Le Ambizioni di MARIA ETRURIA BOSCHI? Prendere il posto della Boldrini, prima PREMIER DONNA!

(Firenze)ore 22:30:00 del 29/08/2017 - Categoria: , Denunce, Politica

Le Ambizioni di MARIA ETRURIA BOSCHI? Prendere il posto della Boldrini, prima PREMIER DONNA!

Non c’erano i migranti nel Mediterraneo, ma i boat-people del Vietnam. Non c’era la ripresina, ma l’inflazione al 14,5 per cento. E quell’anno fu inaugurata l’ottava legislatura repubblicana, mentre nel 2018 sarà eletta la diciottesima.

LE AMBIZIONI DI MARIA ETRURIA - LA BOSCHI PUNTA A PRENDERE IL POSTO DELLA BOLDRINI, MA SOGNA ANCHE DI DIVENTARE IL PRIMO PREMIER DONNA - RENZI FARA’ SECCHI UNO PER UNO TUTTI I SUOI “EX MINISTRI” CHE GLI STANNO SBARRANDO LA STRADA PER PALAZZO CHIGI. E SE NON RIESCE NELL’IMPRESA E’ PRONTO A LANCIARE “MEB”, PIUTTOSTO CHE GENTILONI O MINNITI

Non c’erano i migranti nel Mediterraneo, ma i boat-people del Vietnam. Non c’era la ripresina, ma l’inflazione al 14,5 per cento. E quell’anno fu inaugurata l’ottava legislatura repubblicana, mentre nel 2018 sarà eletta la diciottesima.

Ma per il resto tutto riporta la politica italiana a somigliare incredibilmente al 1979, con un salto all’indietro di quasi quarant’anni. Quando “L’Espresso”, il 15 luglio, per la penna di Guido Quaranta, pronosticava l’avvento di «capi di governo entranti, balneari, in pectore, recidivi», avvertendo che «la rosa di Palazzo Chigi è sempre più spinosa». Faceva i nomi dei candidati alla presidenza del Consiglio: Andreotti, Piccoli, Saragat, Forlani, Pandolfi, Visentini. E si domandava sconsolato: «Da quale di questi uomini comprereste un’auto usata?».

Sarà meglio cominciare ad abituarsi: cambiati i nomi, sembra un retroscena dell’estate 2017. Stagione di roventi battaglie sotto il pelo dell’acqua per la politica italiana, in vista di una campagna elettorale con pochissime certezze.

La prima: senza una nuova legge nessuno vincerà nelle urne e nessun partito avrà da solo la maggioranza in entrambi i rami del Parlamento. Non succede da un quarto di secolo: nel 2013 la coalizione Italia bene comune guidata dall’allora segretario del Pd Pier Luigi Bersani aveva la maggioranza dei seggi alla Camera per effetto del premio garantito dal Porcellum, ma non al Senato.

La seconda certezza: in assenza di vincitore toccherà a Sergio Mattarella individuare il nome del prescelto per Palazzo Chigi sulla base di due valutazioni, la capacità di formare un governo di coalizione con partiti che in campagna elettorale si sono dichiarati alternativi e la possibilità di garantire un periodo di stabilità non solo politica ma anche istituzionale, come stanno chiedendo in queste settimane i settori più esposti sui fronti caldi, da quello mediterraneo in politica estera a quello europeo in politica economica. Per questo le lobby si sono messe già in movimento, sponsorizzando sotto traccia, ma neppure più di tanto, questo o quel nome.

Nel 2018, a complicare la situazione, arriveranno a scadenza tutti i vertici degli apparati di sicurezza e ordine pubblico, al centro in questi mesi di tutte le vicende più delicate, dall’inchiesta Consip in cui è indagato il comandante generale uscente dell’Arma dei Carabinieri Tullio Del Sette al caso Regeni in cui è impegnata da due anni l’intelligence italiana, per non parlare dello scacchiere libico.

Scadono tutti insieme il capo della Polizia Franco Gabrielli (nominato dal governo Renzi con un mandato di soli due anni), il capo del Dis Alessandro Pansa, i numero uno dell’Aisi Mario Parente e dell’Aise Alberto Manenti, i vertici della Guardia di Finanza Giorgio Toschi, della Marina Valter Girardelli, dell’Aeronautica Enzo Vecciarelli, oltre al capo di Stato maggiore della Difesa generale Claudio Graziano e dell’Esercito Danilo Errico.

Un risiko senza precedenti. E nel Palazzo, in modo sotterraneo, si discute se sia opportuno che un governo in scadenza, e per di più nato come provvisorio e a termine, come quello di Paolo Gentiloni, metta mano a una simile tornata di nomine, dopo aver già indicato gli amministratori degli enti partecipati (Eni, Enel, Leonardo-Finmeccanica, Poste, Ferrovie, Terna), il direttore generale della Rai Mario Orfeo e, nelle prossime settimane, il governatore di Banca d’Italia (favorito per il secondo mandato l’uscente Ignazio Visco).

In rari casi un governo ha avuto un potere così grande per incidere con le nomine sugli equilibri futuri. C’è chi fa notare che si tratta di pura apparenza, perché in realtà Palazzo Chigi non fa altro che ratificare, e in molti casi prorogare, decisioni giù prese, avvicendamenti scontati, filiere che si auto-riproducono in base alle logiche interne a ciascuna arma o apparato.

E infatti anche in questo caso girano i nomi dei successori, quasi sempre i numeri due che salgono a numero uno. Anche in questo caso, quindi, il governo Gentiloni si comporterebbe da facilitatore, come si definì il premier durante la presentazione alle Camere del suo programma, più che da decisionista, come è stato nel caso del predecessore Matteo Renzi.

Ma è un’osservazione che conferma l’ipotesi di partenza: nei prossimi mesi le due partite, per le nomine in arrivo e per la poltronissima di Palazzo Chigi, finiranno per incrociarsi. E ogni candidato sta chiamando a raccolta i suoi sponsor: in passato servivano le tessere, il peso della corrente nel partito di maggioranza relativa, l’eterna Dc. Oggi, finita la fase del nome indicato sulla scheda elettorale, la corsa per Palazzo Chigi somiglia a quella per il Quirinale: il candidato viene selezionato sulla base dei suoi appoggi istituzionali e sulla trasversalità, il consenso che arriva fuori dal partito di appartenenza.

Ecco perché torna a girare il nome di Giuliano Amato: bocciato nel 2015 da Renzi per il Quirinale perché portato da Berlusconi e da Massimo D’Alema, potrebbe tornare utile per Palazzo Chigi. Ecco perché si stanno muovendo per tempo a caccia di alleanze i ministri in carica. Ognuno attento a costruire la sua candidatura tassello per tassello.

Per Marco Minniti, per esempio, il Viminale è stato il coronamento di una carriera politica, come fu per Francesco Cossiga, che dell’attuale ministro dell’Interno è stato amico: toccava a Minniti, sottosegretario a Palazzo Chigi, tenere i rapporti con l’ex presidente per conto di Massimo D’Alema presidente del Consiglio, le telefonate dal condominio di via Ennio Quirino Visconti arrivavano puntuali alle prime ore dell’alba.

Dago

Autore: Gregorio

Notizie di oggi
SCATTA L'ORA X IN SICILIA: CORSA ALLE POLTRONE IN ATTO
SCATTA L'ORA X IN SICILIA: CORSA ALLE POLTRONE IN ATTO
(Firenze)
-

Siciliani, non sarete mica sorpresi ! A che cosa pensavate, quando avete messo la X sulla scheda elettorale ? Per non cambiare nulla e continuare la decadenza, la schiavitù, i voti di scambio, le mazzette..…
Siciliani, non sarete mica sorpresi ! A che cosa pensavate, quando avete messo...


(Firenze)
-


BERLINO - L'Italia, vista dai quotidiani tedeschi, è un coacervo di questioni...

Inquinamento: ITALIA PRIMO PAESE PER MORTI IN EUROPA
Inquinamento: ITALIA PRIMO PAESE PER MORTI IN EUROPA
(Firenze)
-

“L’Italia è il primo grande Paese europeo per numero di morti legati all’inquinamento dell’aria. Questo è quanto emerge da uno studio presentato al Senato dalla Fondazione per lo sviluppo sostenibile, presieduta dall’ex ministro dell’Ambiente Edo Ronchi.
“L’Italia è il primo grande Paese europeo per numero di morti legati...

USA: ecco la PILLOLA DIGITALE che comunichera' al Sistema se l'hai assunta oppure no!
USA: ecco la PILLOLA DIGITALE che comunichera' al Sistema se l'hai assunta oppure no!
(Firenze)
-

Buongiorno, volevamo avvisarla che questo mese non riceverà lo stipendio ed è appena stato licenziato poiché sebbene in stato di malattia non ha ingerito il nostro farmaco !!!!
"Pare fantascienza ma si tratta solo di controllo globale totalitario della...

Gasdotto Puglia- Melendugno: CITTA' MILITARIZZATA! VIDEO
Gasdotto Puglia- Melendugno: CITTA' MILITARIZZATA! VIDEO
(Firenze)
-

Gli abitanti di Melendugno (Puglia), hanno avuto un risveglio orwelliano,si sono ritrovati per le strade oltre 250 poliziotti in difesa del Gasdotto.
Gli abitanti di Melendugno (Puglia), hanno avuto un risveglio orwelliano,si sono...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati