Malattia e Certificato Medico: NUOVO REGALO AI FANNULLONI STATALI!

(Milano)ore 21:15:00 del 09/07/2017 - Categoria: , Cronaca, Denunce, Economia, Lavoro

Malattia e Certificato Medico: NUOVO REGALO AI FANNULLONI STATALI!

Fantastico. Per alleggerire il carico burocratico si ribaltano i ruoli: il paziente si fa la diagnosi, il medico diventa segretario del paziente-dottore per comunicare la cosa all'INPS

Fantastico. Per alleggerire il carico burocratico si ribaltano i ruoli: il paziente si fa la diagnosi, il medico diventa segretario del paziente-dottore per comunicare la cosa all'INPS. Ora, visto che hanno menato l'anima con SPID SPID SPID ecc. identità digitale o altro, non potrebbe il paziente-medico comunicare lui direttamente all'INPS la propria invalidità? Possibile che una cosa, ogni cosa, ogni singolo fatto debba frantumarsi in rivoli burocratici, sottilisissimi passaggi, autocertificazioni, certificazioni, esterne/interne, oblique, senza produrre altro che carta, caos, spazzatura e meccanismi ingarbugliati? Per banalizzare la cosa (viste le somme menti che partoriscono le leggi), è come se al supermercato, le casse Fai Da te, prevedessero che fosse l'acquirente a scansionare il prodotto e il commesso a imbustarlo.

Un disegno di legge presentato in commissione Affari istituzionali del Senato da Maurizio Romani, vicepresidente della commissione Igiene e Sanità a Palazzo Madama. Un disegno di legge che promette una rivoluzione copernicana: autocertificare i primi tre giorni di malattia. Senza bisogno di un certificato medico che attesti il motivo dell’assenza dal lavoro.

Il testo prevede che in presenza di un disturbo che il lavoratore ritiene invalidante ma passeggero, sarà lui stesso – sotto la sua esclusiva responsabilità – a comunicarlo al medico, che si farà semplice tramite per la trasmissione telematica all’Inps e al datore di lavoro. Maurizio Romani del Gruppo Misto ha tradotto in legge una proposta che la Fnomceo (federazione nazionale degli ordini dei medici chirurghi e odontoiatri) – su impulso del Presidente dell’Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Piacenza, Augusto Pagani – porta avanti da quattro anni.

“Ci sono disturbi, come il mal di testa o lievi gastroenteriti, la cui diagnosi non può che essere fatta sulla base di sintomi clinicamente non obiettivabili. Il medico, in questi casi, deve limitarsi, all’interno del rapporto di fiducia che lo lega al paziente, a prendere atto di quanto lamentato. Riteniamo che un’auto-attestazione potrebbe essere utile, prima ancora che a sollevare il medico, a responsabilizzare il paziente, come del resto già avviene, con ottimi risultati, in molti paesi anglosassoni” ha commentato la Fnomceo.

Autore: Gregorio

Notizie di oggi
NO agli sbarchi di Salvini come gli 80 euro di Renzi?
NO agli sbarchi di Salvini come gli 80 euro di Renzi?
(Milano)
-

Portare a casa un risultato subito, quale che sia: che differenza c’è tra il blocco delle navi delle Ong imposto da Salvini e la mancia degli 80 euro concessi da Renzi?
Portare a casa un risultato subito, quale che sia: che differenza c’è tra il...

Reddito Base Incondizionato: guadagneremo in un futuro senza LAVORO
Reddito Base Incondizionato: guadagneremo in un futuro senza LAVORO
(Milano)
-

Voglio iniziare con una domanda inquietante: secondo voi stiamo andando verso un futuro con più o meno posti di lavoro?
di Beppe Grillo – Voglio iniziare con una domanda inquietante: secondo voi...

La Tasse ci DIVORERANNO: ECCO 3 MOTIVI
La Tasse ci DIVORERANNO: ECCO 3 MOTIVI
(Milano)
-

Vi citiamo tre casi apparentemente diversi tra loro: l’accordo per gli esuberi Tim, l’impatto delle politiche Bce su debito pubblico italiano e infine le aliquote dell’Imu da pagare lunedì prossimo.
Vi citiamo tre casi apparentemente diversi tra loro: l’accordo per gli esuberi...

Di Maio: 'eliminare lo sfruttamento del lavoro domenicale'
Di Maio: 'eliminare lo sfruttamento del lavoro domenicale'
(Milano)
-

Il ministro del Lavoro si dice pronto a rivedere il decreto Monti. Cisl favorevole
Il tema del lavoro domenicale tiene banco a via Veneto. Il ministro del Lavoro e...

Siamo lo 0,01% della vita sulla Terra, e la stiamo uccidendo
Siamo lo 0,01% della vita sulla Terra, e la stiamo uccidendo
(Milano)
-

E’ ufficiale: siamo la peste della Terra. Lo si sapeva già, ma ad aggravare il quadro provvede una sconvolgente ricerca statistica: i 7,6 miliardi di umani rappresentano solo lo 0,01% di tutti gli esseri viventi.
E’ ufficiale: siamo la peste della Terra. Lo si sapeva già, ma ad aggravare il...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati