L'Italia dimentica le vittime delle Foibe: la rivolta degli istriani!

(Bari)ore 16:01:00 del 07/02/2017 - Categoria: , Cronaca, Denunce, Editoria, Esteri, Sociale

L'Italia dimentica le vittime delle Foibe: la rivolta degli istriani!

Cari Istriani, i NO di questi falsi Presidenti italiani non sia un cruccio per Voi.

Cari Istriani, i NO di questi falsi Presidenti italiani non sia un cruccio per Voi. Il loro silenzio, la loro assenza, le loro menzogne... sono questi i principali capi di accusa che condannano questa gentaglia infame e putrida nell'anima che, oltre ad aver rubato le ricchezze materiali, ruba l'onore e l'onestà di quei poveri martiri. NOI, italiani nel cuore, siamo con VOI. GLI INFAMI KOMUNISTI, di ogni genere e specie, SI VERGOGNINO!!!

Non è la prima volta. Si cominciò a parlarne col primo governo Berlusconi. TTutti i governi di centrosinistra hanno sempre ignorato la grossa sanguinosa pulizia etnica contro gli italiani messa in atto da Tito. Una volta napolitano volle commemorarla, dicendo quattro parole sulle foibe per passare immediatamente alle ... fosse ardeatine ! tito era comunista,perciò non si deve parlare di delitti commessi sia dai sovietici (alcuni... ) che degli slavi comunisti

L'Italia, nata dalla desistenza di fronte al nemico e fondata sulle mafie anche politiche, non ha mai dimenticato le foibe: non le ha proprio mai considerate! Non faceva "demokratico" trattare dei krimini delle formazini assassine di Tito, coadiuvate dai kriminali nostrani delle bande komuniste, nominatesi partigiani, asserviti alle mire espansionistiche di Moska. Molte delle vittime delle foibe caddero per mano dei partigiani komunisti delle cosiddette "briga(n)te Garibaldi". Poi venne il cittadino sovjetiko Togliattigrad a concedere l'amnistia per i krimini degli orgogliosi "eroi" delle "radiose giornate"...

Autore: Gerardo

Notizie di oggi
Stampa REGIME in Italia: ECCO CHI COMANDA DIETRO LE QUINTE
Stampa REGIME in Italia: ECCO CHI COMANDA DIETRO LE QUINTE
(Bari)
-

CHI POSSIEDE O CONTROLLA,SEDUTO NEI CONSIGLI DI AMMINISTRAZIONE,I PRINCIPALI QUOTIDIANI ITALIANI?INCHIESTA SULLA”LONGA MANUS”DELLE BANCHE E DELL’INDUSTRIA NELLA STAMPA ITALIANA.
CHI POSSIEDE O CONTROLLA,SEDUTO NEI CONSIGLI DI AMMINISTRAZIONE,I PRINCIPALI...

SENZA PAROLE - I cittadini greci PIU' POVERI ​dei migranti che li hanno invasi!
SENZA PAROLE - I cittadini greci PIU' POVERI ​dei migranti che li hanno invasi!
(Bari)
-

Da Atene. La capo infermiera si accende una sigaretta dietro l’altra, torcendosi le mani coperte di tatuaggi. Ci prega di non rivelare il suo nome: «Altrimenti mi licenziano», spiega.
Da Atene. La capo infermiera si accende una sigaretta dietro l’altra,...

Lo Stato vuole la DISTRUZIONE DELLA SCUOLA: ALUNNI SEMPRE PIU' ANALFABETI
Lo Stato vuole la DISTRUZIONE DELLA SCUOLA: ALUNNI SEMPRE PIU' ANALFABETI
(Bari)
-

Basta leggere alcune delle testimonianze drammatiche dei 600 professori universitari che in pochi giorni hanno sottoscritto un accorato appello al governo e al Parlamento per mettere in campo un piano di emergenza che rilanci lo studio della lingua italia
Possibile ritrovarsi a correggere una tesi di laurea dovendo usare la matita...

Schedano i terroristi, MA LI LASCIANO LIBERI DI UCCIDERE
Schedano i terroristi, MA LI LASCIANO LIBERI DI UCCIDERE
(Bari)
-

«Un anno dopo Bruxelles, c'è Londra, e la lista degli obiettivi non è esaurita - commenta da Washington Edward Luttwak, esperto di strategia militare e consulente della Casa Bianca - L'attentatore di Westminster era noto ai servizi di sua Maestà, il che e
Il terrore arriva fin sotto il Big Ben, e porta il nome di Khalid Masood. «Un...

Vitalizio, cosa conoscere
Vitalizio, cosa conoscere
(Bari)
-

E ora che sta per arrivare la stangata — con la delibera adottata, su proposta del Pd, dall’ufficio di presidenza della Camera che introduce un contributo di solidarietà progressivo per i vitalizi superiori ai 70 mila euro lordi — Armaroli dice che «agend
DAI 10 MILA EURO AL MESE DI PUBLIO FIORI AI QUASI 7 MILA DI MASTELLA. E IN...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati