Medicine, addio alla vecchia ricetta! Cosa cambia

BARI ore 13:28:00 del 02/03/2016 - Categoria: Medicina, Salute - Medicina

Medicine, addio alla vecchia ricetta! Cosa cambia

La vecchia ricetta va in pensione e cede il passo a tablet e computer. L’applicazione a regime della normativa sulla circolarità nazionale della ricetta dematerializzata è prevista per il 1 marzo

La vecchia ricetta va in pensione e cede il passo a tablet e computer. L’applicazione a regime della normativa sulla circolarità nazionale della ricetta dematerializzata è prevista per il 1 marzo, quando le farmacie dovrebbero essere nelle condizione di calcolare ticket e regime di esenzione vigente nella Regione di provenienza del cittadino. La legge che manda in soffitta i blocchetti rossi del nostro dottore è in realtà del dicembre 2015 e recepisce un decreto di più di tre anni fa.

Dopo una serie di blocchi informatici ora ci siamo: per prescrivere un farmaco, un accertamento o una visita, il medico si collegherà a un sistema informatico, lo stesso visibile al farmacista che ci consegnerà pillole o sciroppi. Ma ricetta elettronica, sottolinea la federazione dei medici di famiglia Fimmg, non è ancora sinonimo di abolizione della carta. Per ora, infatti, riceveremo dal dottore un piccolo promemoria da consegnare al bancone della farmacia, che permetterà di recuperare la nostra prescrizione anche in caso di malfunzionamenti del sistema o assenza di linea internet. Ma quando il sistema andrà a regime anche questo foglietto sparirà, rendendo la procedura interamente paperless.

Ma come funziona, nel concreto, il nuovo sistema? I dottori, per effettuare una prescrizione, si connettono dal proprio pc a un apposito portale: compilando la ricetta sullo schermo, identica a quella cartacea, un Nre (numero ricetta elettronica) sarà associato al nostro codice fiscale, aggiungendo in automatico anche eventuali esenzioni. Il sistema stampa quindi il promemoria, con il quale possiamo andare in farmacia: con i dati presenti, attraverso i codici a barre stampati sul piccolo foglio A5, il farmacista recupera la prescrizione direttamente on-line e ci consegna la medicina di cui abbiamo bisogno.  In questa prima fase di avvio, fino a fine 2017, sono ancora esclusi dal nuovo metodo alcuni farmaci come gli stupefacenti, l’ossigeno, le prescrizioni per erogazione diretta in continuità assistenziale, i farmaci con piano terapeutico Aifa. La ricetta elettronica, in compenso, vale in tutte le farmacie del territorio nazionale, sia pubbliche che convenzionate. Questo significa che i farmaci potranno essere ritirati anche fuori dalla regione di residenza. 

Autore: Gregorio

Notizie di oggi
Il lavoro e' un male sociale: godetevi la vita
Il lavoro e' un male sociale: godetevi la vita

-

Contrariamente ad una idea diffusa ad arte dai centri di condizionamento dello spettacolo moderno, il lavoro non è una catastrofe naturale.
Contrariamente ad una idea diffusa ad arte dai centri di condizionamento dello...

Giovani italiani sedentari come 60enni
Giovani italiani sedentari come 60enni

-

Tra studio, divano, televisione, smartphone, tablet e videogiochi, i bambini e gli adolescenti sono più sedentari di quanto finora immaginato.
Tra studio, divano, televisione, smartphone, tablet e videogiochi, i bambini e...

Eco Cooler: ecco il condizionatore a costo zero e senza energia!
Eco Cooler: ecco il condizionatore a costo zero e senza energia!

-

ECO COOLER …IL CONDIZIONATORE FAI DA TE CHE RINFRESCA A COSTO ZERO E SENZA DISPENDIO DI ENERGIA ELETTRICA. PROVARE PER CREDERE. SCOPRILO IN QUESTO VIDEO
ECO COOLER …IL CONDIZIONATORE FAI DA TE CHE RINFRESCA A COSTO ZERO E SENZA...

Dieta, 1 chilo al giorno con la dieta di Beyonce
Dieta, 1 chilo al giorno con la dieta di Beyonce

-

Dieta: con il rimedio di Beyonce è possibile perdere un chilo al giorno  – Il limone è noto per accelerare il processo dello smaltimento dei grassi.
Dieta: con il rimedio di Beyonce è possibile perdere un chilo al giorno  – Il...

Come mai i nostri morti ci parlano nei sogni?
Come mai i nostri morti ci parlano nei sogni?

-

SUCCEDE SPESSO CHE LE PERSONE CHE ABBIAMO AMATO E CHE NON CI SONO PIÙ, TROVINO NEI SOGNI UN’OCCASIONE PER COMUNICARE CON NOI, FINALMENTE LIBERE DALLE CENSURE DELLA NOSTRA MENTE RAZIONALE.
Della dott.ssa Carla Sale Musio SUCCEDE SPESSO CHE LE PERSONE CHE ABBIAMO AMATO...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati