MILANO, MISTERI ALL'ANAGRAFE: SU 28MILA CINESI SOLO 22 MORTI, COME MAI?

(Milano)ore 20:20:00 del 02/10/2016 - Categoria: Cronaca, Denunce

MILANO, MISTERI ALL'ANAGRAFE: SU 28MILA CINESI SOLO 22 MORTI, COME MAI?

I cinesi che abitano in Italia non muoiono mai: una cara vecchia leggenda oppure una realtà che nasconde inquietanti retroscena? I (bassissimi) numeri relativi a Milano dei decessi di cittadini cinesi colpiscono.

MISTERO ALL’ANAGRAFE! MILANO, SU 28MILA CINESI, ECCO QUANTI NE SONO MORTI FINO AD ORA. COME E’ POSSIBILE?

I cinesi che abitano in Italia non muoiono mai: una cara vecchia leggenda oppure una realtà che nasconde inquietanti retroscena? I (bassissimi) numeri relativi a Milano dei decessi di cittadini cinesi colpiscono.

Anche se molte risposte ai dubbi si trovano nella statistiche.

Ecco i dati dell’Anagrafe milanese. Nel 2016 finora sono morti solo 14 cinesi, i nati quest’anno sono stati 363. Nel 2015 i decessi sono stati 22, contro 471 nascite mentre nel 2014, 24 le morti e 549 i lieti eventi. I cittadini di seconda generazione, nati da noi da genitori immigrati, naturalmente alla morte vengono registrati come italiani. Dopo aver ottenuto la cittadinanza. Se poi si considera la sola Chinatown, la zona intorno a via Paolo Sarpi dove gli abitanti e le attività commerciali orientali convivono con quelli italiani, i numeri dei decessi sono minimi. Nessun morto nel 2016 e 21 nati, un morto nel 2015 e 21 nati, due morti nel 2014 e due nel 2013, contro 32 e 25 nuovi nati. Il saldo tra decessi e nascite è sempre ampiamente positivo, al contrario di quello generale degli altri residenti (italiani più stranieri) che ogni anno è negativo.

In totale a Milano ci sono 28.062 residenti cinesi, molti dei quali concentrati appunto a Chinatown. L’esperienza comune in città è che nessuno ha mai visto il funerale di uno di loro. La principale spiegazione però è nel fatto che i cinesi milanesi sono mediamente molto giovani. Gli anziani sono la minima parte. Sono 4.801 quelli tra 0 e 10 anni, 2.997 hanno tra 11 e 20 anni, 5.518 tra 21 e 30 anni, 5.557 hanno tra 31 e 40 anni, 5.254 tra 41 e 50 anni. Gli immigrati orientali in età lavorativa che continuano ad arrivare sono la maggioranza. Ancora: 2.927 hanno tra 51 e 60 anni, 783 tra 61 e 70 anni, solo 47 tra 81 e 90 anni, solamente 4 gli ultra 90enni e nessuno ha superato i 100 anni. L’età media dei milanesi di origine italiana è ben più alta, intorno ai 45 anni. Anche in Italia comunque i cittadini cinesi over 60 sono circa l’1 per cento del totale.

C’è posi una spiegazione culturale. È tradizione per un cinese avere il desiderio di morire nella propria casa d’origine. Moltissimi quindi scelgono di trascorrere l’ultima fase della propria vita in patria, dove tra l’altro ricevono le cure che considerano migliori e in modo più economico. Se la morte arriva all’improvviso con un incidente o una malattia che non lascia il tempo del viaggio, il rimpatrio avviene in ogni caso. Sono la salma o le ceneri a tornare in Cina, come richiesto nel testamento dalla maggior parte di questi immigrati. Lì possono essere celebrati i riti funebri del culto che il defunto praticava. Nell’eventualità che il funerale venga celebrato in Italia, questo non avviene in modo evidente. Il rito infatti non prevede cerimonie particolari, solo la visita al defunto da parte dei parenti. E nei cimiteri milanesi, a dispetto dei luoghi comuni, ci sono decine di tombe che riportano il cognome Hu o simili. Ci sono infine i cinesi «che non esistono» e che quindi non vengono registrati neppure da morti. Sono i clandestini, che nel caso della comunità cinese secondo alcune stime sono intorno al 30 per cento.

Autore: Gregorio

Notizie di oggi
La Politica? E' Celebrare Falcone e Borsellino e poi TRATTARE CON LA MAFIA! VIDEO
La Politica? E' Celebrare Falcone e Borsellino e poi TRATTARE CON LA MAFIA! VIDEO
(Milano)
-

UN DISCORSO EPICO DI MARCO TRAVAGLIO DA CONDIVIDERE ASSOLUTAMENTE! PAROLE CHE RIMARRANNO NELLA STORIA PRONUNCIATE NEL CORSO DI UN DUELLO CON GAD LERNER SU POLITICA E ANTIPOLITICA, DURANTE LA TRASMISSIONE “QUELLO CHE NON HO” SU LA7.
UN DISCORSO EPICO DI MARCO TRAVAGLIO DA CONDIVIDERE ASSOLUTAMENTE! PAROLE CHE...

Bambini morti in mare: LA STRAGE SILENZIOSA VERGOGNOSA
Bambini morti in mare: LA STRAGE SILENZIOSA VERGOGNOSA
(Milano)
-

Continuano le morti di bambini migranti, dimenticate: oltre 200 dall’inizio dell’anno lungo la pericolosa rotta del Mediterraneo centrale dal Nord Africa all’Italia. In media, più di un bambino al giorno. Una vergogna che pesa sulla coscienza europea.
Continuano le morti di bambini migranti, dimenticate: oltre 200 dall’inizio...

Sei costretto a TURNI MALEDETTI? Ti riconoscerai in questo articolo!
Sei costretto a TURNI MALEDETTI? Ti riconoscerai in questo articolo!
(Milano)
-

Ci sono molti lavori (anzi, moltissimi) che prevedono orari davvero difficili da gestire, con turni estenuanti e weekend che weekend non sono: c’è chi fa il turno di notte e ha l’orologio biologico puntato su Singapore anche se vive in provincia di Como,
Ci sono molti lavori (anzi, moltissimi) che prevedono orari davvero difficili da...

Giovani lavoratori all'estero? Lo Stato Ladro ti TASSA 2 VOLTE!
Giovani lavoratori all'estero? Lo Stato Ladro ti TASSA 2 VOLTE!
(Milano)
-

“Sono decine di migliaia i giovani italiani recatisi a lavorare all’estero e che ignari della normativa nazionale e convenzionale che disciplina la tassazione del reddito conseguito all’estero, rischiano di essere sottoposti a doppia imposizione fiscale s
“Sono decine di migliaia i giovani italiani recatisi a lavorare all’estero e che...

Attacco Hacker Mondiale: PROVE GENERALI DI UN GOLPE?
Attacco Hacker Mondiale: PROVE GENERALI DI UN GOLPE?
(Milano)
-

Siamo al primo attacco informatico globale: decine di migliaia di siti e server infettati (9.000 all’ora, di ben 99 paesi diversi) sia di comuni cittadini che di banche, ospedali, imprese di trasporto o istituzioni da parte di un virus denominato WannaCry
Siamo al primo attacco informatico globale: decine di migliaia di siti e server...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati