Masterchef: chi ha vinto?

(Milano)ore 19:37:00 del 13/03/2017 - Categoria: , Cucina, Curiosità

Masterchef: chi ha vinto?

Nella prima finale a tre della storia del programma di Sky Uno l'ultima con la partecipazione di Carlo Cracco tra i giudici, il più giovane concorrente in gara ha dimostrato che davvero "l'età è solo un numero", come ha sempre sostenuto il romagnolo nel c

La Romagna vince a MasterChef con Valerio Braschi, 18 anni, nato a Cesena e residente a Santarcangelo. La vittoria di un diciottenne ricco di talento e simpatia, sulla timida e bravissima sammarinese Cristina Nicolini, 26 anni, che a una sicura carriera da avvocato e notaio preferisce i foornelli e la cuciina, e alla barista ligure, di 24 anni Gloria Enrico.
La sesta edizione di MasterChef Italia è stata conquistata ieri sera dall'innovazione e dalla contaminazione di Valerio Braschi. Nella prima finale a tre della storia del programma di Sky Uno l'ultima con la partecipazione di Carlo Cracco tra i giudici, il più giovane concorrente in gara ha dimostrato che davvero "l'età è solo un numero", come ha sempre sostenuto il romagnolo nel corso della stagione: determinato fin dal principio a fare della cucina la sua carriera, Valerio si aggiudica il titolo, 100mila euro in gettoni d'oro e la pubblicazione di un libro di ricette edito Baldini e Castoldi.

Dopo essersi distinto nel corso della stagione per le diverse vittorie nelle Mystery Box, Valerio ha vinto la gara iniziale anche di quest'ultima puntata: il tema della Mystery Box era "piatti del ricordo", un incontro tra il passato - rappresentato da messaggi video di amici e parenti sui loro piatti preferiti - e il presente del percorso di MasterChef. In questa prima manche Valerio ha vinto presentando ai giudici un 'risotto ai gamberi 2.0', con capesante affumicate e sfere di caffè.

Fatto sta che Carlo Cracco ha deciso di lasciare MasterChef.

La prossima puntata, quella di giovedì, per lui sarà l'ultima. A contendersi il "trono" di miglior cuoco non professionale italiano saranno Gloria Enrico (barista), Cristina Nicolini (avvocato) e Valerio Braschi (studente). Ma torniamo a Cracco. Ad annunciare l'addio è lui stesso, in un'intervista a Repubblica: "Giovedì premierò il vincitore e poi mi fermo".

Ma cosa è successo? Qualche problema o incomprensione con i colleghi o con la produzione? Niente di tutto questo. Lo chef veneto dice che deve "pensare a costruire il futuro. Mio, di tutto il mio staff. E anche della cucina italiana". Progetti sicuramente molto ambiziosi (e più che legittimi). Quando gli chiedono cosa voglia dire "costruire il futuro" risponde che ha due nuovi progetti. "Un impegno che mi assorbirà totalmente nei prossimi mesi e a cui mi dedicherò con tutto me stesso. Non c'è spazio per altro, nemmeno per MasterChef che tanto mi ha dato, una esperienza fantastica". E nega di aver litigato con qualcuno: "No, no. È stato molto bello ma veramente adesso voglio concentrarmi sul mio vero lavoro".

Autore: Carmine

Notizie di oggi
Finto ramen veg, preparazione
Finto ramen veg, preparazione
(Milano)
-

Usano poi concludere il pasto con dolcissimi dorayaki. Ci siamo ispirati alla creatività nipponica per realizzare un finto ramen veg, una zuppa calda e profumata ricchissima di verdure spadellate che accompagnano un brodo a base di fagioli.
Il ramen è uno dei piatti iconici della cucina giapponese. Sebbene quest’ultimo...

Dimenticare le cose? E' sinonimo di intelligenza!
Dimenticare le cose? E' sinonimo di intelligenza!
(Milano)
-

Dimenticare le cose è spesso visto come un problema, ma è stato scoperto che succede principalmente a chi ha un'intelligenza superiore. Ecco i dettagli dello studio
Vi capita spesso di dimenticare le cose? Non preoccupatevi, è sintomo...

Cotoletta alla bolognese, preparazione
Cotoletta alla bolognese, preparazione
(Milano)
-

E' preferibile consumare la cotoletta alla bolognese appena cotta, altrimenti potete conservarla in frigorifero in un contenitore a chiusura ermetica per 1 giorno.
C'è un piatto che mette d'accordo tutte le tavole italiane da nord a sud: è la...

Voltaire? Un taccagno intollerante favorevole alla schiavitu'!
Voltaire? Un taccagno intollerante favorevole alla schiavitu'!
(Milano)
-

Da qualche decennio la storiografia più seria ha cominciato a mostrarci il volto nascosto dell'«apostolo della tolleranza», pur con pochi riscontri nella vulgata più comune e, in particolare, in quella scolastica.
Chi era davvero Voltaire? Il difensore intransigente della tolleranza, nemico di...

Polpette di zucchine e patate, preparazione
Polpette di zucchine e patate, preparazione
(Milano)
-

Le polpette rappresentano infatti uno dei cibi prediletti dai più piccoli e anche dai più grandi perché sono una pietanza dai mille gusti e sapori.
Cosa vorreste vedere cadere dal cielo se iniziasse a piovere cibo? Flint,...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati