L'inaugurazione della Salerno Reggio Calabria? UNA FARSA! CI VORRANNO ANCORA TANTISSIMI ANNI!!!

(Bari)ore 17:36:00 del 29/12/2016 - Categoria: , Ambiente, Cronaca, Denunce, Economia, Politica

L'inaugurazione della Salerno Reggio Calabria? UNA FARSA! CI VORRANNO ANCORA TANTISSIMI ANNI!!!

SALERNO-REGGIO CALABRIA: L’INAUGURAZIONE? UNA SOLENNE PRESA PER IL CULO! LE PROVE CHE CI VORRANNO ANCORA ANNI PER TERMINARE I LAVORI

UNA BUFFONATA.
Chiunque ci sia al governo prende per i fondelli il meridione. Ci 
aveva pensato Renzi, lo ha fatto Gentiloni. Ovviamente, la colpa non è 
loro, ma dagli amministratori calabresi, a cominciare dal presidente 
della Regione. Non so chi c'era a battere le mani a Gentiloni, ma 
chiunque egli fosse dovrebbe vergognarsi o perchè ha taciuto o perchè 
non sa. Chi percorre la SA-RC sa che i circa 30 km che vanno da Cosenza a
Falerna sono fra i più pericolosi e non solo non sono stati 
ammodernati, ma il progetto di ammodernamento è stato affossato dai nuovi padroni dell'ANAS 
Chiunque percorra la SA-RC sa che il pericoloso viadotto tra Pizzo e 
S.Onofrio non solo non è stato aggiornato. 
Presidente della Regione e Sindaci di tutta la Calabria meridinale 
perchè tacete? E' UNA VERGOGNA

SALERNO-REGGIO CALABRIA: L’INAUGURAZIONE? UNA SOLENNE PRESA PER IL CULO! LE PROVE CHE CI VORRANNO ANCORA ANNI PER TERMINARE I LAVORI

Prima di tutto, la storia. L’autostrada venne immaginata per la prima volta dal regime fascista nel 1934 ma la sua costruzione iniziò solo durante il governo Fanfani nel 1962. Dodici anni dopo, nel 1974, l’intero tratto da Salerno a Reggio Calabria aprì al traffico per la prima volta; tuttavia i lavori non si fermarono, se non per qualche anno. Nel 1987 il governo Craxi programmò 1000 miliardi di vecchie lire per “lavori di summa urgenza” sull’A3, seguiti da un nuovo stanziamento da 6000 miliardi destinato dal primo governo Prodi per l’ampliamento delle corsie, la messa in sicurezza della strada, l’eliminazione delle pendenze e la costruzione di nuove gallerie. I lavori iniziarono nel 2003 e videro completati il primo macrolotto nel 2008 ed il secondo nel 2014.

Veniamo al presente. Gli interventi completati oggi riguardano proprio il terzo macrolotto, in particolare nel tratto tra gli svincoli di Laino Borgo e Campotenese, a cavallo del massiccio del Pollino. Un’opera tristemente ricordata per il crollo che nel marzo 2015 causò la morte di un operario. Grazie alla volata degli ultimi mesi, i tempi sono stati rispettati ed il 22 dicembre il tratto è finalmente libero da cantieri, vero; tuttavia la promessa di Renzi non può comunque ritenersi mantenuta. I lavori infatti non finiranno, come si legge chiaramente sul sito della stessa Anas: per la manutenzione straordinaria sui 10 chilometri tra Campo Calabro e lo svincolo di Reggio Calabria/Santa Caterina la gara è ancora in corso.

Ma non solo, Anas ha programmato un nuovo piano di manutenzione per i restanti 58 chilometri, sui quali sono necessari “interventi per il rifacimento profondo della pavimentazione, risanamento dei viadotti, posa in opera di nuove barriere di sicurezza, nuovi impianti di illuminazione e tecnologica, nuova segnaletica”. Nell’infografica messa a disposizione da Anas è possibile osservare il progetto nella sua interezza: un piano già finanziato che prevede un costo complessivo stimato di circa 1 miliardo di ero. Come documentato nei mesi scorsi dalla giornalista Lidia Baratta su Linkiesta.it, si tratta di lavori che impiegheranno anni per essere completati: i 58 chilometri in futura manutenzione sono più del doppio dei 20 chilometri finali del terzo macrolotto su cui si sono concentrati gli sforzi del governo negli ultimi anni e che vedono la luce proprio oggi. Pur essendo interventi meno impegnativi, la realtà resta che da oggi i restringimenti non scompariranno dalla A3. Nuovi lavori sono in programma, nuovi disagi attendono gli automobilisti in transito per le vacanze estive; mentre gli interventi straordinari in corso dagli anni ’90 non vedranno ancora la agognata fine.

Non si può certo negare che gli ultimi interventi hanno migliorato la viabilità e reso la Salerno-Reggio Calabria un’autostrada più sicura e scorrevole. L’agenzia di stampa Agi, che ha percorso per intero i 375 chilometri, racconta carreggiate a tre corsie, “fornite di gallerie rifinite e illuminate alla perfezione e manto stradale nuovissimo in diverse zone”. Ma non solo: la A3 si candida ad essere la prima smart road al mondo, completamente cablata alla rete internet per permettere alle self-driving-cars di orientarsi nello spazio ed agli automobilisti di collegarsi al wi-fi. Agi certifica che la tecnologia è già operativa nei primi 100 chilometri, da Salerno a Padula Buonabitacolo.

Matteo Renzi non ha tuttavia mantenuto una delle promesse a cui forse teneva maggiormente, anche per recuperare fiducia in quel Mezzogiorno che gli ha voltato le spalle al referendum del 4 dicembre. Non per via di ritardi sui lavori o problematiche in corso d’opera, ma per il banale motivo che il completamento del terzo macrolotto programmato nel 1997 non rappresenta la bramata fine dei lavori. Nuovi interventi e cantieri apriranno nelle prossime settimane e mesi, probabilmente per anni.

Per finire, una curiosità. Il completamento della Salerno-Reggio Calabria è una vera e propria maledizione per i governanti italiani: Silvio Berlusconi ne promise il completamento nel settembre del 2010 e fu costretto alle dimissione un anno dopo; Corrado Passera – allora ministro per lo Sviluppo Economico – nell’estate del 2012 annunciò la fine dei lavori entro l’anno successivo ma le elezioni giunsero prima che si potesse inaugurare l’opera e la sua successiva esperienza politica non rimarrà certo negli annali per incisività; ed infine Matteo Renzi, che promise in pompa magna la fine dei lavori, ha trovato sulla propria strada il fallimento del referendum del 4 dicembre, che gli impedirà di prendersi la scena all’inaugurazione. La Salerno-Reggio Calabria un giorno o l’altro avrà fine, l’instabilità di governo tutta italiana chissà.

Autore: Sasha

Notizie di oggi
Sala piena per il PD? FOTO TAROCCATA! SENZA PAROLE
Sala piena per il PD? FOTO TAROCCATA! SENZA PAROLE
(Bari)
-

“Pubblico fittissimo per la sessione plenaria della giornata dei #luoghideali con #FabrizioBarca.”, scrivono felici sul profilo Facebook del Pd di Parma.
“Pubblico fittissimo per la sessione plenaria della giornata dei #luoghideali...

ENERGIA GRATUITA ORMAI E' REALTA', MA IN ITALIA NESSUNO NE PARLA
ENERGIA GRATUITA ORMAI E' REALTA', MA IN ITALIA NESSUNO NE PARLA
(Bari)
-

LE CONDUTTURE COMUNALI DELLE GRANDI CITTÀ TRASPORTANO ENORMI QUANTITÀ DI ACQUA. PERCHÉ ALLORA NON SFRUTTARE QUESTO FLUSSO PER PRODURRE ENERGIA GRATUITA?
LE CONDUTTURE COMUNALI DELLE GRANDI CITTÀ TRASPORTANO ENORMI QUANTITÀ DI ACQUA....

Di Maio vuole mandare Renzi in galera: ECCO LE ACCUSE
Di Maio vuole mandare Renzi in galera: ECCO LE ACCUSE
(Bari)
-

BOOM! – DI MAIO VUOLE MANDARE IL DUCETTO IN GALERA E SI RIVOGE A WOODCOCK. SOLO UNA COINCIDENZA? – GIGGINO ACCUSA MATTEO DI ISTIGAZIONE ALLA CORRUZIONE, CORRUZIONE INTERNAZIONALE, INDUZIONE INDEBITA – L’ESPOSTO ALLA PROCURA DI NAPOLI SUL SALVATAGGIO DELL’
BOOM! – DI MAIO VUOLE MANDARE IL DUCETTO IN GALERA E SI RIVOGE A WOODCOCK. SOLO...

Alitalia, un baraccone gestito malissimo da SINDACATI, DIPENDENTI RACCOMANDATI E CASTA
Alitalia, un baraccone gestito malissimo da SINDACATI, DIPENDENTI RACCOMANDATI E CASTA
(Bari)
-

ALITALIA COME D'ALTRONDE LA RAI SONO DUE CARROZZONI AFFETTI DALLA SINDROME DELLA DOPPIA ERRE: RACCOMANDATI E ROMANI.
ALITALIA COME D'ALTRONDE LA RAI SONO DUE CARROZZONI AFFETTI DALLA SINDROME DELLA...

Elezioni Francia: ANCHE I FRANCESI LIQUIDANO I PARTITI TRADIZIONALI
Elezioni Francia: ANCHE I FRANCESI LIQUIDANO I PARTITI TRADIZIONALI
(Bari)
-

Hanno perso i partiti tradizionali. Hanno vinto i presunti ribelli, figli unici di un sistema a cui in qualche modo si oppongono.
Hanno perso i partiti tradizionali. Hanno vinto i presunti ribelli, figli unici...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati