Libri: come amarli?

(Roma)ore 22:15:00 del 15/01/2017 - Categoria: , Cultura

Libri: come amarli?

In secondo luogo, leggere non deve essere una costrizione: ecco perché bastano anche solo cinque pagine al giorno.

Biblioteca Roma: nonostante la tecnologia e i mezzi di comunicazione siano molto evoluti ed offrano svariati tipi di intrattenimento, la lettura resta ancora uno tra i principali tipi di intrattenimento preferito dalle persone.

Biblioteca - nonostante la digitalizzazione dell'informazione e la nascita degli e-book, il libro continua ancora ad essere presente e venduto come uno tra i più importanti mezzi di diffusione dell'informazione. La lettura è un bellissimo passatempo per acculturarsi, tenere la mente in forma e anche rilassarsi. Biblioteca Roma: esistono tanti modi per potersi avvicinare alla lettura e iniziare a leggere riempiendo man mano la propria libreria.

1 - Porsi un obiettivo

Il primo consiglio motivazionale di Alienhippy è: l'individuo medio legge circa zero pagine all'anno; leggere anche solo cinque pagine al giorno equivale dunque a leggere qualcosa in più rispetto all'individuo medio. Certo, nel forum c'è chi obietta che cinque pagine neanche bastano per farsi catturare dal libro, ma tutti sono d'accordo sul fatto che dipenda da molte variabili: il tempo a disposizione, ad esempio, o la concentrazione. Porsi un certo numero di pagine al giorno, però, aiuta a dimenticare smatphone e social network all'angolo e a perdere la brutta abitudine - soprattutto per i lettori meno abituati - di distrarsi.

2 - Non sentirsi costretti

In secondo luogo, leggere non deve essere una costrizione: ecco perché bastano anche solo cinque pagine al giorno. Pian piano si arriva così a leggere fino a 100 pagine al giorno senza fatica (tutt'altro: si arriva ad un punto in cui neanche più si conteranno le pagine giornaliere). Ci sono utenti che regolano la propria lettura in base ai capitoli - o in base ai paragrafi, se i capitoli sono troppo lunghi - e lettori che invece rimpiangono di doversi svegliare presto il mattino dopo perché vorrebbero passare la notte intera a leggere, senza curarsi del tempo che passa.

3 - Saltare da un libro all'altro

L'utente sembra poi essere arrivato da solo alla conclusione che Daniel Pennac aveva inserito nei suoi "Diritti imprescindibili del lettore": il diritto di non finire un libro. Il terzo consiglio infatti è saltare senza troppi problemi da un libro all'altro, se il primo ci fa chiudere gli occhi dopo le prime righe. Più i generi sono differenziati, poi, meglio la mente si rinfrescherà tra un passaggio e l'altro

4 - Non è una gara

"Non è una gara: leggere lentamente non ti farà addormentare". Alienhippy suggerisce di capire quale tipo di libri ci riesce più facile leggere, e quali invece richiedono più concentrazione. C'è chi ama i romanzi e chi invece ha bisogno di alternare un romanzo a un saggio o a una biografia: più leggiamo, più capiamo cosa ci piace di più. L'importante è che leggere rimanga un piacere. E allora ecco che gli utenti consigliano anche audio-libri, utili per quando si è indaffarati con le faccende di casa, o partire con un libro da cui è stato tratto il film. "Mi piace questo punto", commenta un altro utente. "Avevo un'insegnante di inglese che costringeva i suoi studenti a finire ogni libro che iniziavano, ma penso che costringersi a non iniziare altri libri non renda piacevole la lettura e finisce per essere l'ennesimo compito sulla lista di-cose-da-fare. Leggere non dovrebbe essere un obbligo, piuttosto qualcosa a cui tendere naturalmente quando si ha tempo per se stessi".

5 - Comprare (o forse no?)

Comprare, comprare, comprare. Aver pagato un libro è un ottimo deterrente per evitare di lasciare a metà la lettura. Non molti però si trovano d'accordo con quest'ultimo consiglio. "Andate in biblioteca", ha risposto un altro utente. "Comprate e-book. Se non ti piace un libro, posalo!, prendine un altro. La vita è troppo corta per leggere libri brutti". La biblioteca è straordinariamente popolare nella community, tanto che i lettori si chiedono come mai non sia più frequentata. La risposta arriva subito dopo: "Ho un'ossessione incontrollabile per i libri, devo possederli. Una volta ho letto un libro bellissimo preso in biblioteca e poi ho dovuto comprarlo, perché se mi viene voglia di leggerlo di nuovo, devo poterlo fare!" Patremagne, un altro utente, mette d'accordo tutti: "possiedo un po' di libri che mi piacerebbe leggere di nuovo, ma ne ho molti di più che vorrei leggere per la prima volta".

Autore: Samuele

Notizie di oggi
Voltaire? Un taccagno intollerante favorevole alla schiavitu'!
Voltaire? Un taccagno intollerante favorevole alla schiavitu'!
(Roma)
-

Da qualche decennio la storiografia più seria ha cominciato a mostrarci il volto nascosto dell'«apostolo della tolleranza», pur con pochi riscontri nella vulgata più comune e, in particolare, in quella scolastica.
Chi era davvero Voltaire? Il difensore intransigente della tolleranza, nemico di...

Ecco il metodo MAGICO giapponesi per la matematica! VIDEO
Ecco il metodo MAGICO giapponesi per la matematica! VIDEO
(Roma)
-

La matematica “Asian-style” efficace e divertente
La matematica “Asian-style” efficace e divertente È il momento delle...

Gesu' esistito veramente? Ecco le prove STORICHE
Gesu' esistito veramente? Ecco le prove STORICHE
(Roma)
-

Ecco le prove storiche di fonti non cristiane del fatto che Gesù ha vissuto ed è morto
Chiedete a un cristiano quali prove scritte possiede del fatto che Gesù sia una...

Marlon Brando e quell'Oscar rifiutato per protesta contro lo sterminio degli Indiani
Marlon Brando e quell'Oscar rifiutato per protesta contro lo sterminio degli Indiani
(Roma)
-

Era il marzo del 1973. L’attore non ritirò mai l’Oscar per Il Padrino. Al suo posto mandò una giovane Apache, Sacheen Littlefeather. E scrisse una lettera che è ancora un atto d’accusa contro il potere.
ERA I 1973.MARLON BRANDO NON RITIRÒ L’OSCAR PER”IL PADRINO”.AL SUO POSTO MANDÒ...

Sandro Pertini, il presidente della repubblica piu' amato dagli italiani?
Sandro Pertini, il presidente della repubblica piu' amato dagli italiani?
(Roma)
-

Ah, Sandro Pertini, il presidente della repubblica più amato dagli italiani. Il presidente della gente, dei bambini, il fumetto con la pipa, il presidente-partigiano che esce dal protocollo. L'Impertinente. Il Puro
A quarant'anni dalla sua elezione al Quirinale, in un diluvio celebrativo,...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati