Maltagliati con barba di frate, come fare

(Palermo)ore 16:05:00 del 31/03/2017 - Categoria: , Cucina

Maltagliati con barba di frate, come fare

In questa ricetta abbiamo realizzato un buon condimento preparato con la barba di frate, caratterizzata da un sapore leggermente agro, a cui abbiamo aggiunto pancetta affumicata croccante e della ricotta grattugiata come tocco finale.

Vi piacciono i maltagliati? Questo formato di pasta tipico dell’Emilia Romagna è ottimo da gustare davvero in tutte le salse: con un buon ragù di pesce, con spinaci e ricotta, con fave e crudo, oppure sotto forma di un originale sformato. In questa ricetta abbiamo realizzato un buon condimento preparato con la barba di frate, caratterizzata da un sapore leggermente agro, a cui abbiamo aggiunto pancetta affumicata croccante e della ricotta grattugiata come tocco finale. Portando in tavola i maltagliati con barba di frate, unirete tutta la bontà delle verdure ad un gusto rustico e deciso: un piatto da provare!

Ingredienti per la pasta

Farina 00 300 g Uova medie 3

PER IL CONDIMENTO

Barba di frate (agretti) 400 g Pancetta affumicata 100 g Ricotta affumicata 50 g Brodo vegetale 100 g Scalogno 45 g Olio extravergine d'oliva 30 g Sale fino q.b. Pepe nero q.b.

Come preparare i Maltagliati con barba di frate

Maltagliati con barba di frate

Per realizzare i maltagliati con barba di frate ponete sul fuoco una pentola che vi servirà per il brodo vegetale. Proseguite con la preparazione della pasta fresca all'uovo: in una ciotola ponete la farina setacciata (1), create una conca al centro e versate le uova. Quindi iniziate a lavorare gli ingredienti con la forchetta direttamente nella ciotola (2) (tenete a portata di mano dell'acqua tiepida che potrete eventualmente aggiungere per rendere la pasta all'uovo più morbida e della consistenza ideale per tirarla con il mattarello).Poi proseguite impastando a mano, dovete otenere un panetto il più compatto possibile (3).

Maltagliati con barba di frate

Terminate di impastare su un piano di lavoro per ottenere una consistenza liscia e omogenea (4); formate una pallina e avvolgetela con pellicola trasparente (5): il composto dovrà riposare almeno 30 minuti in un luogo fresco, al riparo da correnti d'aria. Trascorso il tempo necessario, riprendete la pasta all'uovo e dividetela in due panetti; mentre stendete il primo lasciate l'altro avvolto nella pellicola. Stendete con il mattarello una sfoglia di 1-2 mm (6).

Maltagliati con barba di frate

Ricavate poi delle strisce (7) e tagliate la pasta in rombi o in qualsiasi forma (8). Ponete i maltagliati a mano a mano su un vassoio leggermente infarinato e infarinateli nuovamente (9). Poi stendete anche l'altro panetto e ripetete le stesse operazioni.

Maltagliati con barba di frate

Proseguite pulendo la barba di frate: eliminate l'estremità finale rossastra (10), poi lavatela con cura sotto abbondante acqua corrente (11). Cuocete la barba di frate al vapore per circa 3 minuti (12),

Maltagliati con barba di frate

lasciandola piuttosto croccante (13). Tagliate a rondelle lo scalogno (14) poi anche la pancetta affumicata a striscioline sottili (15).

Maltagliati con barba di frate

Fate rosolare la pancetta in una padella antiaderente (16) fino a quando diventerà croccante e dorata (17). Fate appassire lo scalogno a rondelle in una padella con un filo di olio per 10 minuti (18),

Maltagliati con barba di frate

aggiungendo il brodo vegetale poco alla volta (19). Unite la barba di frate (20), regolate di sale e di pepe (21),

Maltagliati con barba di frate

e aggiungete la pancetta croccante, mescolando con una spatola (22). Spegnete il fuoco e tenete da parte. Trascorso il tempo necessario, portate a bollore una pentola con abbondante acqua salata e cuocete poco alla volta i maltagliati per pochissimi minuti (23), quindi scolateli con una schiumarola. Versateli direttamente nel condimento che avete preparato (24)

Maltagliati con barba di frate

e mescolate bene per insaporire, facendo saltare per qualche secondo in padella (25). Impiattate i maltagliati con barba di frate e terminate con la ricotta grattugiata (26), quindi serviteli ben caldi (27).

Conservazione

Potete conservare i maltagliati con barba di frate per 1-2 giorni in frigorifero in un contenitore ermetico. E' possibile congelare i maltagliati da crudi. Per la congelazione potete procedere riponendo il vassoio con i maltagliati già porzionati, e riponeteli nuovamente in congelatore. Quando li dovrete utilizzare lessateli direttamente da congelati in acqua bollente e procedete come da ricetta.

Consiglio

Se preferite, al posto della ricotta affumicata, potete utilizzare del pecorino sardo.

Da: QUI

Autore: Carla

Notizie di oggi
Sorbetto alle nocciole, preparazione
Sorbetto alle nocciole, preparazione
(Palermo)
-

I più tradizionalisti penseranno subito al sorbetto al limone, che con le sue note asprigne rinfresca il palato e aiuta la digestione… i più innovativi magari oseranno con un sorbetto di ananas e menta, mentre gli amanti dell’espresso sceglieranno sicuram
Cosa c’è di meglio di un bel sorbetto per concludere un lauto pasto? I più...

Pasta al forno, preparazione
Pasta al forno, preparazione
(Palermo)
-

Quando si prepara la pasta al forno è molto importante fare attenzione alla cottura della pasta, che va scolata a metà ancora al dente, per evitare che scuocia a causa del passaggio prolungato in forno che le donerà una crosticina in superificie davvero i
Teglia fumante mi ci ficco. Vabbè, non fa rima, ma è esattamente il pensiero che...

Biscotti al teff, preparazione
Biscotti al teff, preparazione
(Palermo)
-

La farina di base è la farina di Teff, un cereale altamente proteico, ricco di fibre e carboidrati complessi, che lo rendono un alimento a basso indice glicemico.
I Biscotti del mattino al teff sono dei deliziosi dolcetti semplicissimi e...

Biscotti di San Martino, preparazione
Biscotti di San Martino, preparazione
(Palermo)
-

Si tratta di una usanza molto antica, legata ai riti dei contadini vitivinicoli, che in occasione della cosiddetta Estate di San Martino vedevano giungere a maturazione il vino novello, fonte importante della loro economia.
L’11 novembre, giorno dedicato a San Martino di Tours, è usanza siciliana...

Ossobuco alla milanese, preparazione
Ossobuco alla milanese, preparazione
(Palermo)
-

In realtà ci sono molti modi di prepararlo e in base a come lo si fa si può parlare di secondo piatto di carne o di piatto unico.
Ossobuco alla milanese, se chiedete un piatto che rappresenti Milano...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati