Outlast 2, anteprima

(Cagliari)ore 22:01:00 del 28/04/2017 - Categoria: , Videogames

Outlast 2, anteprima

In questo nuovo capitolo impersonerete Blake Langermann, cameraman e marito di Lynn, una giornalista investigativa che vuole indagare sul possibile omicidio di una ragazza incinta dall'identità sconosciuta. 

A volte può capitare che, nel pieno di una discussione videoludica, qualche amico in cerca di emozioni forti finisca per chiederti "...ma alla fine qual è il gioco che ti ha terrorizzato in assoluto più di tutti?". A chi vi scrive, di solito per elaborare la domanda e rispondere "Outlast" basta circa un quarto di secondo. In quello che sembra un lontano 2013, Red Barrels ha infatti creato una vera e propria frattura nel genere horror, realizzando un titolo con cui tutta la produzione successiva, volente o nolente, ha dovuto fare i conti. 
È per questo che l'arrivo di un sequel poteva rappresentare un rischio enorme con delle premesse così eccezionali: la possibilità di combinare un disastro presentando un semplice reskin era papabile, anche perché poteva sembrare davvero complesso riuscire a fare di meglio rispetto al capitolo originale. Ma si sa, gli horror basano la loro forza sull'effetto sorpresa e, in maniera molto simile, Outlast II è stato in grado di rapirci completamente, riuscendo nella titanica impresa di superare ogni nostra più rosea aspettativa.

In questo nuovo capitolo impersonerete Blake Langermann, cameraman e marito di Lynn, una giornalista investigativa che vuole indagare sul possibile omicidio di una ragazza incinta dall'identità sconosciuta. 
Mentre girano un servizio sorvolando un'area nei pressi del deserto dell'Arizona a bordo di un elicottero, il velivolo va in avaria e precipita. Lynn è dispersa e Blake si ritrova da solo sul luogo del disastro, che coincide con l'entrata di un villaggio apparentemente abbandonato e immerso nel buio della notte.

È l'inizio di un incubo a occhi aperti che coinvolgerà i due, testimoni di un orrore radicato e impossibile da estirpare, capace di coinvolgere un'intera comunità di disperati allo sbando, plagiati dalle devianze di un falso profeta. Ve ne accorgerete man mano nel corso dell'avventura, in grado di mantenere toni maturi dall'inizio alla fine senza aver mai paura di raccontare senza filtri una storia di abusi, indicibili violenze e anti-religione. I file di testo reperibili lungo le aree di gioco includono farneticazioni, racconti dai tratti surreali, richieste d'aiuto e stralci di documenti provenienti da quello che sembra un Vangelo nero. Il giocatore viene dunque calato in un'atmosfera da brivido, che Outlast 2 rafforza con la rappresentazione di un mondo di gioco che alterna scene splatter, luoghi dove la sacralità è stata violata e sezioni all'interno di un incubo ricorrente ambientato in una scuola. Quest'ultima, oltre a rappresentare una dimensione differente, funge anche da filo conduttore per una trama che viaggia su due binari: quello del presente, che racconta le vicende di Blake, della moglie e di quel luogo di dannazione; e quello del tormentoso passato del protagonista, in qualche modo artefice - all'epoca poco consapevole - di un dramma consumatosi tra le mura d'un istituto cattolico. Sebbene si alternino senza soluzione di continuità, i due filoni narrativi rimangono tutto sommato separati fino al momento in cui il giocatore si rende conto di avere tutti gli elementi utili a delineare la personalità e il vissuto del protagonista, a sua volta vittima delle proprie scelte.

La storia di Outlast 2 funziona ed è di grande impatto, ma rimangono dei punti oscuri e non tutti i personaggi sono sufficientemente approfonditi; tuttavia, sono ben amalgamati all'interno del racconto, che tratteggia con precisione un mondo dove ogni speranza è perduta, la vita delle persone dipende da falsi déi e la malattia ha consumato corpo e coscienze di una comunità fuori dal tempo.

Run, hide or die

Le meccaniche di gioco di Outlast 2 ricalcano per filo e per segno quelle del capostipite. Blake Langermann è un cameraman, un uomo comune dall'infausto destino che si ritrova invischiato in una vicenda fuori dall'ordinario; non sa difendersi e gli unici modi che ha per sopravvivere sono determinati dalla fuga o da qualche nascondigliodi fortuna. Le aree di Outlast 2 sono più ampie rispetto al precedente capitolo, e questo concede al giocatore un maggiore spazio di manovra, ma va specificato che il gioco non ha alcun bivio ed è – a eccezione di un paio di scorciatoie di poco conto – sempre molto lineare. La struttura è insomma la medesima, così come le azioni da compiere, ma la varietà delle ambientazioni e il ritmo della storia riescono a tenere alto l'interesse fino alla fine. Il lavoro di ampliamento degli scenari è molto buono, ma è talvolta parzialmente vanificato da alcune forzature durante le sezioni di fuga, spesso poco convincenti. Queste fasi sono costruite secondo la logica del "trial and error", e prima di superarle vi ritroverete a imboccare almeno un paio di direzioni sbagliate, prima di trovare quella giusta e mettervi in salvo. Questa scelta di game design, le prime volte può forse concorrere a costruire un buon senso di tensione, ma quando aumenta il numero di tentativi ci si rende conto di come qualcosa si guasti, facendo scemare il coinvolgimento emotivo.

La telecamera a infrarossi sarà ancora una volta la vostra unica alleata: potrete attivare il microfono incorporato per ascoltare i suoni ambientali o i rumori dietro a una porta, dovrete gestire al meglio le batterie e in automatico potrete registrare dei brevi filmati quando inquadrerete degli obiettivi sensibili. Riguardarli significa anche poter ascoltare i commenti di Blake e avere dunque un approfondimento maggiore su ciò che sta accadendo. 

Graficamente Outlast 2 rappresenta un moderato passo in avanti rispetto al predecessore, e sebbene i nemici di base siano modellati in maniera più approssimativa rispetto a quelli più di rilievo, si nota una cura generale maggiore, che mostra il fianco solo su alcuni elementi di contorno degli scenari. Artisticamente il lavoro di Red Barrels è di alto livello e riesce a colpire allo stomaco: le musiche sono da brivido e il sound design è attento e preciso, mentre la rappresentazione del mondo di gioco è terrorizzante e non cede mai il passo a semplificazioni. Uomini e donne col cervello divorato dalla sifilide che vagano senza meta, corpi martoriati ed esposti come statue bloccate nella loro eterna sofferenza, predicatori che hanno perso il senno, lo sfogo degli istinti primordiali e della nequizia umana che trovano una giustificazione: sono tutti elementi di cui gli sviluppatori non si sono voluti privare per rendere ancora più esplicito Outlast 2

Si tratta insomma di un survival horror puro, maturo e truce, capace nell'arco di circa dieci ore di raccontare una storia articolata e sconvolgente.

Autore: Carmine

Notizie di oggi
Impact Winter, recensione
Impact Winter, recensione
(Cagliari)
-

Se il PC è la vostra piattaforma di riferimento e non giocate tantissimo ai titoli per dispositivi mobili, è molto probabile che il nome del team Mojo Bones non vi dica molto.
Se il PC è la vostra piattaforma di riferimento e non giocate tantissimo ai...

Recensione Forza Horizon 3 Hot Wheels
Recensione Forza Horizon 3 Hot Wheels
(Cagliari)
-

Le auto giocattolo, poi, dovevano necessariamente essere accompagnate da tracciati all'avanguardia, acquistati a peso d'oro dietro nostre pesanti insistenze, oppure regalate da munifici parenti.
Alzi la mano chi, da piccolo, non ha mai giocato con quelle che i nostri...

Destiny 2, cosa sapere
Destiny 2, cosa sapere
(Cagliari)
-

Scene epiche, transizioni immediate fra cut-scene e gameplay, e sopratutto un'interazione molto più viva e credibile  fra giocatori e NPC.
Bungie ha mostrato per la prima volta il gameplay di Destiny 2, per l'occasione...

Anteprima The Surge
Anteprima The Surge
(Cagliari)
-

Tutto ha inizio con il nostro arrivo nelle CREO Industries, azienda di ricerca dedita alla creazione di tecnologie in grado di salvaguardare la Terra e migliorare la vita dell’uomo.
Un Dark Souls in salsa Sci-Fi. È esattamente questo che aspettavamo di trovarci...

Recensione Akiba's Beat
Recensione Akiba's Beat
(Cagliari)
-

In seguito a uno strano sogno e all’incontro con la giovane Saki Hoshino, accompagnata dal fedele Pinkun, Asahi scoprirà di essere uno dei prescelti in grado di affrontare i fenomeni paranormali che stanno prendendo sempre più piede in quel di Akiba.
In una caotica Akihabara, il giovane Asahi Tachibana condurrà la sua tranquilla...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati