Lavorare nello spettacolo: come fare per diventare famosi

NAPOLI ore 23:06:00 del 07/12/2015 - Categoria: Cinema, Guide, Sociale

Lavorare nello spettacolo: come fare per diventare famosi

Lavorare nello spettacolo al giorno d'oggi non è semplice. Bisogna studiare e avere talento, evitando di farsi ingannare

 Lavorare nello spettacolo - Lavorare nel mondo dello spettacolo è il sogno di moltissimi giovani e meno giovani. Ma, come per tutti i mestieri e forse di più, richiede molta determinazione e studio. Inoltre, il termine “spettacolo” è piuttosto generico e dipende quindi da cosa vogliamo fare. Possiamo ad esempio aspirare a fare gli attori o le attrici, le comparse, il ballerino o la ballerina, il cantante o la cantante, i mestieri che ruotano intorno allo spettacolo sono molti e diversi tra loro, quindi prima dobbiamo decidere cosa fare. Qui daremo indicazioni soprattutto per il mestiere di attore e per le comparse.

 Lavorare nello spettacolo - A seconda della nostra scelta decideremo il percorso da fare; frequentare un’accademia d’arte drammatica, una buona scuola di recitazione per chi volesse fare l’attore, è un passo fondamentale per la carriera. Studi artistici, in ogni caso, aprono le porte del mestiere, meglio se coadiuvati da unaformazione d’accademia. Un aspirante ballerino necessita di studi appropriati, come scuole di ballo serie e affidabili. Se invece si rivuole subito “buttarsi nella mischia” ci si può iscrivere ad un’Agenzia comparse, ma bisogna essere sicuri che sia affidabile per non incappare in imbrogli e truffe.

 Lavorare nello spettacolo - Come accorgersene? Semplice, un’agenzia seria non chiede mai soldi né per l’iscrizione, né per mini-corsi (può al massimo richiedere un book o proporne la realizzazione a pagamento se non lo si ha a disposizione), soprattutto non promette mari e monti, ma è realista sulle possibilità che ci sono. Per iscriversi a queste agenzie occorre presentare documenti di riconoscimento e codice fiscale, CV, 5 foto a colori o in bianco e nero 10×15 fatte fare da un fotografo o stampate su carta fotografica, eventuali moduli da compilare scaricabili dal sito dell’agenzia. In ogni caso, ulteriori informazioni possono sempre essere richieste telefonando all’agenzia.

 Lavorare nello spettacolo - Le agenzie comparse sono coordinate da capogruppo che collaborano con il Casting director(o Aiuto Regista ) che visionano e scelgono man mano le comparse da utilizzare e il modus operandi. Poi occorre iscriversi all’Enpals, l’Ente nazionale di previdenza e di Assistenza per i lavoratori dello spettacolo e dello sport, per poter versare e ricevere i giusti contributi. Se si è frequentata una scuola di recitazione, che in genere dura 1, 2 o tre anni, occorre presentare l’attestato finale ad ogni provino che, come attore, si farà in seguito. Occorre poi far realizzare un buon book fotografico, che ci servirà per tutto. Per farlo fare bisogna rivolgersi a fotografi specializzati in book presenti sull’elenco o su internet.

 Lavorare nello spettacolo - Gli scatti presenti in un book variano da 200 a 300 e si può richiedere anche la realizzazione di un sito web con le immagini del proprio book all’interno. Per chi volesse fare l’attore è importante iscriversi ad una buona agenzia per attori. In Italia ce ne sono molte ma pochissime sono affidabili. Si trovano soprattutto a Roma e come le Agenzie comparse, quelle serie si riconoscono perché non chiedono soldi. Per iscriversi occorre presentare la stessa documentazione che occorre per le Agenzie Comparse, più il diploma dell’accademia di recitazione, una lettera di presentazione accanto al CV e book fotografico. La cosa migliore è consegnare personalmente tutto e informarsi sul sito web o via telefono se manca qualcosa. Inoltre, per sapere se ci sono provini, è necessario informarsi sul sito dell’agenzia, dove ci saranno le indicazioni riguardo ai provini aperti e le caratteristiche desiderate. Se non sono compatibili con la nostra figura meglio lasciar perdere e soprattutto, non bisogna intasare le segreterie di queste agenzie, anche perché le segretarie sono allenate a rispondere a tutti che non ci sono selezioni aperte.

 Lavorare nello spettacolo - Ci sono, poi, delle cose che non bisogna fare, ma avere. Più che cose, si tratta di caratteristiche fondamentali, come carisma, personalità, determinazione, forza di volontà, impegno, serietà e talento. Se pensate di averle, siete già sulla buona strada e una volta chiamati per questo o quel provino, se riuscirete ad entrare, potrete raggiungere compensi sempre più elevati. Ma, come per tutte le cose, senza un grande impegno e una forza d’animo notevole i risultati saranno difficili da raggiungere, in un settore difficile e pieno di competizione sfrenata.
Autore: Gerardo

Notizie di oggi
Prima gli Italiani? Una cosa NORMALE, fatta passare per un ABOMINIO...
Prima gli Italiani? Una cosa NORMALE, fatta passare per un ABOMINIO...

-

La giusta priorità: prima i connazionali poi gli stranieri, prima i vecchi e i bambini poi gli adulti, prima i capaci e i meritevoli poi gli altri, prima chi tutela l'ordine e la sicurezza poi chi li mette a rischio, prima gli onesti poi i delinquenti, pr
La giusta priorità: prima i connazionali poi gli stranieri, prima i vecchi e i...

I segnali per riconoscere l'invidioso che si nasconde
I segnali per riconoscere l'invidioso che si nasconde

-

COME RICONOSCERE UN INVIDIOSO - È uno dei vizi capitali. Non il più odioso forse – anche se dipende dai punti di vista – ma di sicuro uno dei più insopportabili, quando ci si trova dalla parte di chi lo subisce.
COME RICONOSCERE UN INVIDIOSO - È uno dei vizi capitali. Non il più odioso forse...

483 milioni di lire spesi dal Vaticano per allontanare EMANUELA ORLANDI
483 milioni di lire spesi dal Vaticano per allontanare EMANUELA ORLANDI

-

Un documento choc esce dalla Santa Sede. È il cuore di un libro-inchiesta di Emiliano Fittipaldi, “Gli impostori”. Se è vero, apre squarci clamorosi sulla vicenda della ragazzina scomparsa nel 1983. Se falso, segnala uno scontro di potere senza precedenti
Prima di consegnarmi i documenti, la fonte aveva tergiversato per settimane. Nei...

Death Note Netflix: recensione
Death Note Netflix: recensione

-

Death Note sarebbe un film non così pessimo… Se non avesse il nome che porta. Il lungometraggio Netflix prende il concetto del manga di Obata e Oba ma ne sviluppa male le idee, amplificando le parti secondarie e tralasciando quelle primarie.
RECENSIONE DEATH NOTE NETFLIX - Una premessa è doverosa in sede di...

Smettetela di STORPIARE la lingua italiana!
Smettetela di STORPIARE la lingua italiana!

-

Adesso basta! È assurdo sentire storpiare la lingua italiana tutti i giorni al telegiornale, su programmi di intrattenimento, nelle interviste, ecc.. basta!
Adesso basta! È assurdo sentire storpiare la lingua italiana tutti i giorni al...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati