Master Chef migranti: il nuovo Cracco? Dal centro d'accoglienza!

(Torino)ore 12:30:00 del 28/05/2018 - Categoria: , Denunce, Sociale

Master Chef migranti: il nuovo Cracco? Dal centro d'accoglienza!

Ci mancava il Master Chef dei migranti, versione socio-gastronomica del noto format tv: e noi, con un colpo al demagogia spicciola e un altro alle mode multietniche in cucina, non ce lo siamo proprio fatti sfuggire.

Ci mancava il Master Chef dei migranti, versione socio-gastronomica del noto format tv: e noi, con un colpo al demagogia spicciola e un altro alle mode multietniche in cucina, non ce lo siamo proprio fatti sfuggire. A Sesto Fiorentino sarà di scena, a partire da domani, Master Cas, appunto il Master Chef dei migranti: una versione riveduta e politicamente corretta del culto dell’accoglienza coatta e della contaminazione culinaria. E così, per la gioia dei cultori dell’ospitalità tout court, la nuova sfida ia fornelli, rigorosamente all’ultima forchettata fra tagliatelle ai funghi  (una ricetta tipica toscana) e cous cous in salsa vegetariana (dalla tradizione africana), vedrà gareggiare piatti della nostra tradizione culinaria e ricette d’importazione tipiche del continente africano. A metterci il sale e a speziare la competizione fra culture gastronomiche, una giuria composta da assoluti nip, forti di un palato avvezzo alle esperienze agrodolci di una realtà, come quella del Belpaese, intestata al melting pot.

Master Cas, il Master Chef dei migranti: la gara culinaria dell’accoglienza…

E allora, con un occhio alla tradizione e un altro alla contaminazione, quella in scena domani, (sabato 26 maggio ndr), dalle ore 18 alle 21, in piazza Ginori a Sesto Fiorentino, sarà una “singolare gara” che, se da un lato strizza scherzosamente l’occhio – e fin dal titolo – al celebre format di Sky, rielaborato in Master Cas, dall’altro ammicca strategicamente a una realtà multietnica dai risvolti non sempre così appetibili.  E allora, proprio come nel noto programma tv cult di sfida culinaria, la competizione sarà piatto contro piatto, salsa contro salsa, fra la tradizione della cucina locale e quella importata da migranti provenienti dal continente africano di stanza in Toscana. Cas, infatti, sta per centro d’accoglienza straordinaria, cioè centri che si occupano dell’accoglienza e dei progetti di integrazione dei cittadini che emigrano da noi. A giudicare il loro operato ai fornelli, però, non ci saranno i nuovi guru dei programmi di cucina, ma più demagogicamente, i palati di persone normali che con un’offerta libera per un giorno (almeno) potranno assaggiare il sincretico frutto dell’accoglienza. Toccherà infatti a una giuria popolare decidere la palma del migliore piatto e quindi del cuoco (o della cuoca) da premiare. Insomma una giuria popolare che assaggia e vota quello che gli è piaciuto di più. Ai vincitori andranno in premio buoni spesa offerti dai negozianti del centro commerciale naturale di Sesto Fiorentino.

Dai tortelli al ragù allo zighinì: la gara nel dettaglio

La gara, nel dettaglio, funziona così: le persone che vogliono partecipare, in cambio di una un’offerta libera, saranno dotati di posate e due cartoncini, uno rosso e uno blu, con cui votare la squadra prescelta. Infatti a Master Cas (proprio come a Master Chef) le squadre, miste, saranno due, rossa e blu. I due gruppi sono composti dai migranti accolti nel centro di accoglienza Il Gerlino, che hanno appena concluso un corso di formazione sulla ristorazione, e la sfida, ovviamente, sarà fra un menù di cucina tipica toscana e uno africano. Da una parte, allora, tortelli al ragù e fettuccine ai funghi, dall’altra cous cous e zighinì eritreo: tutto per guardare ancora più da vicino gli ospiti che accogliamo in massa nelle nostre città.

Da: QUI

Autore: Samuele

Notizie di oggi
Propagare virus per alimentare il business dei vaccini: L'INCHIESTA SHOCK
Propagare virus per alimentare il business dei vaccini: L'INCHIESTA SHOCK
(Torino)
-

L’Italia sembra uno snodo fondamentale del traffico di virus. L’indagine è stata aperta dalle autorità americane e portata avanti dai carabinieri del Nas.
L’Italia sembra uno snodo fondamentale del traffico di virus. L’indagine è stata...

Euro? UNA fake news monetaria, un ESPERIMENTO FALLITO sulla NOSTRA PELLE. SALVIAMOCI
Euro? UNA fake news monetaria, un ESPERIMENTO FALLITO sulla NOSTRA PELLE. SALVIAMOCI
(Torino)
-

Settimanali e quotidiani hanno iniziato una campagna terroristica per descrivere come e qualmente questo paese sprofonderebbe nel più nero degli abissi se dovesse uscire dall’euro, unico scudo della nostra malandata economia.
Settimanali e quotidiani hanno iniziato una campagna terroristica per descrivere...

Deforestazione? CARTA DI CANAPA miglior alternativa per combatterla
Deforestazione? CARTA DI CANAPA miglior alternativa per combatterla
(Torino)
-

L’uso della fibra di canapa per produrre carta risale a più di 2mila anni fa, eppure l’umanità continua ad abbattere alberi e ad inquinare l’ambiente.
L’uso della fibra di canapa per produrre carta risale a più di 2mila anni fa,...

La faccia TOSTA di PRODI, artista della SVENDITA ITALIANA
La faccia TOSTA di PRODI, artista della SVENDITA ITALIANA
(Torino)
-

Questo è l’uomo che ha oggi la faccia tosta di lanciare un appello (sulle pagine del “Corriere della Sera” di venerdì 5 ottobre) per salvare l’Italia che, parole sue, «rischia di diventare una democrazia illiberale».
Romano Prodi è uno dei massimi artefici della mutazione genetica della sinistra...

Guerra al vino italiano: ok ai falsi made in Italy
Guerra al vino italiano: ok ai falsi made in Italy
(Torino)
-

L'Europa attacca ancora una volta l'Italia. E questa volta, a farne le spese, è il vino.
Dopo lo spumante, la Commissione europea ha dato il via libera alla...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati