Mafia, arrestato Settimino Mineo: era l'erede di Toto Riina

(Palermo)ore 15:18:00 del 06/12/2018 - Categoria: , Cronaca, Denunce

Mafia, arrestato Settimino Mineo: era l'erede di Toto Riina

Già condannato a 5 anni al maxi processo istruito da Giovanni Falcone, fu riarrestato 12 anni fa per poi tornare in libertà dopo una condanna a 11 anni.

Da questa mattina è in atto un vero e proprio terremoto che distrugge i vertici della principale organizzazione criminale siciliana, Cosa nostra: 46 arresti, in manette il nuovo capo dei capi, quello che è stato definito l'erede di Totò Riina: si tratta di Settimino Mineo, 80 anni, ufficialmente gioielliere, già capo del mandamento di Pagliarelli. 

Già condannato a 5 anni al maxi processo istruito da Giovanni Falcone, fu riarrestato 12 anni fa per poi tornare in libertà dopo una condanna a 11 anni. Lui e le altre persone fermate devono rispondere a vario titolo anche di estorsioni consumate e tentate, con l’aggravante di avere favorito Cosa nostra, fittizia intestazione di beni aggravata, porto abusivo di armi comuni da sparo, danneggiamento a mezzo incendio, concorso esterno in associazione mafiosa.  A rivelarlo è un'inchiesta della Dda palermitana.
“In particolare – dicono dal comando provinciale – le indagini hanno consentito di: cogliere in presa diretta la fase di riorganizzazione in atto all’interno di Cosa nostra;  documentare l’avvenuta ricostituzione della “nuova” commissione provinciale di Palermo;  trarre in arresto il “nuovo capo” della commissione provinciale, Settimo Mineo, capo del mandamento di Pagliarelli". Finora sono stati ricostruiti gli organigrammi di Pagliarelli, Porta Nuova, Villabate e Misilmeri, ma nelle intercettazioni ci sono ampi riferimenti a chi comanda in altre zone di città e provincia.


80 anni e una lunga militanza in Cosa nostra avevano fatto di Mineo il nuovo capo mafioso. Di lui per la prima volta avevano parlato negli anni Ottante i pentiti Leonardo Vitale, Tommaso Buscetta e Salvatore Contorno. Accusato dal giudice Giovanni Falcone, disse: "Non so di che parla, sono solo un commerciante di articoli da regalo e gioielli, cado dalle nuvole". Come riportato su Live Sicilia, Mineo era un grande nemico di Stefano Bontade, il ‘falco’ di Villagrazia, ed era scampato all'agguato che costò al vita ai fratelli. Nel 2006, il boss finì in carcere assieme al suo padrino, Nino Rotolo, nei giorni dell’operazione Gotha che iniziò ad avvicinare gli inquirenti a Bernardo Provenzano. Mineo era l'uomo degli affari, del controllo degli appalti illeciti e dei contatti con la mafia americana. E in America Mineo era pronto a tornare: gli era stato pure rilasciato il passaporto. Il viaggio, bloccato da un problema di visto, è uno dei presupposti del fermo eseguito oggi.

Da: QUI

Autore: Samuele

Notizie di oggi
CO2: il gas che non inquina utilizzato per aumentare le tasse
CO2: il gas che non inquina utilizzato per aumentare le tasse
(Palermo)
-

L’ecologismo della CO2 è il proseguimento dell’austerità con altri mezzi
Dalla carbon tax alla tassa sul diesel in Francia, a quella sui veicoli a...

Le Iene: cosa c'e' dietro i VACCINI OBBLIGATORI. VIDEO
Le Iene: cosa c'e' dietro i VACCINI OBBLIGATORI. VIDEO
(Palermo)
-

Walter Ricciardi è il Presidente dell’Istituto superiore di Sanità che si occupa di ricerca, sperimentazione, controllo della salute pubblica in Italia.
Walter Ricciardi è il Presidente dell’Istituto superiore di Sanità che si occupa...

Agonia UE, elettori traditi. Unica chance? ITALEXIT
Agonia UE, elettori traditi. Unica chance? ITALEXIT
(Palermo)
-

Dopo la bocciatura definitiva della manovra da parte della Commissione Europea con la prospettiva dell’apertura della procedura d’infrazione contro l’Italia per deficit eccessivo, da più parti ci si chiede quale strada percorrere.
Dopo la bocciatura definitiva della manovra da parte della Commissione Europea...

Sempre piu' morti per lavoro in citta': si spende per ROBOT e non per SICUREZZA
Sempre piu' morti per lavoro in citta': si spende per ROBOT e non per SICUREZZA
(Palermo)
-

Di lavoro si muore, o meglio si continua a morire. I dati relativi alla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, diffusi dall'Inail per il periodo gennaio-ottobre 2018, parlano chiaro.
Di lavoro si muore, o meglio si continua a morire. I dati relativi alla salute...

Aree contaminate: 6 milioni di persone a rischio
Aree contaminate: 6 milioni di persone a rischio
(Palermo)
-

Nei terreni e nelle falde dei 1.469 ettari di costa che bagna la città di Crotone è stata riscontrata, nel 2002, la presenza di zinco, piombo, rame, arsenico, cadmio, mercurio, ferro, idrocarburi, benzene, nitrati, frutto perlopiù, di uno smaltimento abus
Nei terreni e nelle falde dei 1.469 ettari di costa che bagna la città di...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati