Lavoro: dal primo luglio addio allo stipendio in contanti

(Milano)ore 10:16:00 del 14/06/2018 - Categoria: , Lavoro

Lavoro: dal primo luglio addio allo stipendio in contanti

La retribuzione ai dipendenti dovrà essere corrisposta tramite metodi di pagamento tracciabili

Lavoro: dal primo luglio addio allo stipendio in contanti

La retribuzione ai dipendenti dovrà essere corrisposta tramite metodi di pagamento tracciabili

Dal prossimo primo luglio, i datori di lavoro non potranno più pagare lo stipendio per mezzo contante direttamente al lavoratore. E’ quanto stabilito dal comma 911 dell’articolo 1 della Legge di Bilancio (27 dicembre 2017, n. 205), pubblicata sulla Gazzetta ufficiale lo scorso 29 dicembre.

Multe salate. Per quanti non dovessero rispettare la nuova normativa, si prevedono multe salate. Infatti, il comma 913 dell’art. 1 della stessa legge, prevede che al datore di lavoro o al committente che viola l’obbligo di effettuare il pagamento dello stipendio con strumenti tracciabili, si applica la sanzione amministrativa pecuniaria minima di 1.000 euro e massima di 5.000 euro.

Si intende violato il divieto di corrispondere lo stipendio in contanti anche quando il bonifico viene revocato o l’assegno annullato. La sanzione scatta quindi anche quando il pagamento dello stipendio non è andato a buon fine.

I metodi di pagamento possibili. Come recita il comma, il datore di lavoro dovrà corrispondere la retribuzione, “nonché ogni anticipo di essa, attraverso una banca o un ufficio postale con uno dei seguenti mezzi: A) bonifico sul conto identificato dal codice IBAN indicato dal lavoratore;

B) strumenti di pagamento elettronico; C) pagamento in contanti presso lo sportello bancario o postaledove il datore di lavoro abbia aperto un conto corrente di tesoreria con mandato di pagamento; D) emissione di un assegno consegnato direttamente al lavoratore o, in caso di suo comprovato impedimento, a un suo delegato.

L’impedimento – ricorda la legge – s’intende comprovato quando il delegato a ricevere il pagamento è il coniuge, il convivente o un familiare, in linea retta o collaterale, del lavoratore, purché di età non inferiore a sedici anni”

Da: QUi

Autore: Samuele

Notizie di oggi
Che fine ha fatto la legge sulle CHIUSURE DOMENICALI promessa entro fine anno?
Che fine ha fatto la legge sulle CHIUSURE DOMENICALI promessa entro fine anno?
(Milano)
-

Qualche mese fa, il ministro Luigi Di Maio decise di intervenire sulla polemica relativa alle aperture domenicali e festive indiscriminate di negozi e centri commerciali promettendo che il governo si sarebbe occupato della questione e avrebbe lavorato per
Qualche mese fa, il ministro Luigi Di Maio decise di intervenire sulla polemica...

Come sei stato COMPRATO con il MATERIALISMO
Come sei stato COMPRATO con il MATERIALISMO
(Milano)
-

Sei stato ingannato se pensi che lavorare 40 ore a settimana nella ruota del criceto umano dove stai vivendo, sia vita, mentre l’1 % possiede il 99 % dei soldi, i tuoi ovviamente.
Sei stato ingannato se pensi che lavorare 40 ore a settimana nella ruota del...

Botswana, la popolazione che con 2 EURO AL GIORNO vive meglio dell'Italia
Botswana, la popolazione che con 2 EURO AL GIORNO vive meglio dell'Italia
(Milano)
-

Le contraddizioni del rating: se quello del Botswana è più alto del nostro…
Società private, che rispondono ad interessi privati e sono tutto tranne che...

Di Maio: l'anno prossimo 500mila posti di lavoro col reddito di cittadinanza. VIDEO
Di Maio: l'anno prossimo 500mila posti di lavoro col reddito di cittadinanza. VIDEO
(Milano)
-

“L’anno prossimo diamo 500mila posti di lavoro ai giovani italiani che formeremo col reddito di cittadinanza”
“L’anno prossimo diamo 500mila posti di lavoro ai giovani italiani che formeremo...

Pensione di cittadinanza: chi ci rimette?
Pensione di cittadinanza: chi ci rimette?
(Milano)
-

Arriva la pensione di cittadinanza da 780 euro al mese (ma poche persone ne avranno diritto)
Secondo le prime simulazioni, attualmente i pensionati con assegni inferiori a...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati