Occupazione abusiva abitazioni popolari: un degrado tutto italiano

VERBANIA ore 08:22:00 del 15/01/2015 - Categoria: Denunce, Editoria, Lavoro, Sociale

Occupazione abusiva abitazioni popolari: un degrado tutto italiano

Occupazione abusiva abitazioni popolari: un degrado tutto italiano | L’analisi di Italiano Sveglia

Piccola riflessione nei confronti di coloro che non hanno ricevuto una casa popolare dal comune di appartenenza e si intrufolano in case disabitate, creando, così, il fenomeno dell’abusivismo. A parte il fatto che la casa popolare non spetta di diritto, dovreste sapere che non è un immobile gratuito. Le case popolari vanno (in teoria) a chi ne ha più bisogno. Dovreste raggiungere un minimo di punti per entrare in classifica per la domanda; quel punteggio poi determina l'ordine di assegnazione dell'appartamento. Evidentemente, se non vi hanno concesso la casa popolare, non ne avete tanto bisogno quanto altri. Ci sono famiglie con bambini e nonni a carico che non arrivano a fine mese, hanno perso il lavoro o hanno problemi peggiori. Se siete giovani e in grado di trovare un lavoro, avete chi vi mantiene, vi dà da mangiare e un tetto sopra la testa, probabilmente non rientrare nei casi più gravi.

Occupando un appartamento, lo togliereste a chi ne ha bisogno. Sarebbe bello se dalla mattina alla sera vi trovaste in strada perchè qualcuno è entrato in casa vostra e ne ha preso possesso?  Inoltre se avete anche un bambino, sta di fatto che un neonato non campa di sola aria, e senza soldi, anche con una casa rubata a coprirlo dalla pioggia, non vive. E non ci sembra bello crescere un bambino con l'idea che prendere con la forza ciò che si vuole, anche se c'è chi ne ha davvero bisogno, anche se non si ha fatto nulla per ottenerlo, sia giusto. Quando vostra figlia strapperà di Mani un giocattolo a un altro bambino e vi dirà che lo vuole, che ne ha bisogno... Cosa le direte? 'Certo, tienilo, brava'?

C'è gente che davvero non ha nulla, eppure non accampa pretese dicendo 'ma io lo voglio, io ne ho bisogno'. Persone che hanno lavorato tutta la vita e pagato le tasse e fatto sacrifici che non sanno più come garantire una casa ai propri figli. Rimboccatevi le maniche e datevi a fare, prima o poi la fortuna girerà. E fidatevi. Il lavoro nobilita l’uomo.

Nel caso in cui trovaste delle persone nella vostra abitazione e non sapete cosa fare dovete assolutamente fare qualcosa per interrompere l'usucapione, altrimenti gli abusivi dopo 20 anni acquistano il possesso della casa. Andate dai carabinieri e fate un esposto, magari uno anche al procuratore della repubblica. Inoltre, per farli fuggire subito, provate a chiedere lo sgombero con l'aiuto delle forze dell'ordine.

Autore: Gerardo

Notizie di oggi
Non e' vita lavorare ogni domenica, commessa si licenzia dopo 20 anni
Non e' vita lavorare ogni domenica, commessa si licenzia dopo 20 anni

-

La leader del movimento “Domenica no grazie, Tiziana D’Andrea, racconta delle telefonate che riceve dalle ex colleghe che denunciano condizioni di lavoro inaccettabili
“Lavorare tutte le domeniche mi ha stravolto la vita. Dopo 20 anni di lavoro...

Viceministro Economia: da Gennaio pensioni MINIME A 780 EURO
Viceministro Economia: da Gennaio pensioni MINIME A 780 EURO

-

Laura Castelli (M5S): “Da gennaio le pensioni minime verranno portate a 780 euro”
Il viceministro all’Economia Laura Castelli (M5S) assicura che il reddito di...

Bavaglio al web dall'Ue: vietato diffondere POST dei BLOG
Bavaglio al web dall'Ue: vietato diffondere POST dei BLOG

-

Il 12 settembre il Parlamento Europeo ad ampia maggioranza ha approvato la legge sul copyright.
Il 12 settembre il Parlamento Europeo ad ampia maggioranza ha approvato la legge...

Negozi chiusi di domenica: ECCO PERCHE' E' GIUSTO!
Negozi chiusi di domenica: ECCO PERCHE' E' GIUSTO!

-

Negozi: basta col terrorismo, chiudere la domenica non è una tragedia
Negozi: basta col terrorismo, chiudere la domenica non è una tragedia – di...



-


"Gli svedesi hanno votato liberamente e democraticamente, e siamo fiduciosi...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati