Pagamento stipendi? Solo tramite conto bancario: ADDIO AI CONTANTI

(Campobasso)ore 20:29:00 del 24/04/2017 - Categoria: , Lavoro, Nuove Leggi

Pagamento stipendi? Solo tramite conto bancario: ADDIO AI CONTANTI

Il Governo sta pensando di introdurre l’obbligo di pagamento delle retribuzioni tramite banche o uffici postali per evitare che i dipendenti, sotto il ricatto del licenziamento o della non assunzione, siano spinti a firmare una busta paga da cui risulta u

Il Governo sta pensando di introdurre l’obbligo di pagamento delle retribuzioni tramite banche o uffici postali per evitare che i dipendenti, sotto il ricatto del licenziamento o della non assunzione, siano spinti a firmare una busta paga da cui risulta una retribuzione regolare anche se in realtà viene corrisposto un importo inferiore ai minimi previsti dalla contrattazione collettiva.
Questo parte della proposta di legge (atto camera 1041), primo firmatario l’onorevole Titti Di Salvo (Pd), presentata nel 2013 ma che nelle ultime settimane ha subito un’accelerazione, con l’esame delle commissioni della Camera.
“La presente proposta di legge – secondo l’onorevole – offre una soluzione a un problema che colpisce moltissimi lavoratori. È infatti noto che alcuni datori di lavoro, sotto il ricatto del licenziamento o della non assunzione, corrispondono ai lavoratori una retribuzione inferiore ai minimi fissati dalla contrattazione collettiva, pur facendo firmare al lavoratore, molto spesso, una busta paga dalla quale risulta una retribuzione regolare.


Tale prassi deprecabile rappresenta un grave danno per i lavoratori i quali vengono non solo depauperati di parte del lavoro prestato, ma sono lesi nella loro dignità e nel diritto a una giusta retribuzione, in violazione degli articoli 1, 35 e, soprattutto, 36 della Costituzione. Al contrario, la corresponsione di una retribuzione inferiore si risolve in un vantaggio illecito per il datore di lavoro”
Pagamento stipendi in contanti: sanzioni fino a 50 mila euro
La proposta di legge contiene anche un pesante sistema sanzionatorio: “Il datore di lavoro o committente che viola l'obbligo di cui all'articolo 1, comma 1, è sottoposto alla sanzione amministrativa pecuniaria consistente nel pagamento di una somma da 5.000 euro a 50.000 euro”.
Non solo, è previsto che il datore di lavoro nella comunicazione di instaurazione del rapporto di lavoro (unilav assunzione) indichi l’istituto bancario o l’ufficio postale (che a sua volta deve rilasciare una dichiarazione che “attesta l'attivazione del canale di pagamento a favore del lavoratore”). In mancanza di tale indicazione nell’unilav assunzione, il datore di lavoro “è sottoposto alla sanzione amministrativa pecuniaria consistente nel pagamento di una somma pari a 500 euro”.

Fanpage

Autore: Gregorio

Notizie di oggi
Sei un pensionato precario? VAI IN PORTOGALLO!
Sei un pensionato precario? VAI IN PORTOGALLO!
(Campobasso)
-

Se hai 70 anni vattene dall’Italia: in Portogallo la pensione è esentasse ed è un paradiso
Un bilocale fronte mare a 300 euro al mese, pesce al ristorante con 10 euro. E...

Cosi' scappa il futuro del MERIDIONE, che si svuota in silenzio
Cosi' scappa il futuro del MERIDIONE, che si svuota in silenzio
(Campobasso)
-

E chi glielo dice adesso a Salvini? Chi gli dice, mentre attende operoso al respingimento dei neri d’Africa, i nuovi invasori, che negli ultimi sedici anni circa un milione e ottocentomila italiani sono fuggiti dalle proprie case per cercare un lavoro e u
E chi glielo dice adesso a Salvini? Chi gli dice, mentre attende operoso al...

BAVAGLIO AL WEB: ce l'hanno fatta, Legge in arrivo
BAVAGLIO AL WEB: ce l'hanno fatta, Legge in arrivo
(Campobasso)
-

Bavaglio al web: alla fine ce l’hanno fatta. Il Parlamento Europeo ha dato il via libera alla proposta di direttiva sui diritti d’autore nel mercato unico digitale.
Bavaglio al web: alla fine ce l’hanno fatta. Il Parlamento Europeo ha dato il...

Non e' vita lavorare ogni domenica, commessa si licenzia dopo 20 anni
Non e' vita lavorare ogni domenica, commessa si licenzia dopo 20 anni
(Campobasso)
-

La leader del movimento “Domenica no grazie, Tiziana D’Andrea, racconta delle telefonate che riceve dalle ex colleghe che denunciano condizioni di lavoro inaccettabili
“Lavorare tutte le domeniche mi ha stravolto la vita. Dopo 20 anni di lavoro...

Viceministro Economia: da Gennaio pensioni MINIME A 780 EURO
Viceministro Economia: da Gennaio pensioni MINIME A 780 EURO
(Campobasso)
-

Laura Castelli (M5S): “Da gennaio le pensioni minime verranno portate a 780 euro”
Il viceministro all’Economia Laura Castelli (M5S) assicura che il reddito di...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati