Nicola Cosentino: 16 anni di reclusioni per associazione mafiosa! LA VERGOGNA ITALIANA

(Milano)ore 16:33:00 del 15/10/2016 - Categoria: Cronaca, Denunce, Politica

Nicola Cosentino: 16 anni di reclusioni per associazione mafiosa! LA VERGOGNA ITALIANA

A partire dal 4 dicembre i tipi come questo ce li ritroviamo in Senato nominati dai loro compari e con l'immunità.

A partire dal 4 dicembre i tipi come questo ce li ritroviamo in Senato nominati dai loro compari e con l'immunità. Saranno loro a denunciarci per aver osato mettere in discussione la loro onestà ed integrità morale. Grazie Bomba!!!

Un altro eminente rappresentante di forzaitaliademocratica accusato di mafia .Un altro lungo processo la cui sentenza è difficile dire se mai arriverà .Rimane il fatto che questi eminenti rappresentanti del popolo prendono tanti e tanti voti , con buona pace della plebaglia italiota . Ma non è una questione del sud , al nord gli eminenti di voti ne prendono ancora di più .

Quel poco di legge che è rimasta, non si arrende. Onore e merito a questi magistrati e inquirenti che sono dei fedeli servitori dello stato , sono pochi e sono l'ultimo baluardo di uno stato civile

“Non ci sono in Italia processi più gravi questo. Spero che dopo la sentenza la storia non si ripeta”. Il pd della Dda di Napoli, Alessandro Milita, nell’aula del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere motiva così la richiesta a 16 anni di reclusione per l’ex sottosegretario all’Economia Nicola Cosentino. al termine della requisitoria del processo Eco 4. L’ex coordinatore campano del Pdl, è accusato di “concorso esterno in associazione mafiosa” in questo processo, e dal 1 giugno ha ottenuto gli arresti domiciliari. Cosentino è imputato in altro processi tra cui quello cosiddetto “Carburanti” per estorsione aggravata e concorrenza sleale in relazione agli affari dell’azienda di famiglia attiva proprio nel settore petrolifero. Il 22 giugno è stato condannato a 4 anni per corruzione.

In questo processo secondo la Procura Cosentino sarebbe stato sin dal 1980 il referente politico-istituzionale dei clan Casalesi, dai quali avrebbe ricevuto sostegno elettorale e capacità di intimidazione, e ai quali avrebbe offerto la possibilità di partecipare ai proventi delle assunzioni e degli appalti del ciclo dei rifiuti

I magistrati dell’accusa avevano acceso un riflettore sulle vicende degli sversamenti illeciti, della costruzione dell’inceneritore di Santa Maria la Fossa (che Cosentino avrebbe ‘finto’ di avversare per favorire invece un progetto appetito dai clan), e sul presunto controllo assoluto delle assunzioni e degli incarichi all’interno della Eco4, la società dei rifiuti del casertano. Accuse che il deputato di Casal di Principe ha sempre respinto con queste parole: “Questo lo vedremo davanti al giudice naturale, vedremo come sono andate esattamente le cose. Sembra paradossale che chi per vent’anni è stato all’opposizione debba rispondere di reati così infamanti mentre chi ha prodotto questo sistema utilizza ancora scorciatoie per evitare un giudizio”.

L’ordinanza di custodia cautelare fu firmata dal gip nel novembre del 2009 e Nicola Cosentino è stato rinviato a giudizio nel 2011. Secondo quel giudice, che aveva accolto l’ipotesi dell’Antimafia, Cosentino ha contribuito a rafforzare i Casalesi. E, nella sua carriera politica, ha sempre potuto contare sui voti del clan camorristico: è diventato, così, consigliere provinciale, regionale, e poi deputato. Accuse pesanti, secondo le quali l’esponente del Pdl, che all’epoca sembrava prossimo alla candidatura per la presidenza della Regione Campania, avrebbe ”garantito la continuità dei rapporti fra imprenditoria mafiosa e le amministrazioni pubbliche” nel Casertano.

Autore: Luca

Notizie di oggi
I giornali di partito? Ci sono costati 238 milioni, E SONO FALLITI LO STESSO
I giornali di partito? Ci sono costati 238 milioni, E SONO FALLITI LO STESSO
(Milano)
-

I giornali di partito ci sono costati 238 milioni di euro (e sono falliti lo stesso)
I giornali di partito ci sono costati 238 milioni di euro (e sono falliti lo...

FUORI GLI ITALIANI: a Tenerife scoppia la rivolta
FUORI GLI ITALIANI: a Tenerife scoppia la rivolta
(Milano)
-

Negli ultimi anni è aumentato enormemente il numero degli italiani residenti a Tenerife e alle Canarie: connazionali che non sempre si comportano nel migliore dei modi e vivono onestamente. E l’aumento di episodi di truffe o microcriminalità commessi da i
Negli ultimi anni è aumentato enormemente il numero degli italiani residenti a...

250mila italiani sono scappati da questo Paesi nel 2016
250mila italiani sono scappati da questo Paesi nel 2016
(Milano)
-

In Italia a partire dalla crisi del 2008 e specialmente nell’ultimo triennio, si emigra come negli anni del dopoguerra: nel 2016 sono 250mila gli italiani scappati all’estero. La cifra ha superato i flussi degli immigrati in Italia.
In Italia a partire dalla crisi del 2008 e specialmente nell’ultimo triennio, si...

SMARTPHONE KILLER: incidenti mortali in aumento
SMARTPHONE KILLER: incidenti mortali in aumento
(Milano)
-

La “distrazione da smartphone” è diventata la prima causa di incidente stradale in Italia, superando l’eccesso di velocità, e la guida in stato di ebbrezza. Siamo di fronte a una vera e propria emergenza.
La “distrazione da smartphone” è diventata la prima causa di incidente stradale...

Valle D'Aosta: la silenziosa regione dalla CORRUZIONE, TRUFFE ED ILLEGALITA' D'ORO!
Valle D'Aosta: la silenziosa regione dalla CORRUZIONE, TRUFFE ED ILLEGALITA' D'ORO!
(Milano)
-

Inchieste penali e della Corte dei Conti, bilanci truccati, liquidazioni milionarie e migliaia di euro che spuntano dai cassetti. Benvenuti nei palazzi della politica della Valle d’Aosta.
Inchieste penali e della Corte dei Conti, bilanci truccati, liquidazioni...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati