Luoghi da vedere Symi

(Genova)ore 09:02:00 del 22/08/2017 - Categoria: , Luoghi da visitare

Luoghi da vedere Symi

I suoi abitanti si dedicarono molto presto e con grande successo alla pesca di spugne ed all'ingegneria navale, attivita che permise loro di fruire di importanti privilegi, quando l'isola fu poi occupata dai Turchi (1522).

SYMI COSA VISITARE - Symi è un'isola che ha un po'di tutto: bei dintorni, taverne piacevoli ed acque meravigliose. Ci andate per rilassarvi, tuttavia Symi non è una di quelle isole in cui il tempo si è fermato. Ci sono molti visitatori ogni estate, ma è rimasta a tutti gli effetti un posto genuino. La gente di Symi vive di turismo, di pesca e di un po' di agricoltura. Inoltre, come su Kalymnos, gli uomini raccolgono le spugne dai litorali dell'Africa del Nord.La ricca tradizione mitologica dell'isola riflette la sua lunghissima storia. Sappiamo infatti che Symi era gia abitata in epoca preistorica. Il re Nireo che partecipo alla spedizione contro Troia rimase un mito fino all'epoca bizantina. Symi ha seguito lo stesso copione delle altre isole del Dodecaneso. I suoi abitanti si dedicarono molto presto e con grande successo alla pesca di spugne ed all'ingegneria navale, attivita che permise loro di fruire di importanti privilegi, quando l'isola fu poi occupata dai Turchi (1522). In quel periodo vengono creati importanti centri culturali, Scuola di Aghia Marina, Sala di Lettura Aigli . A Symi e stato firmato l' 8 maggio 1945 l'accordo per la consegna dell'arcipelago agli alleati. Symi e stata annessa al territorio ellenico nel 1948.

SYMI COSA VISITARE - Storia

Secondo la mitologia, Symi è stata chiamata cosè dal nome della principessa di Rodi, che scappè qui con il dio Glaucus dato che suo padre, il re, non approvava la loro unione.

I primi abitanti dell'isola erano probabilmente genti dell'Asia Minore, e poi i Minoici. Omero racconta che Symi diede la sua flotta durante la guerra di Troia. In seguito la storia dell'isola è la stessa delle altre isole dell'Egeo: i Romani l'hanno invasa nel secondo e primo secolo Avanti Cristo, dopo è stata la volta dei bizantini, e, nel quattordicesimo secolo è stata dominata dai cavalieri di Rodi. Questi ultimi costruiranno un castello in cima all'antica acropoli per proteggersi dalle incursioni dei pirati e resteranno sull'isola fino a che i Turchi non la invaderanno nel sedicesimo secolo. Dato che le barche di Symi erano estremamente veloci, l'isola ebbe l'importante responsabilità di gestire le spedizioni postali agli ottomani. In cambio, l'isola è stata lasciata praticamente tranquilla, e non ha sofferto come altri luoghi della Grecia.

Ai pescatori di Symi inoltre è stato permesso di pescare le spugne, che insieme alla produzione del vino, era un'importante fonte di reddito, anche se in competizione con Kalymnos. Nel 1912 l'isola è stata data agli italiani e durante la seconda guerra mondiale è stata invasa dalle truppe britanniche e tedesche, fino alla liberazione finale nel 1948.

SPIAGGE DI SYMI - A Symi le spiagge più belle sono difficilmente raggiungibili.

SYMI COSA VISITARE - Dal porto partono però le barche dei pescatori che conducono i visitatori in un tour delle spiagge e li scaricano sulle spiagge che preferiscono per poi andarli a riprendere alla sera.

Il biglietto si compra il giorno prima o anche un minuto prima della partenza, senza problemi. 
La maggior parte delle barche di viaggio da Rodi a Symi chiamano qui in rotta per un breve giro prima di andare in porto Symi per il pranzo.
Costruito nel XVIII secolo a. C. e saccheggiato durante la Seconda Guerra Mondiale, ora è una destinazione turistica. È anche possibile soggiornare in xenonas per una sorta di tassa.
La parte più impressionante è il campanile, costruito nel 1905.

Panormitis è il monastero più importante di Symi e il secondo più importante del Dodecaneso (San Giovanni a Patmos rivendica il primo premio per questo), e quindi è il percorso che la maggior parte delle persone fanno quando visitano Symi.
E ‘situato proprio sulla punta meridionale dell’isola e le gite di un giorno da Rodi comprendono una visita qui sia sulla strada per Symi o sulla via del ritorno.

Da Pedi si può prendere un taxi d’acqua a Aghios Nicholas – o a piedi in circa 20 minuti un sentiero roccioso intonacato.

Dream Wine Night

Sulla strada lungo il villaggio perché non fermarsi a prendere un bicchiere di vino per ammirare la Symi Dream Gallery? Il lunedì sera, dalle 18 alle 20, ed un festival gratuito.

Autore: Gerardo

Notizie di oggi
Luoghi da vedere Buenos Aires
Luoghi da vedere Buenos Aires
(Genova)
-

L’origine di Buenos Aires affonda le sue radici a metà del Cinquecento quando ben due esploratori spagnoli fondarono un nuovo centro urbano a circa 40 anni di distanza, nel 1538 nel 1580, e gli diedero il nome della Madonna di Bonaria di Cagliari come buo
  Buenos Aires è la capitale dell’Argentina ed è una metropoli da oltre due...

Cordoba, guida
Cordoba, guida
(Genova)
-

Il festival del folklore di Cosquin in gennaio celebra il «cuarteto», un genere musicale tipico del paese.
  Cordoba è una graziosa città dell'Argentina centrale caratterizzata da...

Belo Horizonte, guida turistica
Belo Horizonte, guida turistica
(Genova)
-

Pur non essendo una località prettamente turistica, Belo Horizonte è una città particolarmente tranquilla, ideale per passeggiate e per trascorrere piacevoli momenti di relax e offre diversi spunti, a livello architettonico e naturalistico, per una vacanz
  Grandi viali, edifici moderni ubicati in quartieri simmetrici e un grande...

Cosa visitare Fortaleza
Cosa visitare Fortaleza
(Genova)
-

Da segnalare anche il Ponte dos Ingleses, postazione ideale per contemplare il tramonto e avvistare i delfini.
  COSA VEDERE FORTALEZA - Con i suoi 25 km di spiagge urbane, Fortaleza sprizza...

Cosa visitare Salvador
Cosa visitare Salvador
(Genova)
-

Su quasi tutte le spiagge ci sono ristoranti tipici, i beach bar, dove vengono solitamente preparati piatti di pesce assieme a varie bevande, in particolare birra servita molto fredda.
  Fondata dai portoghesi come São Salvador da Bahia de Todos os Santos e oggi...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati