Manchester City-Liverpool: la bellezza di un campionato FANTASTICO

(Bari)ore 07:45:00 del 10/01/2019 - Categoria: , Calcio

Manchester City-Liverpool: la bellezza di un campionato FANTASTICO

Una partita fantastica, in cui c’è stato tutto: polemiche arbitrali, gol bellissimi, qualità e anche la controrivoluzione tattica nel nome dell’intensità.

Ci sono i big match che tradiscono le attese, e quelli che le rispettano appieno. Due estremi, in mezzo lo spettro intermedio del calcio. Ecco, Manchester City-Liverpool è stata una partita non grigia, estrema, crudele, quasi cruenta nella sua intensità. Nella sua bellezza quasi ancestrale, puro english football con tutte le sfaccettature. Con tutte le nuove sfaccettature, perché la Premier resta la Premier, con le sue caratteristiche di atletismo necessario e logorante. Ma Guardiola e Klopp sono rimasti Guardiola e Klopp, una sfida infinita per due stili diversi, entrambi manichei eppure così lontani.

Ieri ha vinto Guardiola, ma ha vinto in modo sporco. Ovviamente nessun tipo di complotto – anche se non è mancato il doppio caso arbitrale, un gol fantasma risolto con perfetto tempismo storico dalla Goal Line Technology e un’espulsione richiesta dal Liverpool per un fallaccio di Kompany -, per sporco intendiamo un successo lontano dai canoni estetici del dominio sognato e rincorso da Pep. Soprattutto nel finale, il City è sembrata una squadra estremamente lontana da sé. Tutti dietro quando il Liverpool provava gli assalti finali, i tre punti erano troppo importanti per poter solo pensare di sacrificarli sull’altare rischioso dell’idealismo tattico. Per Barney Ronay del Guardian, «City learning to win ugly. Incorrectly so. City did not win ugly here. They won very ugly». Una rivoluzione copernicana per Guardiola, forse solo un’emergenza data da una classifica che rischiava di diventare irrecuperabile. Ma che ora dice Liverpool 54 e Manchester City 50.

C’è tutto

Tra le righe dei paragrafi precedenti, c’è scritto che Manchester City-Liverpool è stata una partita con dentro il tutto. La bellezza della Premier sta nella sua particolare caratteristica tattica, che ad un certo punto porta la squadra di Guardiola a difendersi bassa. Come una provinciale. È l’intensità del gioco e dei giocatori che per un attimo cancella la tattica, depotenzia la tecnica, porta il discorso su un piano fisico – quantomeno in sfide caratterizzate da valori simili.

Poi, anche i casi arbitrali. Dopo la partita, Klopp ha proseguito nel suo nuovo giochino di discussione sugli arbitri, chiedendo con la sua solita (finta) pacatezza «How on earth was Vincent Kompany not sent off?’». Come mai Kompany non è stato espulso? Una polemica che però scolora rispetto all’impatto emotivo di una partita che sui social è già diventata un cult, anche – se non soprattutto – per la telecronaca “appassionata” di Paolo Di Canio, da sempre amante e conoscitore del calcio inglese. Ad un certo punto, nel finale, l’ex attaccante di Lazio e West Ham ha detto di voler mettere i parastinchi e di voler entrare in campo. Tanta era l’adrenalina per un match giocato senza esclusione di colpi. Con una qualità rintracciabile solo in pochi altri contesti, forse solo con Barcellona e Real Madrid. Al massimo, Juventus e Bayern Monaco. Il Napoli è ancora sotto questo livello, ce ne siamo accorti ad Anfield.

I gol

Il paradosso è che abbiamo scritto di tutto, o quasi, meno che dei tre gol. Il primo è una magia di Aguero, tocco a seguire su cross basso, e poi una botta incredibile sul primo palo; il secondo è pura tattica di accerchiamento, Alexander-Arnold, cambio di campo per Robertson, cross perfetto per Firmino e palla in rete; e poi Sané, con un diagonale strettissimo, palla che bacia il palo e poi finisce in porta.

C’è tutto, anche nei gol: qualità personale, capacità di costruire azioni collettive, la ripartenza veloce del City per la rete decisiva. Sì, Guardiola ha vinto con uno stile diverso. Forse era l’unico modo per battere Klopp, la sua nemesi storica. Forse era l’unico modo per tenere aperta la Premier, quando la Premier ha partorito un avversario diverso, e molto forte. È la bellezza di questa lega, perfetta nella confezione e nella sua stessa autonarrazione. Manchester City-Liverpool è stata un capitolo fantastico.

Da: QUI

Autore: Gregorio

Notizie di oggi
Juve Milan, vergogna BANTI: come mai non va alla VAR?
Juve Milan, vergogna BANTI: come mai non va alla VAR?
(Bari)
-

L’intervento di Emre Can su Conti probabilmente meritava il rigore e avrebbe potuto cambiare la storia di Juve-Milan. Ma il problema non è questo. O meglio, non è solo questo
L’intervento di Emre Can su Conti probabilmente meritava il rigore e avrebbe...

Supercoppa in Arabia? Sempre una VERGOGNOSA QUESTIONE DI SOLDI
Supercoppa in Arabia? Sempre una VERGOGNOSA QUESTIONE DI SOLDI
(Bari)
-

Le polemiche per la Supercoppa italiana in Arabia Saudita. L’Italia è uno dei dieci principali partner commerciali del regno, che ha bisogno di credibilità sportiva e investimenti internazionali.
La Supercoppa Italiana a Jeddah migliorerà la condizione delle donne in Arabia...

Genoa Milan alle 15? Il calcio e i tifosi hanno perso (ancora)
Genoa Milan alle 15? Il calcio e i tifosi hanno perso (ancora)
(Bari)
-

Dal non saper garantire l'ordine pubblico, alla presa in giro dei tifosi. Il calcio italiano non cambia mai, anzi, non vuole cambiare.
Dal non saper garantire l'ordine pubblico, alla presa in giro dei tifosi. Il...

Tutti gli ERRORI arbitrali: indovinate quale squadra e' stata favorita?
Tutti gli ERRORI arbitrali: indovinate quale squadra e' stata favorita?
(Bari)
-

Un’analisi ex post del blog dell’ex arbitro Luca Marelli. Alle prime sei risparmiati quattordici cartellini, sette ai bianconeri
Il blog dell’ex arbitro di serie A, Luca Marelli, si è affermato negli ultimi...

Razzismo negli stadi: cosa succedera' dopo le parole di Salvini? NIENTE, COME SEMPRE!
Razzismo negli stadi: cosa succedera' dopo le parole di Salvini? NIENTE, COME SEMPRE!
(Bari)
-

Come ci si comporterà in casi di incidenti o di cori razzisti? Salvini ha creato un corto circuito tra vertici politici e forze dell’ordine
E adesso che succederà? Se dovessero scoppiare incidenti tra tifoserie...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati