LI-RAM: ecco la memoria che usera' la luce

(Milano)ore 12:14:00 del 29/04/2017 - Categoria: , Tecnologia

LI-RAM: ecco la memoria che usera' la luce

NATIA FRANK, chimica della University of Victoria (British Columbia, Canada), ha creato un materiale rivoluzionario che potrebbe rendere computer e smartphone non solo più veloci, ma anche meno affamati di energia e in grado di durare a lungo.

NATIA FRANK, chimica della University of Victoria (British Columbia, Canada), ha creato un materiale rivoluzionario che potrebbe rendere computer e smartphone non solo più veloci, ma anche meno affamati di energia e in grado di durare a lungo. Il nuovo materiale consente di creare chip di memoria "a livello molecolare". La memoria è detta light induced magnetoresistive random-access memory (LI-RAM). "L'invenzione è parte di un impegno internazionale volto a ridurre i consumi e il calore prodotto dai moderni chip", si legge in un comunicato stampa.
La LI-RAM promette di usare il 10% di energia in meno rispetto alle MRAM (memorie magnetoresistive) attuali, senza creare quasi del tutto calore. Al tempo stesso è in grado di processare più velocemente le informazioni e funzionare più a lungo. In questo modo si cerca di affrontare il cosiddetto "power wall", ossia una rapida perdita di efficienza legata al surriscaldamento che si crea con l'aumento delle prestazioni di un chip.
Usare la luce anziché l'elettricità come conduttore di informazioni è ciò che rende unica la LI-RAM. "Il materiale nella LI-RAM ha l'inusuale qualità di cambiare rapidamente proprietà magnetiche quando viene colpito da luce verde", ha spiegato Natia Frank. Questo significa che l'informazione può essere processata e archiviata a livello della singola molecola, permettendo lo sviluppo di una memoria universale - una tecnologia finora solo ipotetica

Natia Frank sta lavorando con produttori di elettronica di tutto il mondo per ottimizzare e commercializzare la tecnologia, che potrebbe arrivare sul mercato entro i prossimi 10 anni. Potenzialmente il materiale potrebbe trovare spazio non solo in ambito elettronico, ma anche in celle solari, strumentazione medica e nanotecnologie. "Questo è solo l'inizio", ha concluso Natia Frank.

Da: QUI

Autore: Gerardo

Notizie di oggi
Shazam, nuovo aggiornamento! Ecco le news
Shazam, nuovo aggiornamento! Ecco le news
(Milano)
-

DA QUALCHE ora Shazam, l’applicazione per scoprire come si chiama la canzone che stai ascoltando in auto, alla radio di casa o dovunque ci sia una fonte sonora abbastanza chiara, è tutto nuovo.
DA QUALCHE ora Shazam, l’applicazione per scoprire come si chiama la canzone che...

Weibo, il social cinese batte Twitteer!
Weibo, il social cinese batte Twitteer!
(Milano)
-

Sulla base degli ultimi dati trimestrali del gruppo, nei primi tre mesi del 2017 la principale piattaforma cinese di microblogging ha infatti contato 340 milioni di utenti mensili attivi, contro i 328 milioni utenti operativi su Twitter (che in Cina è blo
WEIBO sorpassa Twitter per numero di utenti attivi. Sulla base degli ultimi dati...

Bosch: la nuova tecnologia della guida autonoma
Bosch: la nuova tecnologia della guida autonoma
(Milano)
-

Nei prossimi due lustri lo sviluppo e la diffusione della guida autonoma coinvolgeranno ogni comparto delle automobili: dai sistemi di propulsione e trasmissione ai freni, passando per lo sterzo, gli strumenti di visualizzazione, la navigazione e i sensor
Nei prossimi due lustri lo sviluppo e la diffusione della guida...

OnePlus 5, ecco le specifiche tecniche
OnePlus 5, ecco le specifiche tecniche
(Milano)
-

L’azienda cinese ha confermato attraverso i suoi profili social che il OnePlus 5 arriverà entro la fine dell’estate (presumibilmente entro giugno) e che come al solito sarà ricco di sorprese.
A poco più di un mese dalla presentazione ufficiale, il OnePlus 5 non è più un...

Ecco lo spray che fa diventare touch ogni schermo!
Ecco lo spray che fa diventare touch ogni schermo!
(Milano)
-

Ormai siamo talmente abituati ai touchscreen che capita di cercare di ottenere una risposta sfiorando superfici che non sono sensibili al tocco.
Ormai siamo talmente abituati ai touchscreen che capita di cercare di ottenere...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati