Napolitano lascia: ritornano gli zombie parassiti

LATINA ore 10:01:00 del 17/01/2015 - Categoria: Politica

Napolitano lascia: ritornano gli zombie parassiti

Napolitano lascia: ritornano gli zombie parassiti | L’analisi di Italiano Sveglia

Il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha abdicato. Sebbene la notizia era nell’aria, le forze politiche sono già all’erta per scegliere un nome che faccia gli interessi delle proprie fazioni ( e non dell’Italia onesta e bisognosa ).

In attesa di verificare se la loro silouette combacia con quella immaginata da Renzi e Berlusconi, i quattro candidati si danno da fare, ognuno a suo modo. Pier Ferdinando Casini, ad esempio, l'unico in quanto ex presidente della Camera ad avere un curriculum istituzionale di rilievo, è pure l'unico a sfidare la scaramanzia e farsi vedere in giro. È stato tra i primi infatti a precipitarsi a Palazzo Giustiniani per dare il benvenuto alla matricola Giorgio Napolitano, con tanto di photo-opportunity e di sorriso senatoriale a favore di telecamera.

Casini spera, incoraggiato dal via libera arrivato da una persona molto vicina a Silvio Berlusconi, e cioè Francesca Pascale. Per lui sta lavorando il segretario dell'Udc Lorenzo Cesa, impegnato in una delicata mediazione tra i tanti cespugli centristi, con l'idea uscire dall'irrilevanza mettendo insieme una «massa critica» di voti. «I dissidi tra destra e sinistra non fanno bene al Paese - spiega Cesa -, ne minano le fondamenta. Servono senso di responsabilità e convergenza verso una personalità significativa». E c'è di più. Martedì sera, alla vigilia delle dimissioni del capo dello Stato, una cinquantina di parlamentari di area cattolica si sono riuniti da Scusare il ritardo , un ristorante dietro il Pantheon. Tra una mozzarella e un carciofo alla giudia, sotto la regia di Beppe Fioroni e con il vicesegretario del Pd Lorenzo Guerini come ospite d'onore, i catto-dem avrebbero masticato e digerito un loro candidato per la presidenza della Repubblica.

Autore: Gerardo

Notizie di oggi
Ndrangheta e massoneria manovrano l'Italia (e danno ordini ai politici)
Ndrangheta e massoneria manovrano l'Italia (e danno ordini ai politici)

-

Secondo il rapporto della Dna siamo di fronte a un complesso di emergenze significative, ancora di più che in passato, di una ‘ndrangheta presente in tutti i settori nevralgici della politica, dell’amministrazione pubblica e dell’economia.
La ‘ndrangheta, la camorra e la sacra corona unita arrivano alle istituzioni,...

Il corrotto del giorno: Roberto Formigoni
Il corrotto del giorno: Roberto Formigoni

-

Lo scorso 22 dicembre, la decima sezione penale ha condannato Roberto Formigoni a 6 anni per corruzione.
Lo scorso 22 dicembre, la decima sezione penale ha condannato Roberto Formigoni...

In ascesa il partito islamico italiano grazie allo IUS SOLI!
In ascesa il partito islamico italiano grazie allo IUS SOLI!

-

L'italia è uno strano paese, ogni anno spedisce all'estero migliaia di giovani laureati per fare i lavapiatti e mantiene clandestinia vivere in albergo.
L'italia è uno strano paese, ogni anno spedisce all'estero migliaia di giovani...

Renzi, Monti, Gentiloni: NON COMANDANO NULLA! Ecco a chi obbediscono
Renzi, Monti, Gentiloni: NON COMANDANO NULLA! Ecco a chi obbediscono

-

Il “Senato Mondiale” parla questa lingua, leggete: «Oggi grande occasione per i Buy The Fucking Dip (Btfd), con i Fangs Stocks a caduta libera, salvati proprio all’ultimo in Europa dai Brfd… Aapl bastonati, mentre il S&P 500 Tech Sector gli è andato dietr
Il “Senato Mondiale” parla questa lingua, leggete: «Oggi grande occasione per i...

I partiti? Ci costano 160mila euro al giorno! (M5S compreso)...
I partiti? Ci costano 160mila euro al giorno! (M5S compreso)...

-

La Camera stanzia 32 milioni l’anno (50 mila euro a deputato), il Senato 21,3 milioni (67 mila euro a senatore). A ogni gruppo è assicurata una somma minima, che cresce in proporzione alla consistenza numerica.
Ogni giorno, sette giorni su sette, i gruppi parlamentari percepiscono 160 mila...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati