Omicidio Pordenone ultime notizie: indagato un amico delle vittime!

PORDENONE ore 18:48:00 del 27/09/2015 - Categoria: Cronaca

Omicidio Pordenone ultime notizie: indagato un amico delle vittime!

Omicidio Pordenone ultime notizie: indagato un amico delle vittime!Il presunto killer ha 26 anni, interrogato dagli inquirenti, non ha saputo fornire un alibi sulla sera del delitto.

Teresa Costanza e il sottufficiale dell'Esercito Trifone Ragone sono stati freddati davanti a una palestra nel marzo del 2015. Il presunto killer ha 26 anni, interrogato dagli inquirenti, non ha saputo fornire un alibi sulla sera del delitto. L'avvocato della famiglia Ragone: "Dietro il movente forse una lite"

Omicidio Pordenone - C’è una svolta nell’omicidio dei due fidanzati di Pordenone,Teresa Costanza e del sottufficiale dell’Esercito Trifone Ragone, avvenuto nel marzo 2015. Un commilitone di 26 anni di Ragone è stato iscritto nel registro degli indagati. Interrogato dagli inquirenti non ha saputo fornire un alibi per la sera del delitto, come riporta l’Ansa. L’uomo, che nel corso di questi sei mesi è stato ripetutamente sentito dagli investigatori, ha sempre affermato che la sera del duplice omicidio si trovava nella propria abitazione da solo. Circa il movente, gli inquirenti non si sono sbilanciati, anche in considerazione della lunga conoscenza che c’era tra una delle vittime e la persona indagata. Mentre secondo il legale della famiglia Ragone, Serena Gasperini, potrebbe essere legato a “un alterco”. Altri particolari sul caso non sono ancora stati resi noti per salvaguardare le indagini. “Di più non possiamo aggiungere anche perché l’inchiesta è in una fase molto delicata. Posso solo confermare che all’interessato è stato notificato il provvedimento e ha nominato un legale”, ha affermato il procuratore di Pordenone,Marco Martani.

Omicidio Pordenone - Teresa, 30 anni, si era laureata in Bocconi di Milano e lavorava come assicuratrice. Trifone, 29 anni, lavorava come militare ed era atleta di sollevamento pesi e modello. Stavano insieme da un anno. L’avvocato Gasperini, parlando di come i genitori di Ragone hanno accolto la notizia, ha detto: “Quando ti uccidono un figlio e dopo alcuni mesi si hanno dei risultati, sono felici che si continui a lavorare bene e che gli sforzi della procura e le indagini difensive hanno avuto un senso”.

Omicidio Pordenone - I due fidanzati sono stati trovati morti in auto nel parcheggio vicino al palazzetto dello Sport, dopo l’allenamento, freddati con quattro colpi di un vecchio modello di Beretta 7,65 alla testa. Un’esecuzione compiuta da un solo killer. E’ il 17 marzo scorso. Un istruttore passa, vede l’auto con il finestrino in frantumi e i corpi e lancia l’allarme. Inizialmente si pensa a un omicidio-suicidio, ipotesi smentita subito dopo dagli investigatori che si mettono a caccia del killer.

Omicidio Pordenone - Una persona, sono convinti fin dall’inizio i carabinieri che si occupano del caso, che conosce bene il posto, le abitudini e i movimenti delle vittime. Tanto da entrare in azione in pochi minuti e, come un professionista, far perdere le proprie tracce. Si scava nella vita, nel passato dei due fidanzati, bellissimi e descritti da tutti come una coppia felice. Mesi e mesi di indagini, durante i quali spuntano le ipotesi più disparate: la pista passionale, quella legata al mondo della palestra e a un presunto commercio di anabolizzanti. E, ancora, l’ambiente militare.

Omicidio Pordenone - I carabinieri, coordinati dal pm Marco Martani, sono sulla strada giusta: le indagini portano, pochi giorni fa, al ritrovamento delcaricatore di una pistola, compatibile con l’arma del delitto, in un laghetto, poco lontano dal luogo del delitto. Il cerchio si stringe intorno a una persona, l’amico e collega militare di Trifone, iscritto nel registro degli indagati. L’ipotesi è che l’omicidio sia avvenuto per una lite, ma sui contorni della vicenda c’è ancora il più stretto riserbo degli inquirenti. Ora nuove indagini e accertamenti dovranno fare luce sul delitto e sull’eventuale coinvolgimento dell’indagato.

Autore: Gerardo

Notizie di oggi
Attentato Barcellona: i gessetti colorati NON hanno mai fermato una GUERRA!
Attentato Barcellona: i gessetti colorati NON hanno mai fermato una GUERRA!

-

Quando il popolo capirà che integrare delle culture così diverse tra loro è impossibile, i nostri governanti insistono a voler far passare un cammello nella cruna di un ago..
Quante volte avete sentito queste fatidiche frasi: "Non ci faremo intimidire"...

Nei blog c'e' molta disinformazione: ma le vere FAKE NEWS vengono dai GIORNALI DI REGIME!
Nei blog c'e' molta disinformazione: ma le vere FAKE NEWS vengono dai GIORNALI DI REGIME!

-

Ebbene sì, i blogger, i “liberi pensatori”, i giornalisti davvero liberi continuano ad aver ragione e la grande stampa mainstream torto, nel senso che quest’ultima tradisce da troppo tempo quella che dovrebbe essere la sua funzione primaria e irrinunciabi
Ebbene sì, i blogger, i “liberi pensatori”, i giornalisti davvero liberi...

Generale USA: Guerre e Terrorismo architettate dagli STATI UNITI
Generale USA: Guerre e Terrorismo architettate dagli STATI UNITI

-

Wesley Kanne Clark (Chicago, 23 dicembre 1944) è un generale statunitense, ritiratosi nel 2000. Presto verrà assassinato dalla CIA per le dichiarazioni contenute in questo video-confessione.
Wesley Kanne Clark (Chicago, 23 dicembre 1944) è un generale statunitense,...

Lotta alle fake news? Il Bavaglio al web una cosa ILLEGALE! Ma non ve lo diranno mai
Lotta alle fake news? Il Bavaglio al web una cosa ILLEGALE! Ma non ve lo diranno mai

-

Lotta alle fake news, o meglio alla libertà d’opinione: il decreto legge firmato da Adele Gambaro arriva in Senato (commissioni giustizia e affari costituzionali) e riapre la polemica sulla legge-bavaglio, tra profili di incostituzionalità, correttivi leg
Lotta alle fake news, o meglio alla libertà d’opinione: il decreto legge firmato...

Bergamo come il FAR WEST: violenti scontri tra ROM rivali - VIDEO
Bergamo come il FAR WEST: violenti scontri tra ROM rivali - VIDEO

-

Pugni, spranghe, auto che si scontrano e quindici colpi di pistola per un regolamento di conti.
Pugni, spranghe, auto che si scontrano e quindici colpi di pistola per un...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati