Miner Meltdown, guida

(Bari)ore 13:30:00 del 12/08/2017 - Categoria: , Videogames

Miner Meltdown, guida

Sistemiamo la faccenda sottoterra Durante la creazione della nostra stanza potremo scegliere tra 3 diverse modalità di gioco:  Diamond Rush, in cui dovremo raccogliere e depositare più diamanti rispetto agli avversari; Deathmatch, classica modalità in cu

Per riuscire a farsi notare nel vastissimo mercato indie, una buona tattica può essere quella di prendere un aspetto che può sembrare noioso nella vita reale, apportare le dovute modifiche sopra e realizzarci un videogioco sopra. In Miner Meltdown avviene esattamente questo: scontri tra squadre di minatori a suon di picconate, armi da fuoco e granate.
Andiamo a lavorar...
Il titolo realizzato dai Mighty Pebble Games Inc è un titolo multiplayer a squadre, dove appunto interpreteremo dei folli minatori alla ricerca di oro e con la voglia di essere il miglior gruppo che si sia mai avventurato sotto terra. Tutto è permesso: i livelli sono generati casualmente ad ogni partita e sono quasi interamente distruggibili, permettendoci di creare le strade migliori per arrivare ai nostri obiettivi più facilmente; proprio per questo avremo a disposizione, oltre al nostro fidato piccone ed una spada, anche di una corda per poterci tirare fuori da eventuali pasticci. L'oro non ci servirà per guadagnare punti, ma potremo spenderlo per ottenere diverse armi vantaggiose, come lanciafiamme, fucili a pompa e granate ma, naturalmente, più un’arma sarà potente e più sarà costoso averne abbastanza munizioni; sarà dunque di fondamentale importanza gestire attentamente le proprie risorse e non sprecare il proprio arsenale. Non sarà una passeggiata riuscire a vincere perchè oltre ai nostri avversari vi sono anche diverse trappole sparse in giro ed alcuni nemici, come i minatori mutanti. E' doveroso sottolineare come non vi è alcuna traccia di trama né una possibile campagna in single player: Miner Meltdown è solamente un titolo in pvp immediato, semplice ma che per chi cerca un gioco particolarmente profondo ha ben poco da offrire


Sistemiamo la faccenda sottoterra
Durante la creazione della nostra stanza potremo scegliere tra 3 diverse modalità di gioco:  Diamond Rush, in cui dovremo raccogliere e depositare più diamanti rispetto agli avversari; Deathmatch, classica modalità in cui vince il team che uccide più avversari; infine Crazy King, una variante del classico “King of the Hill” dove per guadagnare punti bisognerà stare più a lungo possibile in una zona illuminata che si andrà spostando per tutto il resto dell’incontro. Al momento vi sono purtroppo pochi giocatori e riuscire ad organizzare partite contro altri umani è difficile, ma gli sviluppatori ci vengono incontro grazie all'aggiunta di poter riempire gli spazi mancanti (anche tutti) con bot di tre diverse difficoltà (facile, normale e difficile, anche se noi vi consigliamo di usare solamente quest'ultima per avere un livello di sfida accettabile, visto che le precedenti due non sono assolutamente all'altezza); per riuscire a potersi divertire abbastanza bisognerà trovare quindi un gruppo di amici disposto a giocare con voi. Fortunatamente il prezzo è comunque abbastanza economico ed il gioco invoglia una continua rigiocabilità per potere avanzare di livello e sbloccare nuovi accessori per il proprio arsenale di guerra ed ulteriori skin per il proprio minatore, ma nonostante il divertimento provato durante le battaglie è però innegabile la poca presenza di contenuti giocabili, cosa che 
potrebbe causare abbastanza presto noia e ripetitività per gli amanti del single player; la colonna sonora, di poca attrattiva e che stanca presto, unita alle poche modalità complessive di gioco, non aiutano certamente la situazione del titolo, che allo stato attuale è consigliabile prendere in piccole dosi e con la giusta compagnia per trarre il massimo da questo videogioco.
MINIMI:
Sistema operativo: Windows XP
Processore: 1.5 Ghz
Memoria: 2 GB di RAM
Scheda video: 64MB Integrated
Rete: Connessione Internet a banda larga
Memoria: 256 MB di spazio disponibile
CONSIGLIATI:
Sistema operativo: Windows 7
Processore: Intel Core i5 2.1GHz
Memoria: 4 GB di RAM
Scheda video: 512MB Dedicated
Rete: Connessione Internet a banda larga
Memoria: 512 MB di spazio disponibile

Spaziogames

Autore: Carmine

Notizie di oggi
La prova di Unravel 2
La prova di Unravel 2
(Bari)
-

Se in Unravel il filo di cui era composto Yarny era l’unico strumento con cui poter superare ostacoli ed enigmi, in questo secondo capitolo l’interessante aggiunta del multiplayer co-op in locale rende le fasi puzzle decisamente più frizzanti e soddisface
A due anni di distanza dall’uscita di Unravel, Coldwood Interactive torna a...

Overkill's The Walking Dead, cosa sapere
Overkill's The Walking Dead, cosa sapere
(Bari)
-

La lacuna nella fase stealth è il game changer: se i ragazzi di Starbreeze riuscissero a risolvere questo aspetto il gioco farebbe un enorme salto in avanti e allora sarebbe un assoluto must have per gli appassionati del genere o della saga.
Otto stagioni e un successo mondiale da capogiro per The Walking Dead, la serie...

Anteprima Jurassic World Evolution
Anteprima Jurassic World Evolution
(Bari)
-

Jurassic World Evolution, è un prodotto ricco non solo per i fan ma un grande gestionale del quale conosciamo solo la punta dell’iceberg, gli sviluppatori sono tutt’ora al lavoro per proporre nuovi contenuti in stretto collegamento a questa ip.
È vero, i videogiochi sono belli e ci fanno vivere storie incredibili... Ma...

Dead or Alive 6, cosa sapere
Dead or Alive 6, cosa sapere
(Bari)
-

Tutto inizia con l'introduzione del Break Gauge meter, una barra che si riempie colpo dopo colpo e che una volta al massimo può essere usata per sferrare il Fatal Rush, una combo devastante formata da più "Break Blows", o contrattaccare quasi qualunque at
In un mondo di picchiaduro dove il genere, i giochi, i set di mosse e in...

PES 2019, cosa sapere
PES 2019, cosa sapere
(Bari)
-

Potete immaginare la delusione quindi quando il provato ci ha mostrato invece un titolo che probabilmente si ritrova addirittura qualche passo indietro rispetto all'anno scorso.
Sembrano ormai secoli da quando nei primi anni 2000 non esisteva titolo...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati