Luoghi da vedere Lublino

(Torino)ore 13:33:00 del 07/08/2017 - Categoria: , Luoghi da visitare

Luoghi da vedere Lublino

COSA VEDERE LUBLINO - Poi venne l'occupazione nazista e la piccola Gerusalemme dell'est Europa  divenne un centro di raccolta per lo sterminio di massa, mentre il quartiere ebraico veniva raso al suolo.

COSA VEDERE LUBLINO - Meta affascinante e ancora poco conosciuta dai turisti, la polacca Lublino custodisce gelosamente la sua Città Vecchia, uno tra i borghi medievali meglio conservati d'Europa. 
Per secoli conosciuta come centro intellettuale e culturale di rinomanza internazionale e come esempio di tolleranza religiosa, dove convivevano pacificamente ebrei, protestanti e cattolici, Lublino fu sede di una grande comunità ebraica (circa il 30% della popolazione), che in gran parte abitava l'antico borgo del Podzamcze, alle falde del castello. Qui si radicò il Chassidismo, una corrente mistica di rinnovamento ebraica, e visse Tzaddick Jacob Isaac ha Hozeh (1745-1815), famoso capo spirituale noto come il "Veggente di Lublino". 
COSA VEDERE LUBLINO - Poi venne l'occupazione nazista e la piccola Gerusalemme dell'est Europa  divenne un centro di raccolta per lo sterminio di massa, mentre il quartiere ebraico veniva raso al suolo.

Oggi gli ebrei che vivono a Lublino sono solo poche decine ma la città sta cercando di recuperare la sua memoria. Con il Teatr NN, presso la porta delle città vecchia chiamata Grodzka, che ha raccolto in un suggestivo museo informazioni, immagini, testimonianze, voci e ricordi degli abitanti deportati dai nazisti. Un luogo assolutamente da non perdere.

COSA VEDERE LUBLINO - Una visita a Lublino non può che iniziare dalla Torre della Trinitàdalla quale si può godere di una spettacolare vista sulla città vecchia, edificata su diversi colli e proprio su uno di essi detto Colle del Castello (Zamkowe) è edificata una fortificazione antichissima, risalente al XIII secolo, considerata come la struttura monumentaria più antica della città e che rappresenta per gli abitanti il simbolo della longevità di Lublino.
Il castello della città fu costruito secondo lo stile neogotico nel 1828 sui ruderi di un'antica residenza reale. Nel corso degli anni subì diverse vicissitudini tant'è che fino al 1954 fu una prigione e poi un luogo di supplizio dei polacchi sia nel periodo ottocentesco e sia durante il corso della seconda guerra mondiale. Al giorno d'oggi il castello è uno dei luoghi simbolo della città ed ospita al suo interno il Museo di Lublino.

La Città Vecchia è il cuore della città, dal tipico aspetto medievale, è uno dei centri urbani meglio conservati della Polonia.  La principale via d'accesso alla Città Vecchia è la Porta di Cracovia(XIV se colo), simbolo culturale di Lublino e sede oggi del Museo Storico della città.

Il nucleo storico della città Vecchia è uno dei centri urbani più antichi di impronta medievale tra i meglio conservati di tutta la Polonia.  La via d'accesso principale è la Porta di Cracovia (risalente al XIV secolo), ed è una dei simboli di Lublino nonchè sede del Museo Storico della città.  Nel perimetro della piazza del Mercato si trova il Vecchio Municipio, edificio costruito in stile neoclassico, che anticamente ospitava la sede del Tribunale della Corona.

La via chiamata Krakowskie Przedmieście è considerata la più elegante della città; è la strada preferita dagli abitanti a dai turisti per effettuare piacevoli incontri e trovare divertimento in quanto piena di numerosi caffè, cantine artistiche e ristoranti. Da non perdere una visita alla storica pasticceria Semadini la cui attività vanta oltre 160 anni di storia. Nei pressi della piazza Lokietek si trova inoltre il nuovo Municipio, edificio in stile neoclassico, sede delle autorità cittadine
Da visitare la Basilica di S. Stanislao, considerata a ragione uno tra gli esempi più belli ed importanti di arte sacra in Polonia. Qui si possono ammirare la cappella rinascimentale dei Firlej con numerose iscrizioni funebri finemente lavorate e l’affresco del Giudizio Universale dipinto sulla cupola della cappella Tyszkiewicz.

A conclusione della visita ci sarà da vedere la Cattedrale della città, edificata in stile barocco e decorata magistralmente dal monumentale affresco di Jozef Mayer. Al suo interno sarà possibile ammirare uno degli altari maggiori più grandi della Polonia, intagliato in legno proveniente del Libano, il tesoro della cattedrale contiene capolavori d’arte orafa. Ed infine, nelle sue cripte visitare le sepolture di alti dignitari della chiesa e di numerosi illustri suoi cittadini.

Autore: Sasha

Notizie di oggi
Milos, cosa visitare
Milos, cosa visitare
(Torino)
-

Una formula scelta ogni estate da tante famiglie, pronte fin da giugno a quel rito quotidiano: pellegrinare tra una spiaggia e l’altra, e nel pomeriggio perlustrare le pieghe dell’entroterra, dove l’antico cataclisma assicura giardini e orti generosi.
COSA VEDERE MILOS - E’ il vulcano sommerso ad aver regalato le più belle...

Cosa visitare Leopoli
Cosa visitare Leopoli
(Torino)
-

Ploshcha Rynok – Il centro del centro è la piazza del mercato, ploshcha Rynok.
COSA VEDERE LEOPOLI - Alle volte è giusto ammettere la propria ignoranza: che...

Luoghi da vedere Odessa
Luoghi da vedere Odessa
(Torino)
-

Uno di questi era particolarmente vicino alla figura della sovrana, il suo nome era l’eroe Grygory Potemkin, che divenne uno degli artefici della nascita della città di Odessa.
COSA VEDERE ODESSA - Ucraina meridionale e Odessa. Storicamente parlando...

Luoghi da vedere Vinnitsa
Luoghi da vedere Vinnitsa
(Torino)
-

La città stessa ha dignità amministrativa di raion ed è collocata nella regione storica della Podolia.
VINNITSA COSA VEDERE - Vinnycja (in ucraino:...

Luoghi da vedere Kharkiv
Luoghi da vedere Kharkiv
(Torino)
-

La città è nota per la sua Piazza della Libertà che, con un'estensione di oltre 11 ettari, è attualmente una delle 10 piazze più grandi del mondo.
KHARKIV, COSA VEDERE - Charkiv è la seconda città dell'Ucraina per popolazione,...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati