LI-RAM: ecco la memoria che usera' la luce

(Milano)ore 12:14:00 del 29/04/2017 - Categoria: , Tecnologia

LI-RAM: ecco la memoria che usera' la luce

NATIA FRANK, chimica della University of Victoria (British Columbia, Canada), ha creato un materiale rivoluzionario che potrebbe rendere computer e smartphone non solo più veloci, ma anche meno affamati di energia e in grado di durare a lungo.

NATIA FRANK, chimica della University of Victoria (British Columbia, Canada), ha creato un materiale rivoluzionario che potrebbe rendere computer e smartphone non solo più veloci, ma anche meno affamati di energia e in grado di durare a lungo. Il nuovo materiale consente di creare chip di memoria "a livello molecolare". La memoria è detta light induced magnetoresistive random-access memory (LI-RAM). "L'invenzione è parte di un impegno internazionale volto a ridurre i consumi e il calore prodotto dai moderni chip", si legge in un comunicato stampa.
La LI-RAM promette di usare il 10% di energia in meno rispetto alle MRAM (memorie magnetoresistive) attuali, senza creare quasi del tutto calore. Al tempo stesso è in grado di processare più velocemente le informazioni e funzionare più a lungo. In questo modo si cerca di affrontare il cosiddetto "power wall", ossia una rapida perdita di efficienza legata al surriscaldamento che si crea con l'aumento delle prestazioni di un chip.
Usare la luce anziché l'elettricità come conduttore di informazioni è ciò che rende unica la LI-RAM. "Il materiale nella LI-RAM ha l'inusuale qualità di cambiare rapidamente proprietà magnetiche quando viene colpito da luce verde", ha spiegato Natia Frank. Questo significa che l'informazione può essere processata e archiviata a livello della singola molecola, permettendo lo sviluppo di una memoria universale - una tecnologia finora solo ipotetica

Natia Frank sta lavorando con produttori di elettronica di tutto il mondo per ottimizzare e commercializzare la tecnologia, che potrebbe arrivare sul mercato entro i prossimi 10 anni. Potenzialmente il materiale potrebbe trovare spazio non solo in ambito elettronico, ma anche in celle solari, strumentazione medica e nanotecnologie. "Questo è solo l'inizio", ha concluso Natia Frank.

Da: QUI

Autore: Gerardo

Notizie di oggi
Huawei, ecco il primo smartphone 5G in arrivo nel 2019
Huawei, ecco il primo smartphone 5G in arrivo nel 2019
(Milano)
-

Sarà la seconda metà del 2019 la finestra di lancio del primo smartphone 5G Huawei.
Sarà la seconda metà del 2019 la finestra di lancio del primo smartphone 5G ...

Huji Cam: l'App per le foto USA E GETTA
Huji Cam: l'App per le foto USA E GETTA
(Milano)
-

Su Instagram è scoppiata la 1998 mania. Se stai scorrendo il news feed e vedi un sacco di foto sgranate, che sembrano uscite da una vecchia fotocamera usa e getta, il merito è di Huji Cam, un’app per il fotoritocco gratuita e disponibile per iOS e Android
Su Instagram è scoppiata la 1998 mania. Se stai scorrendo il news feed e vedi un...

Pregi e Difetti Samsung Galaxy S9
Pregi e Difetti Samsung Galaxy S9
(Milano)
-

È uno dei top di gamma Android più amati, e una delle reali alternative ad iPhone X
È uno dei top di gamma Android più amati, e una delle reali alternative ad...

Huawei Mate RS Porsche Design: uno smartphone di lusso!
Huawei Mate RS Porsche Design: uno smartphone di lusso!
(Milano)
-

Huawei Mate RS Porsche Design sarà disponibile dai primi di maggio e vanta caratteristiche esclusive
IL DESIGN E LE CARATTERISTICHE DELLO SMARTPHONE DI LUSSO, IN ARRIVO NEI NEGOZI...

Viaggi spesso? Ecco 10 app da avere
Viaggi spesso? Ecco 10 app da avere
(Milano)
-

Ogni momento è buono per portarsi avanti con le cose da fare, finendo inevitabilmente per lavorare di più ma peggio, senza avere un momento libero per recuperare le energie
I viaggi di lavoro, per quanto necessari e stimolanti, sono spesso impegni...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati