Napoli: 1 cittadino su 80 si butta in politica

(Roma)ore 17:02:00 del 25/05/2016 - Categoria: Denunce, Politica

Napoli: 1 cittadino su 80 si butta in politica

Sono già pronti gli avvocati con i ricorsi al Tar. In particolare, Del Giudice precisa: «Solo Napoli ha presentato tutte le liste dei propri candidati in regola, senza alcuna omissione o irregolarità» però parte delle documentazione è stata protocollata d

Gli ostacoli sono aumentati con la lotta alle presidenze dei parlamentini, uno scontro andato avanti fino alla mattina in cui andavano presentate le liste, rendendo poi caotica l’organizzazione dei documenti.

Gianni Lettieri potrebbe perdere la Democrazia Cristiana, il Partito Pensionati, Camminiamo Insieme ma, soprattutto, Fare città che è la civica direttamente riconducibile a lui.

Nel campo del centrosinistra i nervi sono tesi.

Dunque con 1 napoletano candidato ogni 80 persone è possibile che ci siano anche molti”impresentabili”

La candidata sindaco, Valeria Valente, annuncia ricorso al Tar e aggiunge: «L’esclusione di tante liste è un grave problema per la politica che chiama in causa tutti. Nessuno può dire: io non c’entro, è colpa solo degli altri».

Mentre i candidati sono fermi al palo, prosegue lo scontro tra Lettieri, de Magistris, Pd e Renzi.

Per adesso fuori gioco sono finite due compagini minori (Pri-Pli e Lega Ausonia). I problemi grossi in casa Pd sono nelle municipalità: le liste dem sono state ricusate a Ponticelli-Barra-San Giovanni (il quartiere degli euro distribuiti ai seggi durante le primarie) e Fuorigrotta-Bagnoli, cioè l’area oggetto del braccio di ferro tra governo e sindaco, commissariata con lo Sblocca Italia.

Sono già pronti gli avvocati con i ricorsi al Tar. In particolare, Del Giudice precisa: «Solo Napoli ha presentato tutte le liste dei propri candidati in regola, senza alcuna omissione o irregolarità» però parte delle documentazione è stata protocollata dieci minuti oltre il termine. Il sindaco ieri ha ammesso: «Bisogna stare un po’ più attenti perché la democrazia è fatta anche di forma».

Il proliferare di liste civiche e le norme più stringenti, inclusa la documentazione richiesta per la legge Severino, hanno fatto saltare il banco.

Voci di dentro raccontano che siano arrivati i rinforzi da Roma per salvare almeno altre tre municipalità a rischio, con integrazioni alla documentazione. C’è persino chi racconta di un filo diretto tra il Pd nazionale e la prefettura per salvare il salvabile.

1 NAPOLETANO OGNI 80 SI CANDIDA: IL POSTO FISSO E’ SOLO IN POLITICA (VIDEO)

Problemi anche a destra.

Ecco il video:

«L’incredibile caos delle liste è il segno di un più generale problema che riguarda i partiti e la città: anche la politica è una competenza» scrive su Facebook Antonio Bassolino.

Il primo minaccia di mandare in procura un dossier sul fratello del sindaco, Claudio, e le sue attività da organizzatore di spettacoli; de Magistris chiede chiarimenti sulle attività imprenditoriali di Lettieri e tiene alti i toni verso il premier in vista di una futura sfida nazionale, ma tra cinque anni: «Voglio fare il sindaco fino al 2021».

«È una confusione totale», commenta Lettieri, anche lui ricorrerà al Tar.

Le liste di appoggio al sindaco uscente, Luigi de Magistris, ricusate per irregolarità sono quattro: le due di ispirazione meridionalista Mo! e Partito del Sud; Per Napoli formata dai sostenitori di Umberto Ranieri, che hanno abbandonato il Pd in polemica con la gestione delle primarie; Solo Napoli che ha come capolista il vicesindaco Raffale Del Giudice. Falcidiate le municipalità: fuori da tutti i parlamentini la civica Ce simme sfastriate; De Magistris sindaco perde quattro zone (III, IV, VI e VIII) cioè una buona fetta del centro storico e Chiaiano; Dema la VI, VII e VIII municipalità cioè l’area est e nord; la lista dei moderati La Città la II municipalità e Fuorigrotta-Bagnoli; Bene Comune perde la II; Napoli in comune la IV.

Ma dal capogruppo dem in regione, Tommaso Casillo, arriva una stroncatura: «Non capisco cos’altro aspetti, il gruppo dirigente, per trarre le conclusioni di un fallimento totale del partito a Napoli e in provincia».

Autore: Carmine

Notizie di oggi
Siamo drogati di...COMODITA': lavoriamo per nulla
Siamo drogati di...COMODITA': lavoriamo per nulla
(Roma)
-

Solo cinquant'anni fa, in Italia la maggior parte delle famiglie non aveva ancora un frigorifero o una televisione, l'automobile era un lusso che spettava solo al capo famiglia e lavastoviglie ed asciugabiancheria erano oggetti che in pochi potevano perme
Solo cinquant'anni fa, in Italia la maggior parte delle famiglie non aveva...

Per loro la priorita' e' lo Ius Soli: PER UN GOVERNO SERIO SAREBBE IL LAVORO!
Per loro la priorita' e' lo Ius Soli: PER UN GOVERNO SERIO SAREBBE IL LAVORO!
(Roma)
-

Disoccupazione più alta d'Europa, quella giovanile disastrosa, crescita più bassa, invasi senza che l'Europa ci dia un soldo o una mano, 5 milioni di poveri (in costante crescita), il sud che brucia con gli elicotteri a terra, banche che falliscono e non
Disoccupazione più alta d'Europa, quella giovanile disastrosa, crescita più...

Test Nucleare della Russia piu' devastante della storia: VIDEO
Test Nucleare della Russia piu' devastante della storia: VIDEO
(Roma)
-

LA BOMBA ZAR (TSAR BOMBA O RDS-220) È STATA LA PIÙ POTENTE BOMBA ALL’IDROGENO SPERIMENTATA DALL’UOMO.
LA BOMBA ZAR (TSAR BOMBA O RDS-220) È STATA LA PIÙ POTENTE BOMBA...

Indovinate chi arrivera' a darci il colpo di grazia? QUESTO SIGNORE QUI!
Indovinate chi arrivera' a darci il colpo di grazia? QUESTO SIGNORE QUI!
(Roma)
-

Si sono svolte le elezioni in un centinaio di comuni italiani: l’esito delle urne ha spinto i commentatori a parlare di un “risveglio” del centrodestra, ma l’unico dato significativo è l’esplosione dell’astensionismo che, in costante crescita da anni, ha
Si sono svolte le elezioni in un centinaio di comuni italiani: l’esito delle...

MIRACOLO RENZI: 5 milioni di poveri, piu' 144000 in 1 anno - APPLAUSI!
MIRACOLO RENZI: 5 milioni di poveri, piu' 144000 in 1 anno - APPLAUSI!
(Roma)
-

L'incidenza della povertà e' salita al 26,8% rispetto al 18,3% del 2015. Stiamo davanti ad una vera e propria emergenza sociale dove spesso viene dimenticato che dietro i numeri si trovano persone in carne e ossa.
L'incidenza della povertà e' salita al 26,8% rispetto al 18,3% del 2015. Stiamo...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati