Non vivete per lavorare!

(Firenze)ore 19:30:00 del 21/01/2017 - Categoria: , Denunce, Editoria, Lavoro

Non vivete per lavorare!

E’ difficile capire, da caso a caso, se l’infelicità della vita li spinga a passare le giornate a lavorare o a pensare al lavoro, o se sia stato invece proprio lo stress del lavoro ad averli resi infelici

Nella nostra epoca, seppur di grossa crisi economica e con un numero elevato di disoccupati o di finti lavoratori (precari oltre ogni sostenibilità umana), c’è però una fetta di popolazione, spesso triste e sola, che vive per lavorare, invece di lavorare per vivere.

E’ difficile capire, da caso a caso, se l’infelicità della vita li spinga a passare le giornate a lavorare o a pensare al lavoro, o se sia stato invece proprio lo stress del lavoro ad averli resi infelici, fino ad averli chiusi in una prigione oltre la quale però non si ha più il coraggio di andare, perchè trasformata dal proprio inconscio in zona di comfort: fatto sta che sacrificano amore, affetti, famiglia, hobbies, spesso rimangono da soli, per mancanza di tempo da dedicare alle cose veramente inportanti della vita.

Vivo per lavorare o lavoro per vivere?". È questa una domanda che prima o poi tutti si pongono. Il lavoro occupa almeno un terzo del nostro tempo e noi non possiamo lasciare che sia così senza domandarci almeno perché

Quel che è certo è che molte persone sognano di diventare abbastanza ricche così da poter lasciare il proprio impiego, da ciò si deduce che il lavoro è un peso per la maggior parte degli individui. Purtroppo, sono molto pochi i lavoratori che vanno in ufficio con il sorriso. Vi siete mai chiesti se vale la pena? ecco 4 domande che bisognerebbe porsi per capire se si vive per lavorare o si lavora per vivere

1 - cosa fai durante il fine settimana?

Il modo in cui si impiega il tempo libero può rivelare molto dell'impatto che il lavoro ha nella propria vita. Chi lavora per vivere è consapevole del valore del tempo trascorso sul luogo di lavoro. È consapevole di quante ore di lavoro sono necessarie per fare un acquisto. Le persone che invece vivono per lavorare spendono con maggiore difficoltà, da un lato perché hanno meno tempo libero e dall'altro perché hanno talmente tante preoccupazioni da non riuscire a concentrarsi su altro

2 - come ti poni in una discussione professionale?

Il lavoro crea sempre tensioni. Trascorrere molte ore con le stesse persone, colleghi che non sono stati scelti e insieme ai quali bisogna prendere decisioni difficili è motivo di stress. C'è una certa tendenza a considerare una critica professionale come un attacco personale, ma in realtà deve essere letta come un'opportunità per migliorare il proprio metodo di lavoro. Prendere le discussioni professionali come qualcosa di personale non fa raggiungere gli obiettivi. Se si vuole che il lavoro sia davvero un mezzo grazie al quale "vivere meglio", non si deve lasciare alle critiche la possibilità di risucchiare la propria energia e il proprio spirito

3 - cerchi un punto di equilibrio tra la sfera professionale e quella privata?

Un concetto fondamentale è saper conciliare il lavoro con gli altri aspetti della vita. Bisogna, in pratica, trovare il giusto equilibrio tra la sfera professionale e quella privata. L'ambizione deve essere bilanciata con altri fattori, come la salute, la famiglia, lo sviluppo spirituale e l'ozio. Questo non vuol dire che non si può, ad esempio, fare formazione oltre l'orario di lavoro, ma bisogna saper valutare il tempo che si dedica al proprio lavoro e quello che si dedica a se stessi. Mettere sul piatto della bilancia il lavoro e la famiglia aiuta a capire se si lavora per vivere o se si vive per lavorare

4 - lasci che i problemi di lavoro influiscano nei rapporti familiari?

Nessuno può suddividere la vita in compartimenti stagni: i problemi familiari influenzano il lavoro e viceversa. È normale. Ciò che conta è l'importanza che si dà ai diversi problemi. Qual è la priorità? la famiglia o il lavoro? è facile fare in modo che i problemi con i bambini non interferiscano nel lavoro, ma allora perché i problemi di lavoro interferiscono nella vita familiare? parlare in famiglia delle questioni di lavoro è importante, ma le tensioni, i problemi, le ansie, le paure e tutti i fattori di stress devono rimanere fuori dalla porta di casa

Autore: Samuele

Notizie di oggi
Lotta alle fake news? Il Bavaglio al web una cosa ILLEGALE! Ma non ve lo diranno mai
Lotta alle fake news? Il Bavaglio al web una cosa ILLEGALE! Ma non ve lo diranno mai
(Firenze)
-

Lotta alle fake news, o meglio alla libertà d’opinione: il decreto legge firmato da Adele Gambaro arriva in Senato (commissioni giustizia e affari costituzionali) e riapre la polemica sulla legge-bavaglio, tra profili di incostituzionalità, correttivi leg
Lotta alle fake news, o meglio alla libertà d’opinione: il decreto legge firmato...

Le ragioni per cui NON VOTARE e' una scelta sacrosanta, OGGI COME OGGI
Le ragioni per cui NON VOTARE e' una scelta sacrosanta, OGGI COME OGGI
(Firenze)
-

Il voto, come non il voto, sono sempre significativi. In astratto vale l'argomento che chi non vota lascia decidere agli altri, ma non vuol dire che il suo non-voto non abbia significato, perché ogni presa di posizione è significativa per il politico
Il voto, come non il voto, sono sempre significativi. In astratto vale...

Bergamo come il FAR WEST: violenti scontri tra ROM rivali - VIDEO
Bergamo come il FAR WEST: violenti scontri tra ROM rivali - VIDEO
(Firenze)
-

Pugni, spranghe, auto che si scontrano e quindici colpi di pistola per un regolamento di conti.
Pugni, spranghe, auto che si scontrano e quindici colpi di pistola per un...

Settembre 2017, assunzioni Poste Italiane: come fare domanda
Settembre 2017, assunzioni Poste Italiane: come fare domanda
(Firenze)
-

ASSUNZIONI POSTE ITALIANE SETTEMBRE 2017 - Poste Italiane, la storica azienda di servizi logistici italiani tra le più efficienti d'Europa, ha aperto una campagna di reclutamento del personale dal nord al sud del Paese.
ASSUNZIONI POSTE ITALIANE SETTEMBRE 2017 - Poste Italiane, la storica azienda di...

Disastro Italia: mandiamo via i nostri giovani per prendere disperati senza cultura
Disastro Italia: mandiamo via i nostri giovani per prendere disperati senza cultura
(Firenze)
-

Qualcosa ci inventeremo.. tra 30 anni. Oggi è troppo presto! E poi siamo ad agosto, perchè disturbare le vacanze degli Italiani!? Questi sono articoli che vanno bene a novembre! Evviva l'Italia!
Non preoccupiamoci. Fra 30 anni, quando questi ragazzi avranno versato zero...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati