Nuovi interventi a pagamento per la sanità

(Bologna)ore 16:17:00 del 27/09/2016 - Categoria: Denunce, Politica, Salute

Nuovi interventi a pagamento per la sanità

Di fatto, un taglio al Servizio sanitario nazionale e un aggravio per le tasche dei contribuenti, fatto passare sottotraccia con un atto dovuto quale è la definizione dei nuovi Livelli essenziali di assistenza.

Di «Lea» si era parlato il 7 settembre quando sono stati approvati i nuovi livelli essenziali dalla Conferenza stato Regioni. Il messaggio passato riguardava le nuove prestazioni incluse tra quelle garantite a livello nazionale. Tra queste la fecondazione assistita eterologa ed omologa, nuovi vaccini, screening alla nascita, trattamenti per le persone autistiche. Poi le malattie rare e le cure emerse grazie alle nuove tecnologie che in campo sanitario hanno fatto passi da gigante. Con la relazione tecnica e le tabelle, molti giorni dopo, si è fatta luce anche su quello che si pagherà.

La lista degli interventi ad «alto rischio» di ticket è lunga ed è contenuta in un allegato del decreto. C’è la liberazione del tunnel carpale e tarsale, la ricostruzione della palpebra, l’intervento di cataratta «con o senza impianto di lente intraoculare», gli interventi sul cristallino.

È bene precisarlo, la lista non esclude automaticamente queste prestazioni dal day ospital (e quindi le include tra quelle soggette a ticket). Tocca alle regioni decidere, ma il piano del governo segnala ai governatori le «prestazioni ad alto rischio di non appropriatezza in regime di day surgery, trasferibili in regime ambulatoriale». Un offerta difficile da rifiutare, soprattutto per le regioni in rosso.

Ce n’è anche per chi ha i calcoli con la «litotripsia extracorporea del rene, uretere con cateterismo ureterale». Poi la «riparazione monolaterale di ernia inguinale», crurale (femorale) e ombelicale, «diretta o indiretta» con o senza innesto di protesi.

La differenza non è solo di tipo medico o organizzativo. Sui primi non si paga il ticket, sui secondi sì. In un commento tecnico a decreto, il sindacato dice che «è condivisibile» che alcune prestazioni passino «nella sede più appropriata», quindi l’ambulatorio anziché l’ospedale. «Ma non è accettabile un ulteriore aumento del numero di prestazione su cui grava il ticket, tanto più che si tratta di prestazioni di tipo chirurgico».

 

 

Dovremo pagare il ticket sulle amputazioni delle dita, sulle ernie, sui calcoli e sulle cataratte.

In generale il provvedimento comporta un costo per i cittadini che la Cgil Funzione pubblica ha calcolato in 60 milioni di euro di nuovi ticket. La cifra è certa. Il grosso è dovuto alla introduzione di nuove prestazioni ambulatoriali. Poi ci sono 20 milioni di euro che arriveranno, appunto dallo spostamento di alcune prestazioni dal Day surgery, cioè la chirurgia che non richiede un ricovero, al regime ambulatoriale.

Cure declassate da operazioni chirurgiche a interventi ambulatoriali solo per risparmiare qualche migliaio di euro. Di fatto, un taglio al Servizio sanitario nazionale e un aggravio per le tasche dei contribuenti, fatto passare sottotraccia con un atto dovuto quale è la definizione dei nuovi Livelli essenziali di assistenza. L’ultimo piano risaliva al 1999. I nuovi «Lea», sono arrivati con un decreto della Presidenza del consiglio dei ministri, frutto di una trattativa serrata tra l’esecutivo e le regioni. Alcune cure entrano nel paniere di quelle totalmente gratis. Altre ne escono.

Poi la chirurgia ortopedica, con la «riparazione di dito a martello/artiglio», l’artoscopia, alcuni interventi «artroplastica». Finiscono nella lista anche la «amputazione e disarticolazione delle dita della mano», del pollice e di dita del piede. Intervento complesso che comprende anestesia, esami pre intervento, medicazioni, rimozione punti e controlli successivi.

Autore: Luca

Notizie di oggi
Vaccino obbligatorio, la verità
Vaccino obbligatorio, la verità
(Bologna)
-

Segue il Belgio, con soli 2 vaccini obbligatori, mentre tutti gli altri paesi del pianeta hanno un solo vaccino obbligatorio, o anche nessuno.
«Addirittura 12 vaccini, somministrati a bambini di tre mesi di vita? E’ da...


(Bologna)
-


Come proteggersi dalle zanzare, i rimedi più efficaci per diventare "invisibili"...

Vaccino Obbligatorio anche per Varicella
Vaccino Obbligatorio anche per Varicella
(Bologna)
-

I vaccini da fare si contano sulla punta delle dita. Il resto sono marchette e favori alle lobby. Non capiamo come mai i cittadini lasciano che sia messa a repentaglio la salute dei propri figli cosi' che i governanti si riempiano le tasche di quattrini.
I vaccini da fare si contano sulla punta delle dita. Il resto sono marchette e...

Terrorismo: chi ha iniziato la guerra? NOI
Terrorismo: chi ha iniziato la guerra? NOI
(Bologna)
-

Siamo fottuti. L’hanno capito. Siamo fottuti perché un terrorismo così, in inglese si chiama Retail Terrorism (terrorismo alla spicciolata), non lo fermi. Più bombardiamo quei mondi, più loro porteranno la guerra da noi. Il terrorismo nasce dalle nostre b
Siamo fottuti. L’hanno capito. Siamo fottuti perché un terrorismo così, in...


(Bologna)
-


La più grossa porcata di destra fatta da questo governo di "centrosinistra"...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati