onesti? Due pesi e due misure
Meglio dottori criminali che onesti? Due pesi e due misure

-

L’elenco dei medici indagati, arrestati e incriminati dalla magistratura è lunghissimo
Non passa giorno senza che la cronaca elenchi casi di camici bianchi corrotti,...

Addio Mose – Sta affondando sotto la marea burocratica
Addio Mose – Sta affondando sotto la marea burocratica

-

La marea burocratica affonda il Mose. Così 8 miliardi si inabissano in laguna
Ordinanze prefettizie, interventi dell’Autorità nazionale anticorruzione e ora...

La Storia conferma: il mito DEMOCRATICO e' FALLITO
La Storia conferma: il mito DEMOCRATICO e' FALLITO

-

Abbiamo un grosso problema. Si chiama “mito democratico”. Cosa sia questa democrazia, in realtà, è una delle domande più difficili da porre alla modernità.
Abbiamo un grosso problema. Si chiama “mito democratico”. Cosa sia questa...

GENDERLESS: Con la scusa delle liberta' la natura e' stata MESSA DA PARTE!
GENDERLESS: Con la scusa delle liberta' la natura e' stata MESSA DA PARTE!

-

Con la scusa delle libertà l’uomo sta sempre più violentando la parte intima della natura.
Con la scusa delle libertà l’uomo sta sempre più violentando la parte intima...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati