Le api muoiono e finisce il mondo? Una bufala diffusa dalle api per NON FARSI AMMAZZARE!

(Roma)ore 17:31:00 del 14/03/2017 - Categoria: , Bufale

Le api muoiono e finisce il mondo? Una bufala diffusa dalle api per NON FARSI AMMAZZARE!

La bufala delle api a cui sarebbe legato il destino del mondo era stata messa in giro esattamente tempo fa, quando ancora gli Homo sapiens erano liberi di uccidere questi fastidiosi insetti.

La bufala delle api a cui sarebbe legato il destino del mondo era stata messa in giro esattamente tempo fa, quando ancora gli Homo sapiens erano liberi di uccidere questi fastidiosi insetti.

Giorno dopo giorno le api stavano diminuendo di numero e fu così che, secondo fonti talmente certe che non hanno nemmeno bisogno di essere verificate, l’ape regina Maja XIV, aiutata dalle lobby del miele, avrebbe deciso di correre prontamente ai ripari ideando un piano diabolico: “Le persone devono rispettarci, devono avere paura di noi!” avrebbe tuonato ai suoi più stretti collaboratori “Dobbiamo far credere a tutti di essere indispensabili”

I fedeli assistenti manifestarono subito forti dubbi sulla credulità della gente, ma la Regina (peraltro mai eletta dal popolo) sarebbe a placare ogni perplessità: “Si mangiano il nostro vomito, vuoi che non si bevano questa balla?”

E così, pagando pseudoscienziati pseudomultilaureati, hanno divulgato questa leggenda facendo sì che fosse proibito ucciderle, rendendole addirittura una specie protetta. Ma protette da chi precisamente? Dalle lobby del miele di acacia? Di timo? (Di eucalipto no, perché è buonissimo). E perché mai le proteggono?

In realtà, apprendiamo da fonti certe, le api sono inutili e dannose: le api ci temono. Questa è la verità, l’unica da ascoltare. E il consiglio per conoscerla è quello di documentarsi sui siti di giornali onesti; del resto, quale fonte d’informazione seria e incorruttibile avrebbe diffuso questa bufala confermata solo dal 100% degli etologi? Non la nostra.

E, a conferma che sia tutto un piano ordito dalle multinazionali dei vasetti di vetro, corre voce certa che l’inganno sia stato smascherato nella 25ª puntata dell’Ape Maja (come la regina: coincidenze?) censurata tempestivamente dal Governo e mai andata in onda. Ma non solo: l’intera serie è stata punita e bloccata dopo sole 80 puntate (in realtà 81!) e mai rifinanziata dalle Banche Mondiali.

Banche che hanno preferito sostenere economicamente cartoni animati vili e accomodanti come Pollon: una bimba renziana col sogno di diventare una Dea senza però mai chiedere il parere della Rete; e Gigi la Trottola: dove, i protagonisti della serie, senza davvero alcun ritegno, son rimasti in carica per più di due stagioni consecutive.

http://www.lercio.it/

Autore: Carmine

Notizie di oggi
Internet: saranno rimborsate le spese per i troll pagati dai partiti!
Internet: saranno rimborsate le spese per i troll pagati dai partiti!
(Roma)
-

Sta suscitando polemiche infuocate una delle norme inserite nel Documento di Economia e Finanza (conosciuto anche con la misteriosa sigla DEF) in discussione alla Camera, quella che prevede che siano totalmente rimborsabili le spese sostenute per i troll
Pidio (TA) – Sta suscitando polemiche infuocate una delle norme inserite...

Texas, polizia uccide il sospetto: GIRAVA DISARMATO!
Texas, polizia uccide il sospetto: GIRAVA DISARMATO!
(Roma)
-

Lansdale (Texas) – Fino a quel momento era stata una giornata tranquilla per i due agenti Leonard Collins e Hap Pine: un paio di linciaggi che avevano rischiato di saltare per le proteste degli arroganti difensori dei diritti civili, un tizio con una divi
Lansdale (Texas) – Fino a quel momento era stata una giornata tranquilla per i...

Scoreggia di Kim Jong-un eletta profumo dell'anno
Scoreggia di Kim Jong-un eletta profumo dell'anno
(Roma)
-

Pyongyang (Sì: è una località) – Una folla entusiasta di figuranti e comparse, con parenti e amici in ostaggio, ha salutato con felicità la vittoria dell’Eau de Toilette “Flat’U’Lenz” al gran premio “North Corean Academy of Parfum and Declaration of Donal
Pyongyang (Sì: è una località) – Una folla entusiasta di figuranti e comparse,...

Facebook blocca il profilo di Papa Francesco: 'TROPPE BUFALE'!
Facebook blocca il profilo di Papa Francesco: 'TROPPE BUFALE'!
(Roma)
-

Davanti a Facebook, se non sei nazista, siamo tutti uguali. Lo hanno duramente appreso anche i gestori del profilo di Jorge Mario Bergoglio, in arte papa Francesco, che hanno conosciuto la scure del social network più usato al mondo quando, ieri mattina,
Davanti a Facebook, se non sei nazista, siamo tutti uguali. Lo hanno duramente...

Gli Incas furono sterminati perche' rompevano il c*** con i flauti!
Gli Incas furono sterminati perche' rompevano il c*** con i flauti!
(Roma)
-

La notizia ci arriva grazie all’opera dell’illustre professore universitario Arsenio K. Lattanzi, di evidenti origini italiane, come si può notare dalla sua usanza di far assumere parenti senza particolari competenze
[MILWAUKEE] La notizia ci arriva grazie all’opera dell’illustre professore...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati